Boston incubo della Baia, Spurs che rimonta!

Boston per il 2° anno consecutivo beffa i Warriors a casa loro on un 4° periodo devastante, San Antonio senza Leonard e Aldridge rimonta dal -28 e batte i Kings, vittorie importanti per Miami, Indiana e Minnesota contro i Clippers. Colpo Jazz a Houston.

REGULAR SEASON

Orlando Magic – Chicago Bulls 98-91
ORL: Ross 14, Gordon 13, Fournier 20, Payton 22 (14 rimb, 14 ass)
CHI: Butler 21, Lopez 10, Grant 13, Felicio 11

Seconda Tripla-Doppia consecutiva per Elfrid Payton (22+14+14) e Orlando batte in rimonta i Chicago Bulls; Bulls che fanno loro il primo tempo chiudendolo sul +10 (43-53) dopo aver toccato anche il +13, nella ripresa però saranno solo i Magic in campo. Chicago realizzerà 38 punti contro i 55 dei padroni di casa che chiuderanno gli ultimi 2’ con un break di 5-0 per il 98-91 finale.

Atlanta Hawks – Brooklyn Nets 110-105
ATL: Millsap 24, Howard 11 (14 rimb), Schroder 31, Hardaway Jr. 16, Ilyasova 10
BKN: Lopez 18, Lin 16, Kilpatrick 27, Booker 12

Atlanta esce negli ultimi 46” e batte i Nets grazie alla freddezza alla lunetta; a 46” dalla fine Brooklyn è sotto 104-102 e possesso ma Kilpatrick perde palla, dalla una persa arriveranno i liberi di Schroder per il +4 (106-102) a 15” ma Lin non molla, tripla del -1 (106-105) a 13” e nuovo viaggio in lunetta per gli Hawks con Hardaway Jr che non fallirà.
Atlanta +3 con 11” da giocare, di nuovo Lin da 3 ma stavolta nient fortuna per l’ex Knicks e Schroder con un altro 2/2 chiuderà i giochi.

Miami Heat – Charlotte Hornets 108-101
MIA: Babbitt 12, Whiteside 10 (15 rimb), Waiters 24, Dragic 22 (10 ass), J.Johnson 10
CHA: Kidd-Gilchrist 12, Williams 14 (12 rimb), Batum 16, Walker 33

Italian Job: Belinelli 8 pt (1/5, 1/3, 3/3), 1 rimb, 2 ass, 1 rec in 26’

Importante vittoria in chiave Playoffs per i Miami Heat che battono una loro rivale diretta come gli Hornets grazie al trio Dragic-Waiters-Whiteside; match equilibrato, le squadre sono sull’81-86 Charlotte ad inizio dell’ultima frazione che Miami comincerà a marce alte. Break di 15-8 nei primi 6’ di partita chiuso dalla bomba di Tyler Johnson per il +7 (96-89)! Charlotte prova a reagire ma a condannarla sarà un’altra bomba firmata Dion Waiters a 45” dalla conclusione per il nuovo +7 (105-98).

Milwaukee Bucks – New York Knicks 104-93
MIL: Middleton 18, Antetkounmpo 32 (13 rimb), Snell 10, Dellavedova 10, Monroe 17
NYK: Anthony 16, Porzingis 13, Hernangomez 13 (12 rimb), Lee 12, ROse 26

Buona vittoria per i Bucks contro i Knicks col duo Middleton-Antetokounmpo ancora protagonista; partita decisa ad inizio del 4°periodo, NY è ancora viva sul -4 (85-81) ma Milwaukee metterà la freccia con un parziale di 8-2 chiuso con una bomba di Dellevedova a 6’51” dalla fine per il +10 (93-83), i Bucks non si gireranno più.

New Orleans Pelicans – Toronto Raptors 87-94
NOP: Cousins 25 (10 rimb), Moore 13, Crawford 10
TOR: Ibaka 12, Valanciunas 25 (13 rimb), DeRozan 14, Josepn 11

Toronto passa a New Orleansnegli ultimi 4’ di partita con un Jonas Valanciunas inspira (25+13) contro il solo DeMarcus Cousins (25+10); Pelicans sul +1 (84-83) con 5’05 da giocare ma Toronto risponderò prima con una tripla di Patterson che darà vita ad un break di 11-0 per il +10 (84-94) a 43”, durante il break 6 punti firmati dal lungo lituano.

Houston Rockets – Utah Jazz 108-115
HOU: Gordon 14, Ariza 11, Capela 19 (12 rimb), Harden 35, Williams 12, Harrell 12
UTA: Hayward 23, Johnson 16, Gobert 23 (10 rimb), Hood 19, Burks 10

Gran colpo esterno degli Utah Jazz che resistono ai 35 di James Harden e strappano il referto rosa in Texas; Utah tocca il +13 nel primo tempo am Houston non demorde e si porta sul -4 (86-90= a 8’40” dalla fine del match, i Jazz non si scompongo e rispondono con in mini-break di 6-0 per il nuovo +10 (86-96) a 7’19”. Mini-Break che risulterà decisivo nell’economia della partita perché Houston arriverà massimo sul -4 per il resto della frazione.

Minnesota Timberwolves – Los Angeles Clippers 107-91
MIN: Wiggins 20, Towns 29 (14 rimb), Muhammad 17, Rubio 15 (12 rimb)
LAC: Griffin 16, Jordan 20 (13 rimb), Redick 14, Paul 7 (10 ass), Rivers 10, Speights 12

Quality Win di personalità dei T-Wolves che battono i Clippers trascinati dal terribile duo Wiggins-Towns; pronti via e dopo i primi 12’ è 31-19 Minnesota ma al riposo lungo L.A è in scia sul -3 (58-55). Il 3° quarto è quello decisivo, Shabazz Muhammad realizza 11 dei suoi 17 punti e Minnesota scappa di nuovo via grazie ad un break di 8-0 chiuso con 6 punti consecutivi di Muhammad per il +15 (82-67).

Indiana Pacers – Detroit Pistons 115-98
IND: George 21, Young 18, Miles 15, Teague 10, Ellis 12, Robinson III 11
DET: Morris 10, Leuer 15, Drummond 14 (15 rimb), Harris 22, Johnson 17

Bella vittoria degli Indiana Pacers contro Detroti in un altro scontro diretto per la corsa Playoffs ad East; match dominato dall’inizio alla fine per i padroni di casa che al suono della sirena del 3° quarto sono tranquillamente avanti 90-73 con Paul George autore di tutti i suoi 21 punti.

San Antonio Spurs – Sacramento Kings 114-104
SAS: Simmons 14, Lee 18 (10 rimb), Green 14, Mills 17 (10 rimb), Ginobili 19
SAC: Evans 26, Koufos 12 (10 rimb), Hield 11, Labissiere 15

A San Antonio Gregg Popovich fa riposare Leonard e Aldridge e gli Spurs…Vincono rimontando dal -28 contro i Sacramento Kings; ospiti che chiudono il primo quarto avanti 15-37, arriveranno sul +28 ma poi, essendo i Kings, crollano a picco nella ripresa! Gli Spurs rimontano, entrano nell’ultimo quarto sotto 82-86 e non perdoneranno, frazione da 32-18 con David Lee autore di 8 punti col 54% dal campo complessivo contro il 33% degli ospiti. Il parziale dei secondi 24’ reciterà 66-41 Spurs col 57% dal campo con Lee e Mills autori di 14 punti.

Denver Nuggets – Washington Wizards 113-123
DEN: Chandler 21, Plumlee 19 (10 rimb), Harris 26, Murray 17
WAS: Potter Jr. 22, Morris 11, Gortat 11 (15 rimb), Beal 23, Wall 30 (10 ass), Bogdanovoc 10

Italian Job: Gallinari DNP

Ai Washington Wizards basta un solido primo tempo per archiviare la pratica Nuggets (privi di Gallinari e Jokic); primo tempo dominato dalla “House Of Guards” con 28 punti combinati da Beal-Wall e +17 Wizards (50-67), nella ripresa arriveranno anche sul +24.

Golden State Warriors – Boston Celtics 86-99
GSW: Green 13, Thompson 25, Curry 23
BOS: Horford 10, Crowder 9 (10 rimb), Bradley 12, Thomas 25, Olynyk 17

Per il secondo anno consecutivo i Boston Celtics si prendono il lusso di vincere alla Oralce Arena battendo i Warriors, match deciso nel 4° periodo con i padroni di casa irriconoscibili; Golden avanti 74-71 ad inizio 4° grazie al Buzzer-Beater di Curry sul finire del 3°, presupposti per un grande quarto ci sono tutti ma Golden State sparisce dal campo! I ragazzi di Kerr tireranno 5/14 dal campo per 12 punti con 0 punti di Curry e 1 di Thompson, Boston ringrazierà realizzando 27 punti com un umile Thomas da 7 punti, decisivo il break di 15-0 Celtics a metà quarto che ha dato il +14 Boston (79-93) con 4’ da giocare.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • Barone birra

    E se sabato gs perde a a San antonio perdono anche il fattore campo.impensabile fino all’infortunio di kd .dion for president

  • michele

    lo chiamerei Roger Waiters, in onore del Sommo. Popovic deve aver letto le valutazioni sugli spurs senza KL e ha pensato bene di far vedere cosa sanno fare gli speroni anche in sua contumacia eheheheh

  • 8gld

    Charlotte tiene bene ma alla lunga Miami viene fuori bene. Altra W.

    Indiana meritata vittoria contro degli inguardabili Pistons…brutta partita per loro. Merito Indiana ma molto demerito Detroit.
    Da Atlanta a Charlotte ancora in dubbio 4 posti p.o.

    Utah a 80 W. Spurs 83 ( poi L ai supplementari.). Clippers 91 W.
    Continua il bel momento dei Wolves che forse non li portera’ ai p.o. ma questa è’ la giusta strada. Bella prestazione la loro.
    Kat continua a migliorarsi…merita il premio.

    Durant non c’entra nulla. Questa notte un coach e un assistente coach.
    Boston gioca a basket tiene nei primi 3/4 e poi esce bene. Meritatissima W.
    Kerr monotematico, minutaggi ridicoli, rotazioni ridicole.
    Soliti 5 minuti del Presidente ben giocati…una spruzzatina di MCAdoo, Clark e poi via con i soliti noti…questa notte ignoti.
    Pachulia fa più’ danni della grandine e non riesce a mettere due punti nemmeno a 1 metro dal ferro.
    Più’ cozzavano contro Boston e più’ insistevano…brutti da vedere.
    Stevens porta a spasso Kerr. Questa notte due categorie di differenza.

  • Barone birra

    Se san Antonio fa il miglior record l’mvp sarebbe sicuro per leonard. Sai come si dice il miglior giocatore della miglior squadra .stanotte vanno da brodie se mia figlia mi fa fare la nottata la seguo ehhh ehh.la partita dico

  • Doctor J

    Io non so il perché ma penso che l’MVP sarà una corsa a due tra Leonard e LeBron con Harden appena sotto anche se per quello che sta facendo se lo meriterebbe tranquillamente. Beastbrook arriverà settimo con tutta probabilità e quindi non glie lo daranno. Penso che le finals che ha giocato l’anno scorso potranno risultare decisive per James.

  • Barone birra

    Ad oggi penso che sia una corsa a tre.con harden in vantaggio. Il mese di marzo sarà decisivo,se leonard fa il partitone sia stanotte che sabato diventa il favorito. Lebron sornione nell’ombra penalizzato però dalle troppe sconfitte vedi cavs. Se i cavs perdono e sembrerebbe così 25 partite con quello squadrone e in quella conference non lo vince sicuro

  • MVP #2, lo dico da mesi..
    • Westbrook ammirevole, numeri da urlo ma OKC arriverà 7^ e questo non giova alla causa
    • Harden può giocarsela
    • James sta giocando un0’altra stagione alla James ed p questo il problema (non sorprende più)

  • Doctor J

    Verissimo, anch’io non penso glie lo daranno a James, se alla fine la spuntasse lui credo sarà più che altro un altro premio “alla carriera” e magari anche perché sta viaggiando in career high in assist e rimbalzi e anche per il record dei cavs senza di lui.

  • Ve lo dico sempre, l’NBA legge NBA-Evolution! Però c’è da dire che dall’altra parte i Kings sono da metà classifica di Serie A italiana…imbarazzanti

  • lorenzo tonelli

    Quella di sabato notte tra spurs e gst è una delle poche partite di regular seasons che vale la pena guardare…

  • low profile

    Lol
    Anche la dinamo Sassari batterebbe questi kings. È c’è voluto vintage Manu!
    Manu Manu, quanto mi mancherai..

  • shaq4ever

    bah onestamente mi sembra più che improbabile che diano l’MVP a lebron.. oltre ad averne già vinti a pacchi, cleveland e houston hanno al momento lo stesso record.
    certo, senza lebron i cavs perdono sempre (42-15 con lui, 0-5 senza), lebron sta facendo una stagione eccellente (26.0 col 54% + 8.8 + 8.2) e non hanno grandi necessità di spingere per un buon record essendo primi, ma harden con 4 scappati di casa e contro ogni pronostico ha lo stesso record e sta mettendo numeri assurdi (29.1 col 44% + 11.2 + 7.9)
    giusto darlo a lui

    westbrook a sua volta ha numeri assurdi (32.1 col 42% + 10.0 +10.5) ma sinceramente preferisco qualche assist in più del barba che prendere 10.5 rimbalzi (a me i rimbalzi che prende un play onestamente fregano un po poco, sarò superficiale) e il record è penalizzante (9W in meno sono un abisso)

    su leonard onestamente non capisco che differenza faccia se sorpassano o meno GSW.. hanno comunque un record della madonna (80%!) e una vittoria in più o in meno non cambia la sostanza di che incredibile stagione stiano facendo

  • shaq4ever

    mah, le squadre del pop negli scontri diretti in regular season vogliono dire sempre tutto e niente.. magari fa giocare le riserve, di certo non svela trucchetti e contromosse. a lui del record interessa ben poco

  • shaq4ever

    vorrei sottolineare una volta in più la spettacolare stagione di utah che – non cagata da nessuno, me compreso – ha il 5° record di tutta l’NBA con pazzesco 63%. l’anno scorso non hanno fatto manco i playoff

  • michele

    beh se ne è parlato tanto di utah dai, io a gennaio avevo assegnato loro il premio “low profile” per il rapporto risultati/payroll eheheh

  • michele

    capisco il tuo dolente punto di vista di tifoso lakers e ti sono vicino, ma ti assicuro che i tifosi delle altre squadre ( o anche i semplici appassionati) stanno apprezzando parecchio questa regular season

  • gasp

    Siccome l’ NBA legge il sito, alla prossima partita i Kings battono i Wizards di 40 punti

  • michele

    esagerato, i kings l’altro giorno hanno perso contro utah solo per un tap in di gobert

  • lorenzo tonelli

    Vero ma credo sto giro sia veramente un occasione troppa grossa per andare a prendersi il fattore campo ai playoff per farsela scappare

  • Michael Philips

    Nei celtics sorprendono i 5 assist a gara di Horford e i quasi 14pts a sera di Crowder.

  • shaq4ever

    in realtà se panchinesse in quintetto non ne sarei particolarmente sorpreso….

  • lorenzo tonelli

    Ho detto una delle poche…non tutte

  • shaq4ever

    chicago con mezza gara di vantaggio su miami e milwaukee.. che imbarazzo.. ci manca solo che wade non fa i playoff, superato dalla sua ex squadra..

  • low profile

    Un orologio rotto indica l’ora esatta 2 volte al giorno.

    Dai seriamente parlando la w non doveva essere mai in discussione. Hanno penato troppo per i miei gusti e avrei gradito vedere di più Murray ma è un buon modo per dare la sveglia alla truppa in vista delle prossime decisive partite. Leonard mvp va comunque aiutato, Mills e Green soprattutto devono metterla da 3 come stanotte ma con più costanza

  • michele

    Ma vogliamo parlare dell’ormai ex MVP che fa lo sborone con un rookie di 20 anni per una tripla allo scadere del 3/4 e che poi nel 4/4 a momenti piega il ferro a forza di mattonate? #clutchness

  • lorenzo tonelli

    Io non farei questa scelta…ma io sono io e non certo il pop..anche se a volte ritengo che ha fatto scelte sbagliate che gli son costate care in passato

  • lorenzo tonelli

    Abbia fatto

  • michele

    è il play occulto di Boston, anche per i movimenti e le spaziature ( imparate ad Atlanta da coach Bud?Spurs culture!) che garantiscono giocate ariose: peccato prenda pochi rimbalzi…fondamentale. Crowder è un gran bel cagnaccio, deve pero’ farsi perdonare la cavolata con Phoenix eheheh

  • Michael Philips

    Non mi spiego come facciano i celtics ad essere quart’ultimi per quanto riguarda i rimbalzi a gara.
    Gente grossa e atletica ne hanno. Un tempo Horford era uno da 9-10 rimbalzi sicuri e proprio ora che gioca senza rimbalzisti ne prende 6.6? Boh?

  • michele

    meno male che non abbiamo preso Bogut almeno eheheheh….anche a me davvero sembra strana questa sua evoluzione, ricordo certe sue lotte contro Garnett nel pitturato…adesso gli piace giocare fuori, ha imparato anche a tirare da 3. Boh!

  • shaq4ever

    quest’anno da 3 tira meglio lebron di curry.. e non è una battuta (39.8%)

  • michele

    vero, career high anche per rimbalzi e assist. sta migliorando il ragazzo….

  • gasp

    E ci potrebbe essere un primo turno Cleveland-Miami o Cleveland-Chicago…

  • Michael Philips

    Fino ad ora negli scontri diretti tra le big sono quasi sicuro che il miglior record lo abbiano gli spurs:
    1-0 contro i cavs
    1-0 contro warriors
    3-1 contro houston
    2-0 contro boston
    2-0 contro wizards
    2-0 contro toronto.

    Se è vero che una gara come quella di ieri, senza leonard, non aiuta di certo la sua corsa per l’MVP, va detto che tra prestazioni super contro i migliori team seguite quasi sempre da vittorie, il n.2 rischia seriamente di soffiare il premio al barba.

  • In Your Wais

    Agli Spurs interessa eccome il miglior record ad Ovest, poter avere il vantaggio campo in una eventuale finale di conference fa una discreta differenza

    Se fosse la situazione di 2 settimane fa il Pop sicuramente non si scervellerebbe per vincere, ma ora con la concreta possibilità del sorpasso dubito non faccia quanto in suo potere per vincere lo scontro diretto. Specie considerando quanto i Warriors sembrino in difficoltà

  • Hanamichi Sakuragi

    Curry sta facendo cagare rispetto alle ultime due stagioni la sconfitta in finale non l’ha ancora smaltita

  • Hanamichi Sakuragi

    Concordo

  • Barone birra

    Man mano sto capendo perché sta sulle palle a tutti il ragazzo

  • Michael Philips

    Hater.
    Non è al 100%.

  • Michael Philips

    prima o poi lo vincerà un dannato MVP

  • ILTG6

    In questo momento però Huston e Cavs hanno lo stesso record…secondo me se gli Spurs arrivano primi Leonard vince con merito, se i Warriors tengono allora è corsa a trè con Harden favorito.

  • ILTG6

    Dal 2013 in poi questa è comunque la miglior stagione di James

  • ILTG6

    Concordo su Minnie, miglioramenti in difesa evidenti che corrispondono anche al periodo di assenza di LaVine.
    Towns MIP interessante 24 12 3 col 53% tanta roba

  • ILTG6

    Quattro scappati di casa è esagerato, il roster è perfetto per esaltarlo e funzionale anche senza altri All Star.
    Lui ovviamente è il centro di tutto e secondo me merita il premio in questo momento ma la corsa è apertissima.

  • ILTG6

    Anche perché senza KD gli Warriors sono un’altra squadra, più vulnerabile, giocare “a nsscondino” avrebbe poco senso soprattutto in casa

  • shaq4ever

    saranno pure funzionali, ma stiamo pur sempre parlando di:
    – eric gordon – definitivo a più riprese come cancro da TUTTI (per inciso anche adesso tira col 41%…)
    – ariza: ha cambiato 7 squadre in carriera, è tornato a houston che l’aveva sbolognato dopo una sola stagione. buon 3&D anche se da 3 non è necessariamente una sentenza… dal campo tira col 40%…
    – beverly: cagnaccio difensore; tira col 42%
    – ryan anderson: spesso considerato molle e monodimensionale, tipo da buoni numeri grazie alla propensione al rimbalzo ma poco più. tira col 41%

    e poi? capela? dekker? harrell?

  • shaq4ever

    e mi sembra pure discretamente clutch. diventerà probabilmente un fenomeno ma anche così è meglio del 99% dei lunghi

  • gasp

    Ma il bello è che anche l’ anno scorso faceva ste cose, pure “peggio” (tipo i balletti dopo una tripla, dichiarazioni un filino arroganti) ma a cui nessuno dava credito… ora i Warriors sono il male e a ogni cosa è sempre sotto la lente di ingrandimento

  • ILTG6

    Gordon cancro perché è sempre rotto, non è il top in difesa ma rimane un buon giocatore; Beverly e Arida in difesa ci sanno giocare, in particolare il primo è un vero mastino; Anderson serve ad aprire il campo e lo fa bene, il mercato lo valuta 20mln; Capela è un super atleta perfetto per bloccare e tagliare, segna 12.5 pt e 7 rimbalzi in 23′, insieme a Nene produce un 21 11 su 40′. Dekker sta bene in campo.
    Io vedo un roster non di fenomeni ma nemmeno di bidoni, Harden fa rendere tutti al meglio è infatti e il primo candidato MVP.

  • ILTG6

    Le % dal campo vanno contestualizzate perché si abusa del tiro da 3