Towns travolge i Wizards, Spurs agguantano la #1!

Minnesota batte con personalità i Wizards trascinata dal suo Towns-Rubio, San Antonio batte Atlanta e raggiunge i Warriors, tornano a vincere Bulls, Kings e Grizzlies con Vince Carter protagonista. Utah vittoria chiave sui Clippers.

REGULAR SEASON

Charlotte Hornets – Chicago Bulls 109-115
CHA: Kidd-Gilchrist 22, Williams 13 (18 rimb), Zeller 11, Lam 26, Walker 21 (10 ass)
CHI: Butler 23 (11 ass), Wade 23, Rondo 20, Valentine 11, Mirotic 24 (11 rimb)

Italian Job: Belinelli 7 pt (2/5, 0/2, 3/3), 2 rimb, 3 ass in 21’

Rajon Rondo torna titolare, chiude con 20 punti e Chicago torna a vincere espugnando Charlotte; Bulls che dominano nel primo tempo arrivando anche sul +16 ma Charlotte non demorde e a 23” dalla fine Lamb porta i suoi sul -3 (107-110). Entra in scena come sempre Jimmy Butler che dalla lunetta (3/4) difenderà il vantaggio.

Toronto Raptors – Dallas Mavericks 100-78
TOR: Powell 19, Valcniunas 14 (12 rimb), DeRozan 25, Wright 11, Patterson 11
DAL: Barnes 18, Nowitzki 17, Powell 10

Tornano a vincere i Toronto Raptors e lo fanno tra le mura amiche contro i Dallas Mavericks; canadesi che uccidono la partita a cavallo atra il 3° e 4° periodo, Dallas si porta sul -5 (69-64) a 3’50” dalla sirena del 3° e da quel momento comincerà la fuga dei padroni di casa, break di 15-2 per il +18 (84-66) a 7’19” dalla conclusione del match, Toronto arriverà anche sul +23.

Memphis Grizzlies – Milwaukee Bucks 113-93
MEM: Carter 24, Gasol 13, Allen 15, Conley 20 (10 ass), Randolph 14
MIL: Middleton 11, Antetokounmpo 18, Snell 10, Dellavedova 13, Brogdon 15

Vince Carter parte titolare per la prima volta in stagione e chiude con 24 punti (8/8 dal campo con 6/6 da 3) nella vittoria (dopo 5 sconfitte) dei Grizzlies sui Bucks; Memphis domina per tutta la partita con Milwaukee che non riuscirà mai a mettere il naso avanti, al riposo lungo Grizzlis avanti 61-51 con Carter autore di 16 dei suoi 24 finali, nella ripresa arriverà anche il +20.

San Antonio Spurs – Atlanta Hawks 107-99
SAS: Leonard 31, Lee 14, Green 14, Mills 15, Gasol 13 (12 rimb)
ATL: Millsap 16, Howard 7 (13 rimb), Bazemore 15, Hardaway Jr. 17

I San Antonio Spurs non si fanno pregare, rientra Kawhi Leonard (31 punti), battono per la 19esima vola consecutiva gli Hawks in casa e agguantano i Golden State Warriors al 1° posto ad Ovest; Spurs che volano sul +15 nel primo tempo ma a metà del 4° hanno solo 2 punti di vantaggio (89-87), break di 13-4 chiuso con canestro di Patty Mills a 1’36 per il +11 (102-91).

Minnesota Timberwolves – Washington Wizards 119-104
MIN: Wiggins 15, Dieng 10, Tows 39 (13 rimb), Rush 12, Rubio 22 (19 ass), Bjelica 16
WAS: Morris 11, Porter Jr. 11, Beal 20, Wall 27, Bogdanovic 12

Chi non sfrutta la chance invece sono i Wizards, tramortiti da Karl-Anthony Towns (39+13) ma soprattutto da un superbo Ricky Rubio da 22 punti e 19 assist; pronti via e Minnesota scappa subito sul 41-23 tirando col 68% con Rubio già a quota 10 assist! Washington però rientra in partita e alla sirena del 3° è sotto di 9 punti. Nell’ultima frazione però si scatena Towns, realizzerà 17 dei suoi 39 punti di cui 2 triple nel break personale di 8-1 T-Wolves per il +12 (110-98) a 2’25”

Utah Jazz – Los Angeles Clippers 114-108
UTA: Hayward 27l Gobert 11 (10 rimb), Hill 19, Ingles 18, Johnson 14
LAC: Jordan 12, Redick 16, Paul 33, Rivers 15, Crawford 11

Vittoria fondamentale degli Utah Jazz nei confronti dei Clippers, Hayward & Co. superano a Salt Lake City a compagine angelina e si portano a 2.0 gare di vantaggio per la lotta al 4° posto; eroe della partita Joe Johnson, a 2’04” Clippers vivi sul -4 (107-103), JJ si ricorda delle sue doti da closer e prima segna il floater del +5 e poi, dopo un errore di Griffin, la tripla del +9 (112-103) con 22” da giocare!

Sacramento Kings – Orlando Magic 120-115
SAC: Temple 14, Labissiere 11, Cauley-Stein 18, Hiled 17, Collison 19 (13 ass), McLemore 14, Tolliver 19
ORL: Gordon 17, Vucevic 23, Fournier 21, Payton 13 (10 rimb, 13 ass)

Tornano a vedere la luce del sole anche i Sacramento Kings che battono i Magic malgrado la 3^ Tripla-Doppia stagionale di Elfrid Payton; match deciso in volata con Anthony Tolliver protagonista, sul 109-109 a 2’38” Tolliver realizza 5 punti nel parziale i 7-3 compresa la tripla a 43” per il 116-112!

Denver Nuggets – Los Angeles Lakers 129-101
DEN: Gallinari 18, Plumlee 15 (10 rimb), Jokic 18, Harris 12, Murray 22, Barton 22, Hernangomez 13
LAL: Ingram 14, Zjbac 25 (11 rimb), Clarkson 19, Russell 10

Italian Job: Gallinari 18 pt (2/4, 3/6, 5/5), 3 rimb (1 off), 5 ass, 1 stop in 28’

Tutto facile per i Nuggets di Danilo Gallinari contro i Lakers; match finito già al riposo lungo con i padroni di casa avanti 67-43 con 12 punti di Nikola Jokic, 50% dal campo (contro il 36% dei giallo-viola) e 15 assista referto

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • Loco Dice

    Rubio sta giocando una signora stagione, ma il modo in cui sono stati conteggiati 19 assist mi lascia perplesso (eufemismo).
    Mettere la palla in mano a Wiggins che si ferma per 3 secondi, finta, palleggio arresto e tiro, mi chiedo come faccia a essere contato assist.
    Ovviamente non succede solo per Rubio eh, è il modo generale che non mi convince

  • 8gld

    Questa notte mi son perso il primo quarto (il sito faceva le bizze) e l’ho seguito sui tabellini di espn…”capperi mi sto perdendo un grande Rubio (tipo 9 assist)”. Poi quando ho rivisto il quarto su alcuni ho avuto la stessa sensazione. Diciamo una Signora seconda parte di stagione.

  • 8gld

    Gli Spurs primi?
    Questa notte serviranno tutte le bocche da fuoco. Contro Phila troppo rischioso il turnover. Dentro i Curry-Thompson-Green.
    Contro San Antonio ci poteva stare ma contro Phila troppo rischioso. Poi manca anche Durant.

    KAT merita il premio.

  • Michael Philips

    lo dissi già qualche anno fa. Il conteggio degli assist spesso è falsato.
    Se tu passi e il tizio tira e segna perché libero, e tu lo hai visto è un vero assist.
    Se tu passi e il tizio prende, palleggia e va in uno contro uno e segna direi che il merito del passatore dovrebbe svanire.

  • Barone birra

    Se qualche giovane si chiedesse perché lo hanno soprannominato vincredible basta vedere cosa è stato capace di fare a 40 anni suonati stanotte. Mitico vince

  • Michael Philips

    Mirotic qualche giorno fa ha dichiarato che Hoiberg lo aveva ufficialmente messo fuori dalle rotazioni.
    Ieri, non so perché, Mirotic è comunque sceso in campo per 28 minuti: 24+11 rimbalzi col 50% dal campo.

    Che forse forse Hoiberg ha provato con successo un mind-game alla Coach Zen?
    Non so, nel caso direi che ha funzionato.

  • Barone birra

    Anche per questo piovono triple doppie.

  • Michael Philips

    I jazz rappresentano in toto il concetto di Underdog.

    Stanno vincendo in regular season giocando al ritmo più basso in assoluto: 91.7 possessi a gara contro i 100 dei warriors(secondi nella lega dietro ai folli nets).

    Sono la miglior difesa (96.6 pts concessi).

    Hanno un go-to-guy come hayward che sta giocando il suo miglior basket in carriera.

    Hanno probabilmente il DPOTY e tanti giocatori che pensano solo a giocare e non si perdono in cazzate, vedi hill e hood.

    Il loro stile sembra fatto apposta per giocare gare di playoffs, perché loro a differenza di tanti altri team dovranno fare pochi cambiamenti. Hanno come detto hayward che qualche gara te la può vincere in solitaria ma anche gente come diaw, george hill e joe johnson che hanno esperienza nei playoffs e sopratutto nel caso di JJ possono fare qualche scherzetto nei finali delle gare punto a punto.

    In questo momento sono l’opposto dei Rockets che giocano un basket che non ha mai funzinato durante la post-season.

  • 8gld

    C’è’ anche Diaw che il basket lo conosce e stanno inserendo anche Burks. Insieme a Houston e uno step sotto i Thunder (con cavallo pazzo e un roster che potrebbe rivelarsi adatto) possono non rendere scontato la storia dei p.o. a Ovest

  • michele

    c’è anche Exum, tornato dopo il crociato rotto ( anche lui fa parte del draft maledetto con joelone e jabari) e che sta giocando discretamente, pur con tutte le cautele del caso. Bella squadretta i Jazz e il biondo dell’Indiana soprattutto 🙂

  • Michael Philips

    Sacramento con Cousins 23 W – 32 L
    Sacramento senza Cousins 3 W – 9 L
    Pelicans con Cousins 2 W – 6 L

    Ecco cosa succede quando pur essendo grande e grosso, oltre che ricco di talento, comunque non sposti una cippa di nulla.

  • 8gld

    Il fatto è’ che lui non sposta il cervello.

  • 8gld

    Si alla fine hanno un bel roster e possono veramente dar fastidio (e se dovesse capitare lo meritano). Poi il fatto di non stare troppo sotto i riflettori puo’ rivelarsi un punto a loro vantaggio.

  • ILTG6

    Towns al secondo anno, calcolando che nelle ultime 20 viaggia a tipo 29 di media, potrebbe chiudere la sua a seconda stagione con 25e12, da quanto non si vedeva un centro del genere?
    Tra l’altro Minnie è la miglior difesa dalla pausa per l’all Star game quindi anche nella sua metà campo ci sa fare: un mostro.

    Grandissima partita di Rubio, non lo vedevo così in forma dall’annata da rookie, gli avranno regalato un paio di assist ma 18 devi sempre farli e lui, appena vede un imprecisione difensiva, sa sempre e subito come mettere in ritmo il compagno col vantaggio.

  • Michael Philips

    “da quanto non si vedeva un centro del genere”

    Shaq 1994: 29+13 nella seconda stagione
    Robinson 1991: 25.6+13

  • Michael Philips

    Per spostarlo devi prima averne uno.

  • ILTG6

    23 anni, mica pochi…

  • 8gld

    aah quindi non c’è speranza?

  • 8gld

    E i nomi non sono male…

  • In Your Wais

    I Jazz lo scorso anno andarono attorno al 50% di W, con un nucleo giovane e qualche infortunio. Con un anno di esperienza in più, aggiunte mirate come Iso Joe e Diaw, che ne vincessero una 50ina ci stava

    Sono l’esempio di una squadra costruita con pazienza, senza elementi “vistosi” (Hayward è un tipo alla Leonard, Hill lo sfanculano e lui continua a giocare bene, anche gli altri del roster, tolto forse Gobert, sono tranquilli e senza pretese da showmen)

    Sono tosti per il presente e molto ben messi per il futuro, e giocano un basket da playoff. Mi rimane il dubbio però dell’esperienza, almeno per la prossima post season, perchè alcuni degli elementi principali, a partire dal loro Go to Guy, i playoff neanche sanno cosa siano, e non si può pensare di fare strada sulle spalle di JJ e Diaw

    Spero comunque mi facciano ricredere, se lo meritano come squadra e come organizzazione

  • Michael Philips

    KAT è roba seria.

  • gasp

    Tutti e due fanno 5 anelli assieme …

  • cuni

    esatto, cioè secondo me assist dovrebbe essere conteggiato quando buona (anzi, maggior) parte del merito per il canestro ce l’ha chi passa. Certe cose sono solo per pompare le stats.
    Che poi non vorrei sbagliare o aver capito una cosa per un altra ma mi pare che in serie A italiana (parlo sempre di basket ovviamente) succeda una cosa del tipo:
    faccio un passaggio smarcante a un giocatore che va a tirare, ma subisce fallo e sbaglia (se avesse segnato sarebbe stato assist). Tiri liberi, se fa almeno 1 su 2 lo danno assist

    Succede davvero oppure ho capito una cosa per un’altra (spero vivamente)?

  • Michael Philips

    credo 6 o no?

  • Jurassic_Park

    8gld, scusa la domanda personale, non offenderti se te lo chiedo perché generalmente le tue opinioni sono sempre piuttosto interessanti. Ma come mai i tuoi messaggi sono scritti in un linguaggio un po’ particolare? Sembra quello di uno straniero che ha studiato bene la sintassi italiana.

  • Jurassic_Park

    Ne farete uno anche per i playoff NBA? Di NCAA non ci capisco una mazza (anche di NBA vabbeh)

  • Jurassic_Park

    La sua sola presenza avrebbe rivitalizzato la Slam Dunk Contest. Spero ci ripensi per l’anno prossimo

  • 8gld

    Perche’ dovrei offendermi.
    Mi prendi impreparato, la prima volta che mi viene detto.
    Non sono straniero e ti ringrazio per la sintassi.
    Sono un tipo curioso e se vuoi farmelo notare o approfondire la tua curiosita’ fai pure.
    Sara’ la stanchezza? La dislessia che alcune volte bussa alle porte? 🙂

  • Jurassic_Park

    Mi ero dimenticato di rispondere, scusa ^^’
    Quello che volevo dire è che mi sembra che tu usi la sintassi in modo ‘studiato’, cioè attenendoti alle regole che non sempre i parlanti con competenza passiva adottano. Allo stesso tempo però noto che le tue scelte di vocabolario sono inusuali, ad esempio prima hai utilizzato ‘prendi impreparato’ piuttosto che la più comune ‘cogli impreparato’. Inoltre alcune volte mi sembra che manchino degli elementi alle frasi, il più delle volte le copule (nel commento precedente “la prima volta che mi viene detto” per quanto ne so pretenderebbe ‘è’ ad inizio frase).
    Sono inezie ma hanno stimolato la mia curiosità

  • 8gld

    E tu fai bene a esser curioso. In tarda età’ mi sono accorto di esser dislessico (prima non si sapeva nulla e a questo aggiungi un deficit di fissazione…dopo un po’ che leggo mi stanco perche’ da vicino le lettere si sdoppiano). Andavo forte nella matematica meno nell’italiano. Il più’ delle volte o ottieni uno o ottieni l’altro. Poi ho incontrato una prof. che, presa dalla mia voglia di esprimermi a livello letterale, mi ha indicato di fare periodi brevi. Tutto questo per dirti che quello che indichi e’ giusto e che mi fa piacere che tu lo evidenzi. Non ho delle forti basi. Forse per questo ti son sembrato “straniero”.

  • Jurassic_Park

    E allora ti faccio i miei complimenti per aver superato con impegno e dedizione questa difficoltà. Non avrei mai pensato alla dislessia proprio perché quando mi sono ritrovato di fronte a testi scritti da chi ha questo problema questi mi sono risultati spesso incomprensibili. E invece tu riesci ad esprimerti utilizzando parole ed espressioni che normalmente non trovi nemmeno in un testo scritto da una persona con ‘le basi’.

  • 8gld

    Se posso chiedertelo, che lavoro fai? Ti sei trovato di fronte a testi scritti. Immaginati solo che il foglio scritto e’ come non vederlo. Le lettere, se le intendiamo come segni, risultano tutte scomposte o rigirate. La poesia mi ha aiutato (odiavo studiarla a memoria, anche perche’ la memoria in italiano non mi funzionava) o gli aforismi. Concetti in poche righe e di poca durata. I libri sono riuscito a leggerli da “grande” :-). Anche se tutt’ora e’ uno sforzo.
    Il caso ha voluto di lavorare nel campo dell’ottimo e di continuare nell’optometria…li’ sono uscite le cose indicate.

  • 8gld

    No ottimo…ma ottica

  • Jurassic_Park

    In realtà non lavoro ancora. Studio lingue orientali all’università e ingegneria del suono al conservatorio. Però ho fatto due anni di psicologia prima di capire che non era cosa per me.
    Forse è stata questa sorta di ‘deformazione professionale’ acquisita tramite gli studi (di psicologia prima e di lingue poi) che mi ha fatto interessare al tuo modo di scrivere.
    Ho avuto modo di leggere qualche testo scritto da dislessici quando queste cose mi interessavano parecchio tramite i classici link di facebook e confermo quanto dici: lettere di forme inusuali, grandezze diverse fra loro e una generale confusione. Per questo ti rinnovo i miei complimenti se riesci a scrivere così bene (meglio di molti ‘studiati’)

  • 8gld

    Hai detto confusione? 🙂 .
    Ti dai da fare. Complimenti a te per la scelta degli studi e per la curiosita’…quella non la perdere 😉