Strapotere Warriors, Westbrook è irreale!

I Golden State Warriors rimontano dal -22 e distruggono gli Spurs assicurandosi il 1° posto ad Ovest, Russell Westbrook Tripla-Doppia sensazionale e vittoria ad Orlando, clamoroso passo falso dei Celtics contro Milwaukee, bene Belinelli, Clippers e Heat.

REGULAR SEASON

Philadelphia 76ers – Atlanta Hawks 92-99
PHI: Anderson 10, Saric 15, Holmes 25, Luwawu-Cabarrot 5 (10 rimb), McConnell 13, Long 10
ATL: Ilyasova 14, Howard 22 (20 rimb), Hardaway Jr. 19, Schroder 14, Bazemore 19

Dwight Howard (22+20) domina il pitturato a Philadelphia e Atlanta torna a respirare; a 5’ dalla fine Sixers in scia sul -4 (86-90) ma Atlanta risponderà con un parziale di 5-0 chiuso col layup da Dennis Schroder a 1’44” per il +9 (86-95).

Orlando Magic – Oklahoma City Thunder 106-114 OT
ORL: Ross 23, Gordon 13, Vucevic 11 (16 rimb), Fournier 24, Payton 11, Biyombo 12 (11 rimb)
OKC: Oladipo 13, Westbrook 57 (13 rimb, 11 ass), Kanter 17 (10 rimb)

Pazzesco, surreale, straordinario Russel Westbrook che sigla la 38esima Tripla-Doppia stagionale con ben 57 punti (21/40 dal campo) battendo all’overtime i Magic ad Orlando; OKC rimonta dal -21 e 13” dalla fine ha il possesso per il pareggio dopo l’1/2 di Vucevic, palla a Westbrook che si inventa una pazzesca tripla per il 102-102, Thunder che poi hanno anche il tiro finale dopo una persa di Fournier ma Oladipo non avrà fortuna.
I Magic sono cotti e nell’overtime Westbrook farà quello che vuole, realizza 7 punti su 12 di squadra contro i 4 dei padroni di casa.
I 57 punti di Westbrook sono un record All-Time per quanto riguarda punti in Triple-Doppie.

Boston Celtics – Milwaukee Bucks 100-103
BOS: Crowder 13, Horford 11, Bradley 12 (10 rimb), Thomas 32, Smart 11 (11 rimb)
MIL: Middleton 19, Antetokounmpo 22, Brogdon 16, Monroe 16

Sgambetto pesante dei Milwaukee Bucks ai Boston Celtics, Giannis Antetokounmpo & Co sbancano il TD Garden aiutando i Cavs a stare in scia per il 1° posto; finale in volata con Thomas che si mette in proprio realizzando 4 punti consecutivi per il -1 Celtics (100-101), Milwaukee però pesca il jolly dal mazzo perché sullo scadere dei 24” Malcolm Brogdon segna il canestro del +3 Bucks lasciando 3” ai padroni di casa, si va da Marcus Smart ma niente tripla del pareggio.

Toronto Raptors – Charlotte Hornets 106-110
TOR: Ibaka 15, Valanciunas 14 (15 rimb), DeRozan 28, Joseph 18, Patterson 10, Powell 10
CHA: Williams 18 (12 rimb), Batum 15, Kaminsky 13, Belinelli 21

Italian Job: Belinelli 21 pt (5/7, 2/4, 5/6), 5 ass, 1 persa, 1 recupero in 27’

Kemba Walker ma soprattutto un gran Marco Belinelli trascinano gli Hornets in quel di Toronto tenendo in vita la piccola speranza Playoffs (-3.0 gare dall’8° posto); match deciso a cavallo tra il 3° e 4° periodo col Beli protagonista, a 27” dalla fine del 3° Marco realizza una tripla dando vita ad un break di 10-0 chiuso sempre dal Beli per il -1 Hornets (74-73), match punto a punto ma a 37” Kemba Walker mette la freccia, sua la tripla del sorpasso Hornets (101-104) che darà vita al parziale finale di 9-5 Hornets.

New York Knicks – Miami Heat 88-105
NYK: Porzingis 20, Hernangomez 12, Lee 10
MIA: Whiteside 11, Dragic 20, Richardson 17, J.Johnson 18, T.Johnson 12

Notte di festa a Miami per la vittoria sui Knicks e anche perché i Playoffs sono sempre più vicini; Heat padroni del Madison Square Garden per tutta la partita, ad inizio 4° periodo piazzano un break di 11-2 per il +18 (70-88) con 8’25” da giocare.

Memphis Grizzlies – Indiana Pacers 110-97
MEM: Carter 21, Ennis III 7 (10 rimb), Wright 13, Conley 36, Randolph 17
IND: George 22, Young 16 (13 rimb), Brooks 18, Miles 15

Miami fa festa perché Indiana perde in casa contro i Grizzlies di Mike Conley e adesso sono i Pacers all’8° posto a pari record con gli Heat; gli ospiti dominano il primo tempo andando al riposo lungo sul 72-53 con Conley autore di 22 dei suoi 36 punti finali, Indiana non riuscirà più a rientrare.

New Orleans Pelicans – Dallas Mavericks 121-118
NOP: Davis 30 (13 rimb), Cousins 29 (16 rimb), Holiday 18, Cunningham 15, Crawford 15
DAL: Barnes 10, Nowitzki 23, Matthews 10, Curry 18, Ferrell 15, Barea 8 (11 ass)

Anthony Davis e DeMarcus Cousins combinano per 59 punti e 29 rimbalzi nella vittoria di misura dei Pelicans sui Mavericks; finale in volata con momento chiave a 1’50”, Pelicans sul +3 (117-114), Davis sbaglia am conquista il rimbalzo offensivo e schiaccia per il +5 (119-114), Dallas non molla a ma a mettere la parola fine sarà Jordan Crawford col jumper del 121-116 a 47”

San Antonio Spurs – Golden State Warriors 98-110
SAS: Leonard 19, Aldridge 17, Green 16, Gasol 18
GSW: Thompson 23, Curry 29 (11 rimb), Iguodala 14, West 15

I Golden State Warriors mandano n fortissimo messaggio alla Lega, in 48 ore vincono sia a Houston e a San Antonio rimontando pure dal -22 con gli “Splash Brothers” da 52 punti; dopo 8’30” di partita c’è solo una squadra in campo, gli Spurs che dominano toccano il +22 sul 29-7..pratica chiusa? No, perché i Warriors cominciano a giocare: prima chiudono all’intervallo sul -3 (57-54) e poi dominano la ripresa lasciando appenda 41 punti ai texani contro 56, protagonista del match l’ex di giornata Anthony West autore di 8 punti nel 4° periodo tutti importanti per costruire il +14 sul 96-110. Adesso Golden State ha 3.5 gare di vantaggio sui nero-argento.

Los Angeles Clippers – Washington Wizards 133-124
LAC: Griffin 26 (10 rimb), Jordan 23 (18 rimb), Redick 31, Paul 27 (13 ass), Crawford 14
WAS: Morris 14, Beal 27, Wall 41, Smith 14, Oubre Jr. 10

John Wall chiude con 41 punti ma non può nulla contro il trio dei Clippers Paul-Griffin-Jordan tutto in Doppia-Doppia; padroni di casa che prendono le redini del match sin dalla palla a due ed entrano negli ultimi 12’ sul +12 (110-98), Washington arriverà fino al -6 (114-108) ma L.A rispedirà al mittente il tentativo di rimonta con un break di 5-0 per il nuovo +11 (119-198) a metà frazione.

Sacramento Kings – Utah Jazz 82-112
SAC: Collison 12, McLemore 22, Lawson 11
UTA: Hayward 20, Diaw 11, Gobert 16 (15 rimb), Hood 18, Mack 14, Ingles 12

Tutto facile per gli Utah Jazz a Sacramento; gli ospiti dominano il 1° quarto 34-14 col 57% dal campo, i Kings però non si demoralizzano e ci provano entrando nell’ultimo quarto sotto di 11 (67-78) ma lo sforzo verrà pagato, Utah piazza un 4° da 34-15 per assicurarsi il referto rosa e il vantaggio sui Clippers per il 4° posto.

STANDINGS

NBA Standing 30/03/2017

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • Hanamichi Sakuragi

    tanti spunti oggi..
    innanzitutto i warriors.. la doppia vittoria spurs/rockets è una bella iniezione di fiducia in vista dei play off credo che per loro queste 2 vittorie senza durant siano le più importanti della stagione..
    a proposito di durantula.. si è rotto a inizio marzo.. non dovrebbe tornare??

    celtics: sconfitta sciagurata. non la dovevano perdere, specie in casa.

    sbaglierò ma se devo fare una squadra come play prendo sempre CP3. lo adoro.

    westbrook: non dovesse vincere l’mvp ci rimarrei male. Anche non lo vincesse leonard se è per questo. Mi viene da pensare dove sarebbero i thunder se durant fosse rimasto li.. il 1° posto non sarebbe stato un miraggio.

    ultimissima considerazione: grande marco, strepitoso!!

  • Matt

    Ciao a tutti,sono nuovo da queste parti…anche se vi leggo da un bel po’. …

    Che dire,Warriors che dimostrano come siano una macchina perfetta anche senza durant, e che probabilmente in estate non fosse necessario smontarli ma solo prendere un centro al posto de precario BOGUT,per il resto se non danno l’mvp a RW credo che questo premio perda totalmente di credibilità, stiamo parlando di uno che ha fatto ormai una stagione con tripla dopia di media,e praticamente una tripla doppia ogni 2 partite ,assurdo…

  • gasp

    Tifi forse Lakers, o sbaglio? Ehehehheh

  • mad-mel

    Curry sembra che stia tornando quello dell’anno scorso senza durant.
    Inoltre sembra anche ritornata la coralità di un tempo.

  • Barone birra

    Benvenuto matt. Dopo più di 40 anni tornano le triple doppie con 50 punti e addirittura 2 diversi giocatori ne fanno 2 a testa. Per la seconda volta consecutiva russ la vince da solo,ha una energia e una voglia di vincere degna di kobe e jordan. Non ci sono piu parole per quello che sta facendo. È come se qualcuno nel 2017 eguagliasse i 50 punti di media di Wilt. Se toglie il record a big 0 almeno ex aequo con harden l’mvp lo dovrebbe avere anche se il barba è ancora in vantaggio. Gli warriors sono guariti del tutto con steph trascinatore;con il durant pre infortunio non ce ne dovrebbe essere per nessuno. Grandi prestazioni anche di wall cp3 e howard .che nottata

  • Matt

    Esatto gasp, sono un lacustre….un po’ intristito ma sempre fedele ahahahah

  • In Your Wais

    Vi prego qualcuno giustifichi quello che sta facendo Westbrook. Ormai ci ho rinunciato, ogni mattina a seconda se giochi Harden o Westbrook l’MVP prende una direzione diversa, almeno nella mia testa. La realtà è che dovrebbero darlo ex equo, chiunque perda è a suo modo un’ingiustizia

    In questo no, non sono d’accordo con Matt, viaggiare in tripla doppia di media è qualcosa di inimmaginabile nell’epoca moderna, sono come i 50 di media di Chamberlain, ma dall’altra parte abbiamo uno che vincerà la classifica degli assist mettendone pure 30 di media, roba alla Nate Archibald…ed in più i Rockets ne vinceranno almeno 55

    Per il resto, dove non arrivano i Cavs, arrivano Bucks, Clippers ed Hornets, sgambettando tutte le possibili rivali di James e compagnia

    PS: Com’era la storia dei Warriors alla canna del gas? Kerr incapace? Management ridicolo, perchè puntare così tanto su KD?

  • mad-mel

    Per dare un senso e un valore ad alcune statistiche bisognerebbe fare dei rapporti sui possessi giocati tra le varie ere, il numero di tiri e soprattutto con quelli da tre.
    Ho notato che quest’anno le prestazioni monster oltre i 50 punti sono state molte di più rispetto agli anni scorsi, ma ho anche letto che l’altra notte è arrivato il 210000esimo punto con il tiro da tre, battendo il record precedente della stagione scorsa con quasi 10 partite in meno.

  • In Your Wais

    Vai tranquillo, cita tutte le avanced stats che vuoi per dire che Westbrook fa cacare ed Harden vale un mignolo di Leonard (ed ovviamente James succhia via la linfa vitale dai compagni, un evergreen)

    Io intanto mi godo la NBA, tu continua a roderti il fegato sui tuoi Knicks ed a odiare a caso

  • michele

    purtroppo non si possono vincere tutte le partite, ci sono anche gli avversari e milwaukee ha meritato. amen. boston era 8-2 nelle ultime 10, una delle migliori streak. cosa si dovrebbe dire allora di washington che l’altro giorno stava perdendo a los angeles prima che i lakers si ricordassero che stavano tankando e hanno concesso 20 punti in un amen eheheheh

  • Lorenzo Escriva

    come tutti al giorno d’oggi! ahahhaha

  • michele

    benvenuto!

  • Matt

    Arriveranno tempi migliori,Dove la nostra stagione non finisce a gennaio ma perlomeno ad aprile ahahah

  • michele

    “in direzione ostinata e contraria”..dai che c’è solo da levarsi il cappello di fronte a Russ e alla Barba.

  • michele

    Magic come il presidente della Longobarda ( spero per lui senza corna) eheheheh

  • Hanamichi Sakuragi

    e pure a quella a tutto campo di leonard

  • Michael Philips

    se guardi i possessi giocati all’epoca di wilt allora pure i 50 di media forse svaniscono di fronte alla stagione di westbrook.
    Harden credo lo vincerà per via del record di squadra.
    Pure Harden comunque numeri folli, 2 50elli con tripla doppia(come russell). Il basket è cambiato negli ultimi due anni, non c’è dubbio.

  • Barone birra

    Quello che sta facendo russ è mostruoso da qualsiasi punto si guardi la faccenda. Domenica durante la partita fra okc e houston tranquillo ha detto che big 0 aveva molti più possessi di quanti ne abbia russ e nonostante ciò hanno le stesse medie .questa è una stagione che capita ogni 50 anni punto.a me esalta brodie per la
    sua energia ti puoi aspettare tutto da lui è questo il bello

  • Barone birra

    Fra due anni russ torna a casa .caro gasp tieniti pronto.

  • Barone birra

    Io odio il modo di giocare di harden come odio tutti quelli che non difendono ,ma sta facendo una stagione stellare. Tanto di cappello inutile girarci intorno

  • brazzz

    premesso che sia wes che il barba stan facendo numeri assurdi,un paio di precisazioni ci vogliono..RIMBALZI..ilpitturato è molto più accessibile ora che in passato..con centri stanziali col piffero che una guardia potesse prenderne 10 di media,manco sesi chiamava Magic,cioè una guardi di 2.05..assist..li conteggiano in maniera ridicola..oltre a questo,penetro e scarico sul tiratore da 3 è un assist,ma è una modalità che non esisteva…queste son cose che van dette,pur dando a cesare quel che è di cesare..

  • ILTG6

    Questa è sicuramente una corsa all’MVP incertissima, Leonard per quanto mi riguarda è uscito dalla contesa, se lo giocano a tutti gli effetti Harden e Westbrook.
    Io anche lo darei a Russell personalmente, ma capisco benissimo anche chi vede Harden premiato e penso che secondo i canonici criteri di MVP la lega premierà la Barba.
    Abbiamo da una parte il miglior marcatore della lega!! che aggiunge pure una tripla doppia di media; dall’altra il miglior uomo assist che aggiunge 28 e 8 con 55W di squadra.
    Io lo darei allo zero perché a conti fatti i Thunder come squada sono leggermente inferiori e soprattutto non hanno mai vinto con Westbrook

  • ILTG6

    Giù di tono

  • ILTG6

    Le ultime due partite dei Warriors hanno fatto ricordare chi sono e che roba sono con KD in aggiunta, se non vincono è un fallimento clamoroso.
    Certo che vedere gli Spurs essere rimontati in casa da -22 poco dopo che avevano asfaltato i Cavs non è un bel messaggio per le contendenti.

  • mad-mel

    Si è vero…gli ultimi due anni ha preso una piega assurda…
    E penso che continuerà.

  • gasp

    Manca Oronzo Canà

  • gasp

    Beh ma prima arriva lonzo Ahahahhah

  • Michael Philips

    la piega è che gli attacchi sono folli e veloci ma invece di segnare da sotto e dal mid-range si segna un sacco da 3.
    Io adoravo i duelli dal post basso, adoravo gente che si fiondava più volte al ferro prendendo stoppate o mettendo schiacciate. Questo succede anche oggi e non giudico l’efficacia di questo stile(warriors e cavs tirano da 3 come pochi e sono i campioni degli ultimi 2 anni) ma a livello visivo non è il massimo.
    Ricordo ancora la sconfitta dei cavs contro denver. Il pitturato libero e cleveland a tirare da 3 nonostante la serata no dalla lunga.
    Inizio a credere che i giocatori preferiscano tirare da 3 perché oltre ad avitare tanti contatti brutti in area si fatica pure di meno a livello fisico.
    Guarda quanti canesti mettono i rockets quando harden come un vero e proprio quaterback lancia lungo ad ariza o ryan anderson o chi per loro, e questi prendono e tirano con praticamente 3 secondi passati sul cronometro dei 24. Ne bastano 2 in attacco e il play e i due lunghi possono rifiatare nella loro metacampo.

  • Michael Philips

    Gli scarichi per le triple non esistevano perché all’epoca non erano abbastanza bravi a tirare da 3.
    Poi chiariamo, oggi volendo un giocatore può essere triplicato a 8 metri dal ferro, all’epoca di magic non potevi staccarti dal tuo uomo.
    Quando lebron ne mise 61 contro charlotte 3 anni fa, ad un certo punto nel 4 quarto gli avversari preferirono raddoppiarlo o anche triplicarlo a centrocampo solo per fargli passare la palla e non farlo più segnare, a costo di rimanere 2 contro 4 in area. E infatti lui non riuscì più a prendere un tiro per almeno 4-5 possessi.

    Cosa che avrebbero sicuramente fatto tante volte contro Jordan o contro i vari shaq e hakeem se solo fosse stato possibile.

    Troppe cose sono diverse per fare paragoni.
    Poi sono d’accordo e lo dico da tempo, passi westbrook che sono 3 anni che prende rimbalzi come un’ala grande, ma harden che ne prende 8 a gara o un horford e gasol che ne prendono 5-6 sono il risultato dello stile odierno.
    Ma oggi hai centri da marcare per tutto il campo ergo centri molto più ostici da gestire. Come li avresti visti Shaq o Kareem giocare a 7 metri dal pitturato solo perché il loro centro avversario sa tirare da 3 col 40%. E con la difesa a uomo non avrebbero potuto starsene ad aspettare in area come alcuni fanno oggi(howard o gobert) no no, dovevano seguire i loro avversari.

  • In Your Wais

    “queste son cose che van dette”

    Per me il discorso è sempre lo stesso, capisco che si possano preferire “i vecchi tempi”, trovo solo spiacevole che portare acqua al proprio mulino si tirino fuori discorsi quanto meno opinabili

    Il penetra e scarica esiste da quando esiste il basket, prima era per un tiro dai 5 metri, oggi da 7.23…non capisco, quale differenza c’è? Sono comunque assist, la difesa collassa ed il tiratore ha spazio. Negli anni ’80 era assist, oggi no?

    Voglio anche citare le parole di Oscar Robertson, che nel 1991, quando Magic passò il suo record di assist, disse “ai miei tempi era molto più difficile farsi attribuire un assist”. Quindi che facciamo, come al solito i vecchi tempi sono migliori, e chi viene dopo dovrebbe inchinarsi e cospargersi il capo di cenere?

    Chi lo dice che oggi gli assist sono attribuiti in modo ridicolo? Lo dici tu? Sulla base di quali prove, informazioni, statistiche? Hai dei filmati? Perchè altrimenti sono parole al vento, io posso dire l’opposto e nessuno può contraddirmi. E comunque no, nella NBA gli assist sono sempre, dico sempre, stati elargiti con estrema generosità, almeno da quando guardo il basket io (anni ’80). Ed oggi non c’è alcune differenza

    Sui rimbalzi, sarà come dici tu, fatto sta che solo Westbrook va in doppia cifra. Fosse così facile, perchè anche Curry, Paul, e gli altri, non ne prendono almeno 7-8? E perchè uno come Fat Lever, 1.90 scarsi, magro come uno spillo e con elevazione zero, ne prendeva circa 9 di media negli anni ’80, quando i centri erano grossi e cattivi, mica come i froci tiratori di oggi?

    Boh, sempre le stesse cose…oggi merda, ieri meraviglia. Contento tu

  • In Your Wais

    Però un filmato lo voglio mettere io. Ecco l’assist con cui Stockton passò Magic nel 1996. Davvero oggi li attribuiscono in modo ridicolo?

    https://www.youtube.com/watch?v=c34FunRSbzA

  • brazzz

    secondo me non leggi quello che scrivo,ma va bene…

  • mad-mel

    La mia non era una critica, e non volevo infilare Harden e Westbrook nel discorso. Dico solo che aumentando la produzione del tiro da 3 le prestazioni oltre i 40 punti, i cinquantelli e i settantelli sono meno onerosi da realizzare. Infatti quest’anno molti giocatori hanno toccato vette altissime nella casella delle realizzazioni. E’ una stats. Un dato di fatto. I punteggi sono più alti. Penso di non dire una bestemmia che i cinquantelli alla fine anni 90 e fino a metà 2000 fossero più difficili da realizzare.