McNabb-Owens, svelato il perché del divorzio!

Quando in NAB si parla di divorzi illustri tra le coppie uno su tutti spicca, Shaquille O’Neal e Kobe Bryant per motivi che tutti sanno, in NFL uno de divorzi più shock che poi divnetò pure una telenovela fu in quel di Philadelphia tra il QB Donovan McNabb e il suo goliardico WR Terrell Owens…oggi è emersa la verità!

Stagione 2004/05, gli Eagles approdano al Super Bowl 34 dove ad attenderli ‘i sono i New England Patriots di Tom Brady, Phila lotta, ha l’ultimo drive per poter vincere ma McNabb si farà intercettare, fine del sogno e Back-To-Back per i Patriots al loro 3° titolo; McNabb-Owens confezionarono14 TD in quella annata, la coppia era nata da un forte desiderio reciproco dei due di giocare insieme tanto che al Pro-Bowl del 2004 si scambiavano messaggi d’amore in sideline da amici del cuore, la coppia c’è e funziona…ma qualcosa si rompe.

Al Training-Camp della stagione 2005/06 Owens non si presenta e, da Show-Man quale è sempre stato, il 10 agosto del 2005 invita le TV a casa sua mentre si allena da solo, gli Eagles lo sospendono e in quella stagione giocò solo 7 partite per 6 TD, il tutto con i media che pressavano senza storia la franchigia, McNabb ormai non ne poteva più di loro e soprattutto di T.O lanciando spesso e volentieri frecciate pubbliche all’ex amicone.

Ma cosa successe perché un duo così performante si rompesse? Lo stesso Owens lo ha rivelato oggi, la goccia che face traboccare il vaso non fu una donna, non fu un diverbio, non fu una questioen di spogliatoio…fu in una partita della stagione 2004/05 (Si, quella del Super Bowl, ndr), quando uno schema non andò come disegnato:

Dovevano giocare contro i Giants o i Browns, non ricordo, so che in settimana avevamo provato uno schema disegnato per me che funzionava, arriviamo alla partita, viene chiamato lo schema, lo eseguo, sono libero…ma non mi arriva la palla! Dalla sideline sento i miei compagni interrogarsi sul perché, vado nell’huddle e chiedo spiegazioni, allorché McNabb mi disse “Chiudi quella bocca del c***o!”. Questo no, io non ho mai disprezzato nessuno dei miei compagni e quella volta mi sentii davvero disprezzato ma non volevo che finisse come a San Francisco, quindi dissi “Cool” e non prosegui, a fine partita glielo dissi ma a lui sembrò non importare

Owens però non può fare a meno di essere Owens e quindi ecco la superba chiusura:

Sai, andavi al Lincoln Field e sentivi 70 mila persone urlare il mio nome “T.O! T.O!” e magari questo gli dava fastidio, ma da parte mia non c’è mai stato nulla di personale, ero andato a Philly per aiutarli ad arrivare al Super Bowl.

Quindi il tutto nacque da un lancio non ricevuto…chissà perché la cosa non mi sorprende! La verità è che i due, un po’ come Kobe & Shaq, erano troppo diversi per coesistere, c’è stato il colpo di fulmine ma col tempo (soprattutto McNabb) si erano accorti di non essere compatibili, chiaramente la voglia di vincere li legò tanto che al Super Bowl ci arrivarono…avessero vinto chissà.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B