Wiggins piega Golden State, Gallinari i Celtics!

Golden State non riesce più a vincere e cade anche a Minnesota con Andrew Wiggins eroe, Boston e Toronto perdono una buona chance per riavvicinare i Cavaliers, bene gli italiani e Milwaukee.

REGULAR SEASON

Charlotte Hornets – Orlando Magic 121-81
CHA: Williams 12, Walker 23, Batum 15, Wood 14, Roberts 15, Belinelli 18, Lamb 10
ORL: Gordon 20, Fournier 14, Hezonja 11

Italian Job: Belinelli 18 pt (6/8, 0/2, 6/6), 3 ass, 1 persa in 22’

Vitoria senza problemi per i Charlotte Hornets che dominano dall’inizio alla fine gli Orlando Magic col solito Kemba Walker a guidare la truppa; match già finito dopo i primi 24’ con i padroni di casa avanti 58-40 dopo aver anche toccato il +20.

Chicago Bulls – Houston Rockets 94-115
CHI: Butler 16, Wade 21, Payne 11
HOU: Harden 19 (13 ass), Ariza 13 (11 rimb), Anderson 21, Capela 17, Williams 18

Tutto facile anche per gli Houston Rockets di James Harden (19+13 assist) sul campo dei Chicago Bulls; dopo aver chiuso sotto di 10 il 1° quarto (33-23) i ragazzi di D’Antoni si scatenano nei periodo centrali realizzando 69 punti contro i 30 dei padroni di casa arrivando pure sul +31 (61-92) dopo la bomba di Lou Williams a 42” dalla sirena del 3° quarto! Teza frazione che ha visto i texani tirare 13/22 dal campo con 7712 da 3 punti.

Milwaukee Bucks – Indiana Pacers 99-85
MIL: Antetokounmpo 21, Middleton 21, Snell 10, Monroe 18
IND: George 18 (11 rimb), Teague 17, Young 10, Ellis 12

Importante vittoria per i Milwaukee Bucks che superano gli Indiana Pacers con l’ormai ritrovato duo Antetokounmpo-Middleton; match equilibrato con le squadre che vanno negli spogliati sul 45-40 Bucks, la partita si cedice a 8’23” dalla fine del match, Indiana arriva sul -3 (79-76) ma Milwaukee risponderà con un break di 8.2 con 5 unti del veterano Jason Terry per il +11 (87-78) a 5’12”.

Minnesota Timberwolves – Golden State Warriors 103-102
MIN: Towsn 23, Wiggins 24, Rubio 17 (13 ass), Dieng 12, Bjelica 10, Muhammad 11
GSW: Thompson 30, Curry 26, Clark 10

I Minnesota Timberwolves si confermano la squadra più rovente della Lega tanto da battere in volata i Golden State Warriors alla loro 4^ sconfitta nelle ultime 6 partite; T-Wolves che giocano bene i primi 3 quarti ed entrano nell’ultimo avanti 88-76 ma Golden State non sta a guardare, rimontano e a 19” dalla fine Steph Curry realizza il canestro del sorpasso Warriors sul 101-102!
Minnesota non va nel panico am anzi, va da Andrew Wiggins (autore di 20 dei suoi 24 punti nel 2° tempo) che scippa un fallo a Pachulia a 12” e non tremerà dalla lunetta per il contro-sorpasso T-Wolves! Gli ospiti hanno un’ultima chance ma Curry sbaglierà l’ultimo tiro con rimbalzo di Rush a 2”.
Stanotte Golden State andrà a far visita agli Spurs e non giocheranno ne gli “Splash Brothers” ne Draymond Green, Spurs senza Kawhi Leonard (protocollo commozione)

Atlanta Hawks – Toronto Raptors 105-99
ATL: Millsap 21, Howard 16 (10 rimb), Harrdaway Jr. 20, Schroder 26
TOR: Carroll 11, Ibaka 18, Valanciunas 11 (12 rimb), DeRozan 28, Joseph 15, Powell 12

Dennis Schroder si carica sulle spalle gli Hawks nel 4° periodo e li trascina al successo contro Toronto; canadesi avanti di 1 (74-75) ad inizio 4° periodo, il PG tedesco si metterà in proprio realizzando 13 dei suoi 26 punti finali nella frazione compresi 4 consecutivi nel break decisivo di 6-0 Hawks per il +8 (96-88) a 1’45”.

Denver Nuggets – Boston Celtics 119-99
DEN: Gallinari 20, Chandler 23, Jokic 21 (10 rimb), Murray 13
BOS: Horford 15, Bradley 16, Thomas 21, Brown 14, Smart 13

Italian Job: Gallinari 20 pt (3/7, 3/5, 5/5), 5 rimb ( 2 off), 1 ass, 2 perse, 2 rec in 34’

I Boston Celtics si mangiano una ghiotta occasione di avvicinare i Cavaliers perdendo male a Denver contro i Nuggets di Danilo Gallinari; Celtics mai in partita e mai al comando neanche per qualche frazione di secondo, Dnever entra negli ultimi 12’ avanti 94-80 e arriverà anche a toccare il +22!

Dallas Mavericks – Brooklyn Nets 105-96
DAL: Barnes 21, Nowitzki 13, Curry 18, Ferrell 17
BKN: Acy 12, Lin 18, Whitehead 24, Booker 15

Faticano ma alla distanza i Mavericks piegano i Nets con le seconde linee; Brooklyn è in partita sul -3 (83-80) ad inizio dell’ultimo periodo, Dallas cambia marcia con un parziale di 13-1 con 5 punti consecutivi di Harrison Barnes per il +15 (96-81) a 3’50”.

Sacramento Kings – Washington Wizards 122-130 OT
SAC: Afflalo 18, Cauley-Stein 20 (13 rimb), Hiled 18, Collison 14 (10 ass), Tolliver 10, Mclemore 11
WAS: Porter 18, Morris 10, Beal 38 (10 rimb), Wall 25 (12 ass), Bogdanovic 17

Ci sono voluti 63 punti della “House Of Guards” e un tempo supplementare ai Wizards per battere i Sacramenro Kings; sono i padroni di casa che riacciuffano la partita a 15” con l’Alley-Oop Collison-To Cauley-Stein per il 116-116, ultimo tiro per Washington ma Wall mancherà l’appuntamento,
Overtime con i Kings avanti 122-121 a 2’42” dopo 2 liberi di Afflalo ma saranno anche gli ultimi punti della loro partita, Washington chiuderà il supplementare con 9 punti filati.

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • low profile

    Non ne ho la minima idea.
    Perché non so se il problema è lo stesso identico o più grave e perché sappiamo tutti come sia conservatore lo staff degli Spurs quando si parla di salute degli atleti.
    Non mi ha entusiasmato mai quest’anno Lma ma peccato perché la stagione stava prendendo una piega abbastanza buona e comunque lui era il secondo violino col terzo che arrivava ultimo.
    Ma come detto non azzardo pronostici, l’importante che stia bene

  • low profile

    Eh si quello

  • misterwolf

    speriamo che tutti questi problemi spariscano e che tutti questi infortunati tornino nei p.o.

    voglio vedermi dei fottuttissimi grandi playoffs!!!!

  • Michael Philips

    Sì sì ho detto highlights per far prima, ma Jokic è uno spettacolo per tutta la gara.

    Poi mi fa pure ridere. Non ha fisico, ha una faccia un po’ da pirla, zero atletismo, fatica pure a fare il salto della corda, eppure lo vedi prendersi gioco degli avversari. Tante giocate non entrano negli highlights, vedi i passaggi al bacio non finalizzati dai compagni, o anche movimenti dal post spettacolari anche se non portano ad un canestro.