Una Notte Da Leoni: Eric Snow!

Dopo una settimana di pausa per via dell’All Star Week-End torna la mia rubrica sulle notti da leoni e stavolta facciamo un tuffo alle NBA Finals 2001, l’armata Lakers contro Allen Iverson e i suoi prodi seguaci, nello specifico quella leggendaria Gara1 dove dal nulla Eric Snow uccise i giallo-viola

Eric Snow

È la magica stagione 2000/01 quella di Allen Iverson e dei suoi Philadelphia 76ers, si presero l’Est, si presero quasi tutti gli awards individuali e dopo ben due serie arrivate a Gara7 contro Toronto e Milwaukee staccarono il biglietto per le NBA Finals dove ad attenderli c’era una delle più grandi armate della storia dell’NBA, i Los Angeles Lakers si Kobe Bryant & Shaquille O’Neal; I Sixers erano “One Man Show” co Iverson praticamente ingiocabile ma al suo fianco c’erano validi scudieri come Aaron McKie, Dikembe Mutombo, Raja Bell e quell’Eric Snow sempre silenzioso ma prezioso nell’economia della Philadelphia di coach Larry Brown.

È il 6 giugno 2001, allo Staples Center va in scena la Gara1 delle Finals, un vero Thriller che va addirittura all’Overtime contro ogni pronostico; nel tempo supplementare i lakers cambiano marcia piazzando subito 5 punti ma non avevano fatto i conti con A.I che ne piazza 7, la partita è combattuta, a 50″ dalla fine dell’OT Iverson realizza il famigerato Fade-Away dall’angolo con il famoso “Step Over” su Tyronn Lue per il +4 Sixers (99-103). Kobe non ci sta e si inventa lui un Fade-Away per il -2 Lakers (101-103) a 33″…e qui ecco sbucare Eric Snow!
Iverson non riesce a ricevere, l’attacco Sixers è fermo, Raja Bell non sa cosa fare della sfera e a 4″ dalla sirena dei 24 la ributta fuori per Snow, il PG prodotto Michigan State si butta dentro eseguendo un terzo tempo dallo spigolo e segna quello che rimarrà il canestro più importante della sua carriera ridando +4 ai Sixers o 10″ segnando Gara1. Snow chiuderà Gara1 con 13 punti (5/10 dal campo), 5 assit e 5 perse in 31′

Il resto è storia, i Lakers erano troppo pure per il guerriero Iverson che cederà in 5 gare, Snow resterà a Philadelphia fino alla stagione 2004 per tornare nel suo stato nativo, l’Ohio, dove giocherà 5 stagioni ai Cavaliers prima di appendere le scarpe al chiodo. Una carriera da 6.8 punti e 5.0 assist a partita, sempre nell’ombra, mai sopra le righe ma il classico giocatore che ogni allenatore vorrebbe, diligente in campo, uomo spogliatoio e quella notte di giugno scrisse il proprio nome nella storia dell’NBA…Dopo quello del suo leader.

Una Notte Da leoni, i capitoli
#1Boobie Gibson
#2Gary Neal
#3Troy Hudson
#4Brian Scalabrine
#5DeSagana Diop
#6Grayson Allen
#7Nate Robinson
#8P.J Brown
#9Greg Foster
#10Eric Snow

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B