Wizards che vittoria! Brillano Westbrook e Davis

Notte NBA ricca di prestazione altisonanti e partite decise in volata, Triple-Doppie vincenti per Westbrook e James, Anthony Davis esagera con gli Hornets, i Washington Wizards sulla sirena dopo esser stata sul -21, Spurs che lezione ai Warriors nel match delle seconde linee!

REGULAR SEASON

Oklahoma City Thunder – Utah Jazz 112-104
OKC: Gibson 15, Adams 11, Oladipo 22, Westbrook 33 (11 rimb, 14 ass), Kanter 16
UTA: Lyles 10, Exum 22, Burks 21

Russell Westbrook firma la 32esima Tripla-Doppia stagionale (33+11+14) e Oklahoma City si mangia gli Utah Jazz nella peggior notte della stagione (29 punti tutto il quintetto base); Thunder padroni del campo sin dalla palla a due, alla sirena del 3° quarto mach in ghiaccio sul 91-76 dopo aver toccato anche il +23. Utah arriverà fino al -6 (108-102) a 78” ma 4 punti di Russ chiuderanno la faida.

Los Angeles Clippers – Philadelphia 76ers 112-100
LAC: Griffin 15 (10 rimb) ordan 19 (20 rimb), Redick 12, Paul 30, Speights 11
PHI: Covington 13, Saric 16, Okafor 14, McConnell 9 (10 ass), Holmes 24

I Los Angeles Clippers escono nell’ultima frazione a battono dei mai domi 76ers; Philadelphia che al suono della sirena del 3° quarto conduce le danze sul 75-79, nel 4° però i padroni di casa alzeranno l’asticella prima piazzando un break di 10-0 (85-79) e poi tirando 11/21 contro il 9/20 degli avversari, 37-21 il parziale degli ultimi 12’ per i Clips.

Detroit Pistons – New York Knicks 112-92
DET: Harris 28, Drummond 24 (15 rimb), Jackson 19, Leuer 11
NYK: Anthony 13, Hernangomez 14, Porzingis 18, Lee 13, Rose 11, Randle 12

Nessun problema per i Detroit Pistons contro i New York Knicks in un match deciso a cavallo tra il 3° e 4° periodo; NY è in partita sul -4 (85-81) a 43” dalla, Detroit risponderà con un parziale di 6-0 scappando sul +10 (91-81) dopo 2’ del 4° quarto, NY non riuscirà più a ricucire il distacco finendo pure sul -20 finale, il parziale degli ultimi 12’ reciterà 23-11 Pistons.

Charlotte Hornets – New Orleans Pelicans 122-125 OT
CHA: Williams 27 (10 rimb), Batum 24, Walker 24 (12 ass), Belinelli 12, Lamb 14
NOP: Hill 16, Davis 46 (21 rimb), Cousins 11, Holiday 15 (13 ass), Cunningham 14, Crawford 19

Italian Job: Belinelli 12 pt 3/5, 1/4, 3/3), 1 rimb in 22’

Nel giorno del suo compleanno Anthony Davis sforna una prestazione fenomenale da 46+22 trascinando i Pelicans a Charlotte, una sconfitta dolorosa per gli Hornets in ottica Playoffs; sono i padroni di casa che col solito Kemba Walker riprendono la partita a 29” col layup del 112-112 chiudendo un break di 9-2, ultimo tiro per i Pelicans ma niente da fare per Davis.
Il “Monociglio” però di riscatterà nell’Extra-Time realizzando 11 punti su 13 di squadra di cui 5 consecutivi per il +3 (118-121) a 44”, il punto esclamativo lo metterà Holiday a 20” col layup de 118-123 dopo che Batum aveva sbagliato la tripla del pareggio.

Orlando Magic – Cleveland Cavaliers 104-116
ORL: Ross 11, Gordon 16, Vucevic 20 (16 rimb), Fournier 15, Payton 8 (10 rimb)
CLE: James 24 (12 rimb, 13 ass), Thompson 14, Shumpert 15, Irving 22, Smith 11, Deron Williams 10, Frye 12

Torna a vincere Cleveland e lo fa con la 9^ Tripla-Doppia stagionale di LeBron James (24+12+13); Magi che inseguono tutta la partita ma non mollano mai, a 2’35” dalla fine Cavs avanti solo di 2 possessi (102-108), tripla di LeBron seguita da un’altra tripla di Shumpert e poi layup di Irving, 8-0 in 60” Cavs per il +14 (102-116) e titoli di coda.

Milwaukee Bucks – Minnesota Timberwolves 102-95
MIL: Middleton 11, Antetokounmpo 18, Snell 19, Dellavedova 16, Monroe 12, Henson 11, Vaughn 10
MIN: Wiggins 11, Towns 35 (14 rimb), Rubio 22

I Milwaukee Bucks i confermano in palla e battono niente meno che la squadra più calda dell’Ovest, i T-Wolves che non hanno avuto il solito contributo da Wiggins (3/13 dal campo); match deciso negli ultimi 2’49” di gara, Rubio porta i suoi sul -2 (93-95) ma i Bucks risponderanno con un break di 7-0 tutto dalla lunetta con Minnesota che non troverà più la via del canestro (0/6 e 1 persa) se non a 3” dalla fine.

Miami Heat – Toronto Raptors 104-89
MIA: Whiteside 12 (14 rimb), Waiters 20, Dragic 15, T.Johnson 16, J.Johnson 12, Ellington 11
TOR: Powell 14, Valanciunas 10 (10 rimb), DeRozan 17, Wright 13

Bella ed importante vittoria in chiave Playoffs per i Miami Heat che battono i Raptors (2° KO consecutivi) trascinati ormai dall’ormai Go-To-Guy Dion Waiters; Heat padroni del campo dall’inizio alla fine, grazie ad un 2° periodo da 27-15 dovuto anche al 7/26 degli ospiti i padroni di casa vanno al riposo lungo sul 59-41 per poi arrivare fino al +23.

San Antonio Spurs – Golden State Warriors 107-85
SAS: Anderson 13, Lee 12, Mills 21, Gasol 10, Bertans 13
GSW: Barnes 14, Pachulia 11 (12 rimb), Clark 36

A San Antonio le seconde linee degli Spurs prendono a sberle le seconde linee dei Warriors che adesso hanno solo 0.5 gare di vantaggio (e 0-2 negli scontri diretti) proprio sui texani; non c’è partita, all’intervallo i nero-argento comandano in scioltezza sul +20 (64-44) col 55% dal campo con un Patty Mills autore di tutti i suoi 21 punti, nella ripresa la forbice si aprirà fino ai 28 punti di vantaggio.

Memphis Grizzlies – Atlanta Hawks 90-107
MEM: Green 20, Conley 16, Wright 10
ATL: Millsap 16 (11 rimb), Bazemore 15, Schroder 16, Prince 17, Calderon 14

Continua la crisi dei Memphis Grizzlies che vengono travolti dagli Hawks in appena 12’; la partita di fatto finisce alla prima sirena della partita sul 15-33 per gli avversari rei dei 66% dal campo contro il desolante 5/24 dei locali.

Dallas Mavericks – Phoenix Suns 98-100
DAL: Barnes 23, Nowitzki 23 (11 rimb), Ferrell 13, Harris 14
PHX: Warren 16, Booker 36, Bledsoe 12, Williams 10

Sgambetto pesante dei Phoenix Suns in Texas dove non sono bastati i 46 punti del duo Barnes-Nowitzki contro Devin Booker, eroe nel finale; a 61” dalla fine Harrison Barnes porta sul +2 dalla lunetta i suoi (98-96), entra in scena Booker prima col canestro del pareggio poi, dopo la tripla sbagliata da Matthews, si alza con un 1” sul cronometro e segna il Fade-Away della vittoria Suns!

Portland Trail Blazers – Washington Wizards 124-125 OT
POR: Harkless 15, McCollum 34, Lillard 33, Crabbe 14, Aminu 11
WAS: Morris 13 (11 rimb), Porter 18 Jr. (10), Gprtat 15 (15 rimb), Beal 26, Wall 39, Bogdanovic 11

Pazzesca partita al MODA Center di Portland dove i Wizards strappano all’ultimo respiro e all’overtime il referto rosa dopo esser stati sotto di 21 punti, Wall spettacolare ma l’eroe della notte è Markieff Morris; primo tempo di totale dominio Trail Blazers tanto che al riposo lungo il tabellone luminoso recita 70-49 Portland con McCollum autore di 25 punti e Lillard 11.
Non è finita, Washington resta in partita, rimonta e si porta pure sul +6 (106-112) a 71” dalla fine dopo un layuo di Wall! Portland riaccende la luce e a 23” Nurkic è glaciale dalla lunetta per il 112-112, ultimo tiro per gli ospiti ma niente da fare per Wall.
Overtime tirato, Portland conduce il gioco ed è +1 (124-123) a 31” e palla in mano, Lillard sbaglia il tiro del potenziale +3 perché stoppato da Wall e Washington a 6” ha una chance…che non sbaglierà! Beal si butta dentro, scarica nell’angolo per un solissimo Morris che prima fa saltare Harkless, fa un passo dentro l’area e sulla sirena segna il tiro (con 4 decimi rimasti sul cronometro) della vittoria Wizards! Adesso soli inseguitori dei Cavs.

Sacramento Kings – Denver Nuggets 92-105
SAC: Cauley-Stein 13, Koufos 10, Hield 17, Evans 16
DEN: Gallinari 15, Jokic 20 (14 rimb), Harris 24, Murray 14

Italian Job: Gallinari 15 pt (4/8, 1/3, 4/5), 5 rimb, 2 ass, 1 persa, 1 rec in 33’

Denver sfrutta i KO delle inseguitrici e non sbaglia contro i Kings allungando per l’8° posto ad Ovest; Sacramento sta in scia ma fino a 7’27” dalla fine della partita, sul +5 (79-84) Murray realizza 5 punti consecutivi dando vita ad un break di 9-3 chiuso da una bomba del Gallo per il +12 (81-93) a 4’45”

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • Shady

    secondo me lebron sta pensando a vincere l’MVP come non faceva dal 2014

  • Michael Philips

    Sarebbe stupido da parte sua.
    Credo stia prendendo una fracassata di rimbalzi per via dell’assenza di Love che di fatto è il miglior rimbalzista dei cavs.

  • low profile

    L’ultima volta che ho visto più riserve in campo a marzo era per i quarti di finale della coppa Italia stagione 2001/02

  • gasp

    Ma i Grizzlies? L’ anno scorso decimati dagli infortuni arrivarono settimi, ora sono settimi però al completo… è un gruppo appagato o Fitzdale sta sbagliando qualcosa?

    Silver sarà stato contentissimo di vedere le riserve delle riserve in una delle partite più attese della stagione

  • Shady

    non solo per i rimbalzi, e non dico che voglia svenarsi per vincerlo (vedi la fase difensiva) però in ogni caso mi sembra molto più concentrato, attento e intenso rispetto agli ultimi 2-3 anni. secondo me vedendo che ha marzo sta ancora nella rosa dei possibili vincitori, due domandine sul perchè non provare a vincerlo se le sta facendo. poi andrebbe a 5 come il fantasma di CHI e non penso che gli dispiacerebbe eguagliarlo

  • Shady

    hanno squadre più forti in avanti, più del sesto posto difficilmente potrebbero ambire

  • Michael Philips

    Sì ma l’MVP non lo vince. Non con Westbrook e Harden in giro. Sopratutto Harden che ha tutto per portaselo a casa.

    – numeri da urlo
    – team record ottimo, e principalmente dovuto alle sue performance
    – diventa playmaker e guida la lega in assist
    – 15 triple doppie che “per colpa” della grandezza di westbrook non fanno quasi impressione ma sono tra i migliori risultati di sempre in quella categoria.
    – non ha altre star in squadra a supportarlo.

    Sono tutte cose che non puoi battere ormai. Se i Cavs avessero un record simile ai warriors allora sì. Ma la verità è rischiano di chiudere con un record di 55-27, peggiore rispetto all’anno scorso.
    E pazienza se love e jr sono mancati un casino di gare.

  • gasp

    Ma sono alla quinta sconfitta di fila e sia la difesa che l’attacco fanno schifo…

  • gasp

    Comunque parlando di altro quanto siamo arrivati nel duello per lo scettro del losing effort a Nola? Stanotte Davis ha dominato con Cousins in panchina, lo contiamo lo stesso?

  • shaq4ever

    Stanno perdendo apposta per beccare San antonio ai playoff eheheh

  • Shady

    ma infatti io mica dico che lo vincerà, e pure io voterei harden, sto solo dicendo, che secondo me per la prima volta dopo un paio di stagioni lebron vede la possibilità di vincerlo, e alza un minimo l’asticella del suo gioco già sul finire della RS

  • misterwolf

    l’mvp della r.s. si accoppia male con quello delle finals, non credo pensi a quello, semplicemente questi cavs si sposano molto bene col suo modo di giocare in attacco e la mancanza di love lo rende un rimbalzista piu efficace . nell’ nba contano gli anelli non gli mvp e tutti lo sanno

  • gasp

    A Houston o arriva il Coy per Pringles o l’ MVP per Harden

  • In Your Wais

    Neanche se mi chiamasse a casa il diretto interessato per confermarmelo, ci crederei che James provando a vincere l’MVP

    Non che se glie lo dessero protesterebbe, dico solo che con 4 già in carniere, quello è l’ultimo dei pensieri, specie se per vincerlo poi rischiasse di compromettere il bersaglio grosso (se davvero giocasse per l’MVP, i Cavs avrebbero oggi 6-7 vW in più), magari con un infortunio stupido o spremendosi oltre misura

    Poi quest’anno ci sta un tizio che viaggia in tripla doppia di media, Harden che fa miracoli, Leonard in una squadra da 65W…è una causa persa in partenza

  • low profile

    Non è un punto netto come l’altro ma io lo assegnerei comunque.
    2-0 boogie

  • 8gld

    Non ho visto nulla.
    Ricapitolando: i Warriors vanno a casa dei secondi e lasciano in panchina Curry-Thompson e non portano Green. McCaw 42 minuti e mette due punti e l’unico che ha il +- in positivo (per quanto possa importare ma è’ pur sempre un dato) gioca 6 minuti con un fallo a referto.
    Gli Spurs, quelli secondi che vorrebbero balzare al primo posto, giocano senza Leonardo e LMA per motivi un “pelino” piu’ importanti e mettono le seconde linee con Lee-Mills-Green-Gasol-Ginobili.
    Embe’…tutto chiaro.
    Miami altra W e stasera contro i Pacers.

    Questa notte Bos-Chi / Ind-Mia / Hou-Cle …tutte interessanti.

  • michele

    Jimmy Butler non sta facendo nulla per farsi rimpiangere dai tifosi Celtics stasera.

  • michele

    hai visto che flavione ha cancellato la diretta, annunciandolo su twitter? da flavio tranquillo a flavio indignado eheheeh