Spurs e Warriors che rimonta, Boston c’è!

Notte di grandi rimonte come quelle degli Spurs ad Oklahoma City e di Golden State contro Houston, Cleveland torna a vincere am Boston non molla, Cousins si vendica dei Kings, Miami KO dolorosa, Denver è addio Playoffs?

REGULAR SEASON

Toronto Raptors – Indiana Pacers 111-100
TOR: Carroll 12, Ibaka 15 (12 rimb), Valanciunas 16 (17 rimb), DeRozan 40, Wright 11
IND: George 28, Young 12, Teague 19, Miles 15, Brooks 11

DeMar DeRozan sale in cattedra e con i suoi 40 punti trascina i Raptors al successo sui Pacers; squadra che vanno al riposo lungo sul 46-48 Pacers, nel 3° si scatena il duo DeRozan-Valanciunas, i due combinano 28 punti su 34 di squadra (16 e 12) contro i 20 col 32% dal campo degli ospiti, da -12 a +12 (80-68) e match in discesa per i canadesi.

Charlotte Hornets – Denver Nuggets 122-114
CHA: Kidd-Gilchrist 11, Batum 13, Walker 31, Kaminsky 22, Belinelli 11, Lamb 13
DEN: Gallinari 19, Faried 18 813 rimb), Jokic 26 (13 rimb, 10 ass), Harris 20, Nelson 12

Italian Job: Belinelli 11 pt (0/1, 3/6, 2/2), 1 persa in 19’ / Gallinari 19 pt (1/5, 4/6, 5/5), 5 rimb, 4 ass, 2 perse in 34’

I Charlotte Hornets di Kemba Walker rifilano una pesante e forse decisiva sconfitta ai Denver Nuggets nella loro cosa ai Playoffs, vana la Tripla-Doppia di Nikola Jokic; Denver gioca bene e comanda ad inizio 4° quarto sul +8 (86-94) ma andrà nel pallone! Nell’ultima frazione gli ospiti tireranno 7/21 per 20 punti contro il 12/22 co 54% dei padroni di casa trascinati da Frank Kaminsky (12 punti su 22 finali).

Cleveland Cavaliers – Philadelphia 76ers 122-105
CLE: James 34, Love 18 (10 rimb), Thompson 7 (11 rimb), Smith 14, Irving 24, Frye 12
PHI: Anderson 12 (10 rimb), Holmes 19, Luwawu-Cabarrot 19, McConnell 10, Long 16

Tornano al successo i Cavaliers e lo fanno contro i Sixers col solito LeBron James protagonista (34+9+6); match archiviato per i padroni di casa nel 2° quarto dove James realizza 12 punti su 38 di squadra (62% dal campo) contro i 23 di Philly, alla sirena dell’intervallo Cavs +18 (70-52) per poi toccare anche il +32.

Boston Celtics – Orlando Magic 117-116
BOS: Crowder 18, Horford 12, Broen 12, Thomas 35
ORL: Ross 17, Gordon 32 (16 rimb), Fournier 20, Payton 12 (15 ass), Meeks 13

Ma Isaiah Thomas (35 punti) e i Celtics non stanno a guardare e di misura battono i Magic rimanendo al comando dell’East; a 1’50” dalla fine Evan Fournier spaventa il Garden con la tripla del sorpasso Magic (115-116), Aaron Gordon manca la schiacciata sull’Alley-oop a 1’25” e Boston gliela farà pagare! Horfodn va in lunetta e il suo 2/2 varrà il sorpasso con 83” a giocare, non segnerà più nessuno con Boson che tremerà all’ultimo tiro sbagliato però da Elfrid Payton a 2”.

Milwaukee Bucks – Detroit Pistons 108-105 OT
MIL: Middleton 25 (10 rimb), Antetokounmpo 28 (14 rimb), Maker 23
DET: Morris 13, Leuer 9 (10 rimb), Drummond 7 (13 rimb), Caldwell-Pope 17, Smith 16, Harris 23, Udrih 16

Giannis Antetokounmpo sfiora la Tripla-Doppia (28+14+9) e Milwaukee porta a casa un’altra importante vittoria conquistando (momentaneamente) il 5° posto ad East; Buck che pareggiano a 51” dalla conclusione con un Tap-In di Thon Maker sul 95-95 e saranno gli stessi Bucks ad avere anche l’ultimo tiro ma Middleton non troverà il bersaglio.
Nell’Overtime le squadre sono sul 102-102 a 1’22” ma Milwaukee cambia marcia, tripla spezza-gambe di Middleton a 40” per il break di 6-0 Bucks (108-102).

Memphis Grizzlies – Dallas Mavericks 99-90
MEM: Conley 28, Randolph 22 (12 rimb), Daniels 21
DAL: Nowitzki 13 (12 rimb), Noel 10, Matthews 13, Curry 12, Harris 10, Barea 13

Ai Memphis Grizzlies basta un ottimo 2° periodo per archiviare la pratica Mavericks; dopo un 1° quarto equilibrato (21-19) i padroni di casa alzano il volume della radio, Dallas tirerà 2/18 dal campo per 15 punti contro i 34 punti (10 di Randolph) dei Grizzlies per il +21 dell’intervallo.

New Orleans Pelicans – Sacramento Kings 117-89
NOP: Davis 19 (12 rimb), Cousins 37 (13 rimb), Moore 13, Cunningham 12, Crawford 12
SAC: Evans 11, Labissiere 13, Cauley-Stein 11 (14 rimb), Hield 13, Papagiannis 11, Mclemore 15

A New Orleans arrivano i Sacramento Kings e DeMarcus Cousins si scatena (37+13) trascinando i Pelicans al successo; incontro già finito all’intervallo con i Pelicans avanti 58-38, Cousins e Davis autori di 17 e 13 punti con un buon 51% dal campo, New Orleans arriverà a toccare anche il +32.

Miami Heat – New York Knicks 94-98
MIA: McGruder 11, Whiteside 17 (16 rimb), Dragic 22, J.Johnson 12, T.Johnson 15
NYK: Porzingis 22, 10 (12 rimb), Baker 10, Lee 20, Holiday 12

Sanguinosa sconfitta per i Miami Heat che cadono in casa contro i Knicks di Kristaps Porzingis; momento chiave a 7” dalla fine, Heat sul -2 (94-96) e possesso, Dragic si butta dentro, Whiteside va per cercare il Tap-In ma secondo gli arbitri commette goaltending (la palla non era entrata), possesso a NY che con 2 liberi di Lee chiuderà il discorso.

Oklahoma City Thunder – San Antonio Spurs 95-100
OKC: Adams 13, Oladipo 16, Westbrook 32 (15 rimb, 12 ass), Abrines 11
SAS: Leonard 28, Aldridge 14 (10 rimb), Gasol 17, Mills 10

Supera vittoria in rimonta dei San Antonio Spurs che rimontano e resistono alla 39esima Tripla-Doppia di di Russell Westbrook; OKC spaziale nel primo tempo tanto da arrivare a toccare il +21, San Antonio però non si demoralizza, rimonta e a 20” dalla fine trova con LaMarcus Aldridge la schiacciata del sorpasso sul 95-96! Il momento decisivo arriva sul possesso successivo, Aldridge stoppa Westbrook, palla recuperata da Leonard che va Coast-To-Coast segnando col fallo! Libero a segno e +4 Spurs (95-99) a 5”.

Utah Jazz – Washington Wizards 95-88
UTA: Hayward 19, Gobert 16, Hood 11, Exum 10, Ingles 11, Mack 15
WAS: Gortat 4 (11 rimb), Beal 27, Wall 16, Oubre Jr. 10, Bogdanovic 10

Buona vittoria per gli Utah Jazz che battono in casa i Wizards col solito duo Hayward-Gobert anche se il protagonista è stato Shelvin Mack; a 1’17” dalla fine Bradley Beal perde palla sul -2 Wizards (88-86) e Mack realizza il layup del +4 (90-86), Beal si perdonare col tiro del nuovo -2 ma ancora una volta sarà Mack in entrata col layup del nuovo +4 (92-88) a 49”! Mack ha realizzato 6 degli ultimi 7 punti dei Jazz.

Golden State Warriors – Houston Rockets 107-98
GSW: Thomspon 20, Curry 24, Iguodala 14
HOU: Gordon 15, Ariza 15, Capela 8 (14 rimb), Beverley 11, Harden 17 (12 rimb), Harrell 11, Williams 13

Houston ci prova ma anche stavolta deve chinarsi di fronte ai Golden State Warriors degli “Splash brothers”; i texani toccano anche il +13 ma le squadre entrano negli ultimi 12’ sul +2 Houston (83-85), i Rockets danno tutto e riescono ad allungare sul +4 (88-92) a 9’40” dalla conclusione…ma ecco i Warriors! Break di 12-0 per il +8 (100-92) a 3’ e tanti saluti Harden & Co.

STANDINGS

NBA Standing 01/04/2017

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • mad-mel

    Ripeto 1 aprile

  • mad-mel

    Tracy mcgrady nella HOF.
    Lo era già da un po’ di tempo ma ufficialmente è stata resa una pagliacciata anche qst manifestazione/istituzione.

  • michele

    ricordo quando litigavo con il mitico e compianto STOPPANI, a suo dire Tmac era molto piu’ forte di Pierce….talento straordinario, una macchina da canestri e purtroppo fragile fisicamente: ma un HOF è un altra cosa.

  • Hanamichi Sakuragi

    Minkia basta!!!

  • Michael Philips

    Il problema di T-Mac non è stato solo l’essere fragile. Non è mai stato uno scorer efficiente, mai esattamente clutch e tendenzialmente zero impegno in difesa.
    Uno puo’ essere forte quanto vuole, ma non è mai riuscito a passare il primo turno. Ma di che parliamo?

  • michele

    speravi nominassero Webber vero? :)…Tmac mi pare cmq che un paio di titoli di miglior scorer li abbia vinti, il problema come dici tu è lo scoglio dei playoff. Alla fine di lui si ricorderanno soprattutto quei 13 punti in “35 agli Spurs in una inutile partita di regular season,

  • michele
  • Michael Philips

    Ma nemmeno webber sarebbe da HOF.
    Nemmeno il mio mito Zo Mourning meritava, eppure eccolo lì assieme a dei mostri sacri.