Cavaliers di forza su George, ridono i Bulls!

LeBron James e i Cavaliers vincono di forza e carattere contro un superbo Paul George, Chicago ride con Jimmy Butler perché a piangere è Miami sconfitta in casa dal Gallo, Bucks salvati da Brooklyn. Russell Westbrook 40esima Tripla-Doppia ma OKC perde contro il Beli, Curry 42 e Washington abbattuta.

REGULAR SEASON

New York Knicks – Boston Celtics 94-110
NYK: Lee 16, Porzingis 14, Hernangomez 12, Randle 10, O’Quinn 11, Kuzminskas 11
BOS: Horford 14, Brown 16, Thomas 19, Smart 14, Olynyk 12, Rozier 12

Al Madison Square Garden i Boston Celtics spazzano via senza troppi patemi i New York Knicks privi pure di Derrick Rose per i resto della stagione; gli ospiti prendono le redini del match sin dalla palla a due arrivando anche a toccare il +19 (41-60) e andando al riposo lungo sul 47-60 con Isaiah Thomas autore di 13 punti, Boston controllerà il resto della gara senza problemi arrivando anche sul +27.

Oklahoma City Thunder – Charlotte Hornets 101-113
OKC: Roberson 12, Oladipo 19, Westbrook 40 (13 rimb, 10 ass)
CHA: Kidd-Gilchrist 16, Zeller 11, Walker 29, Kaminsky 18, Lamb 13

Italian Job: Belinelli 7 pt (2/3, 0/2, 3/3), 4 rimb, 2 ass, 2 perse, 1 rec in 17’

Russell Westbrook firma la 40esima Tripla-Doppia stagionale ma non basta agli Oklahoma City Thunder contro Charlotte che continua a non mollare la corsa per i Playoffs; la partita viene decisa ad inizio ripresa, le squadre vanno al riposo sul 54-59 per gli ospiti che cominceranno a marce alte il 3° quarto, break di 13-0 per il +18 (54-72) dopo 5’ di gioco e da quel momento neanche super Westbrook riuscirà a recuperare.

Los Angeles Lakers – Memphis Grizzlies 108-103
LAL: Ingram 13, Randle 18 (11 rimb), Nance Jr,. 12 (14 rimb), Russell 28, Robinson 12 (10 rimb), Ennis 11
MEM: Ennis III 14, Wright 16, Allen 13, Conley 20, Daniels 20, Randolph 13

I Los Angeles Lakers escono nell’ultimo minuto e battono i Memphis Grizzlies (provo di Gasol), a ’51” dalla fine punteggio pari sul 97-97 e i Lakers mettono la freccia con i canestro di Ennis, Nance Jr. e Russell che col suo 2/2 chiude il break di 6-0 per il 103-97 a 56”. Memphis però non molla, Conley con 2 triple porta i suoi sul -1 (104-103) a 11”, va in lunetta Ennis che non trema per il nuovo +3 giallo-viola (106-103), ancora Conley da 3 ma stavolta non troverà il bersaglio.

Milwaukee Bucks – Dallas Mavericks 105-109
MIL: Middleton 13, Antetokounmpo 31 (15 rimb), Maker 11, Snell 12, Dellavedova 14
DAL: Barnes 31, Nowitzki 17, Ferrell 13, Barea 17

Giannis Antetokounmpo sfiora la Tripla-Doppia (31+15+9) ma non basta ai Bucks che cadono in casa contro i Mavericks; a 1’24” Matthew Dellavedova spara la tripla del -3 (103-106) e Milwaukee avrà anche il possesso per il pareggio ma a 40” Antetokounmpo mancherà la tripla, Harrison Barnes non perdonerà e il suo Fadeaway a 20” varrà il +5 che manderà i titoli di coda.

San Antonio Spurs – Utah Jazz 109-103
SAS: Leonard 25, Bartans 11, Parker 21, Anderson 6 (10 rimb), Gasol 13 (12 rimb), Simmons 17
UTA: Hayward 16, Diaw 19, Gobert 19 (14 rimb), Johnson 13, Mack 13

Malgrado le numerose assenze (Ginobili, Aldridge, Mills, Lee) San Antonio doma gli Utah Jazz aiutando i Clippers per la lotta al 4° posto ad Ovest; i texani scappano nel 3° periodo volando fino al +17, i Jazz ci provano arrivando fino al -4 (102-98) a 2’24” ma un Alley-Oop sull’asse Gasol-To-Simmons darà vita ad un mini-break di 4-0 Spurs per il +7 (105-98) a 1’26”.

New Orleans Pelicans – Chicago Bulls 110-117
NOP: Davis 30 (11 rimb), Cousins 26 (18 rimb), Holiday 17, Crawford 15
CHI: Butler 39, Rondo 10, Portis 21 (11 rimb), Lauvergne 15

Un’altra superba prestazione di Jimmy Butler (punti) vale un’altra preziosissima vittoria per i Chicago Bulls (4^ consecutiva) che vincono a New Orleans in una notte favorevole nella lotta ai Playoffs; Butler è scatenato nel 1° tempo, realizza 25 dei suoi 39 punti con i Bulls avanti 47-63 al riposo lungo grazie anche al 37% dal campo dei Pelicans. Chicago controllerà gli avversari per il resto della partita

Toronto Raptors – Philadelphia 76ers 113-105
TOR: Carroll 10, Ibaka 24, Valanciunas 14, DeROzan 17, Powell 10, Poetle 12
PHI: Saric 16, Luwawu-Cabarrot 23, McConnell 4 (11 ass), Stauskas 14, Poythress 11, Henderson 12

Nessun problema per i Toronto Raptors sui Sixers; canadesi sempre al comando che trovano ad inizio 4° periodo il parziale definitivo di 9-2 per il +14 (100-86), con questa vittoria Toronto si porta momentaneamente al 3° posto ad East.

Brooklyn Nets – Atlanta Hawks 91-82
BKN: Hollis-Jefferson 11, Lopez 29, Lin 15, Kilpatrick 4 (11 rimb)
ATL: Prince 13, Howard 11 (11 rimb), Harrdaway Jr. 14, Schroder 16, Millsap 14

Milwaukee che ringrazia Brooklyn perché i Nets vincono alla Philips Arena di Atlanta e aiutano i Bucks a tenere dietro gli Hawks per il 5° posto ad East; a 3’27” Hawks sul -3 (80-83), Millsap sbaglia il tiro del potenziale -1 e una tripla di Dinwiddie lancerà i Nets ala successo! Brooklyn chiuderà gli ultimi 2’34” con un parziale di 8-2

Miami Heat – Denver Nuggets 113-116
MIA: McGruder 11, Whiteside 16 (12 rimb), Richardson 17, Dragic 22, T.Johnson 15
DEN: Gallinari 29, Jokic 19 (10 rimb), Mudiay 17, Chandler 19

Italian Job: Gallinari 29 pt (8/12, 3/7, 4/4), 5 rimb (1 off), 2 ass, 1 persa, 1 rec in 37’

Danilo Gallinari lancia i Nuggets a South Beach rifilando una pesantissima sconfitta interna agli Heat; Nuggets che comandano per tutta la partita ma il finale è in volata perché a 10” dalla fine Tyler Johnson segna la tripla del -1 Heat (113-114), viene invitato il lunetta Emmanuel Mudiay che non trema, 2/2 per il nuovo +3 a 9” da giocare, Josh Richardson si incarica della tripla del pareggio ma non troverà il fondo della retina.

Cleveland Cavaliers – Indiana Pacers 135-130 2OT
CLE: James 41 (15 rimb, 11 ass), Love 20 (12 rimb), Thompson 12, Smith 18, Irving 21, Frye 10
IND: George 43, Young 19, Teague 17, Miles 27

A Cleveland va in scena una bellissima battaglia tra LeBron James (41+15+11) e Paul George (43 punti di cui 19 negli OT), il referto rosa andrà al “Chosen One” dopo una pazzesca partita decisa solo dopo 2 tempi supplementari con emozioni a non finire; Cavs che fanno fatica a staccare gli avversari e quando ci riescono (+14 a 10’ dalla fine) si fanno rimontare e a 1’20” dopo una banale persa di Shumpert arriva la tripla dall’angolo di C.J Miles per il 102-104 Pacers! James non ci sta e con una prodezza allo scadere dei 24” pareggia sula 104-104 a 61”. George sbaglia da 3, sul capovolgimento di fronte Thompson viene mandato in lunetta, il fidanzato di Khloe fa 0/2 lasciando 26” agli ospiti. Palla di nuovo a PG13 Vs James ma George scarica per Turner che sbaglia il long two allo scadere dei 24” lasciando 1” sul cronometro per un ultimo tiro Cavs..che non arriverà perché Love perderà palla, overtime!
Extra-Time pazzesco, Indiana avanti di 2 (111-113) e possesso a 39” dopo un disastro tra Love e James su una rimessa, George non uccide la partita e sul capovolgimento James trova J.R Smith nell’angolo per una tripla senza coscienza per il sorpasso Cavaliers…ma ci sono ancora 2” da giocare e Thompson commette un ingenuo fallo su tiro di George!!! George va in lunetta ma fa 1/2 per il 114-114 lasciando ancora un ultimo tiro ai padroni di casa con 2” che, come sul finire dei regolamentari, non riusciranno a tirare ma anzi…i Pacers recuperano palla e hanno loro l’ultimo tiro con 1” da giocare e a momenti George la vince, 2° overtime.
Ancora Extra-Time e ancora battaglia punto-a-punto con James-George che mettono in scena il meglio del loro repertorio, James però cede la scena a Kevin Love con un assist che vale il +4 (131-127) Cavaliers dopo che George aveva sparato l’ennesima tripla del -1. Miles sbaglia la tripla del -1 e Irving dalla lunetta scriverà la parola fine malgrado al fesseria finale di Shumpert.

Golden State Warriors – Washington Wizards 139-115
GSW: Green 11 (12 rimb, 13 ass), Thompson 23, Curry 42, Livingston 17, McGee 10, West 10
WAS: Porter Jr. 13, Morris 13, Beal 20, Wall 15 (11 ass), Bogdanovic 20

Altro 40ello della notte e Tripla Doppia della notte NBA in arrivo da Oakland dove Steph Curry (9/14 da 3!) e Draymond Green (11+12+13) battono i Washington Wizards; Curry realizza 22 nel primo tempo ma Golden State non chiude la pratica perché il punteggio recita 67-57, il #30 alza ancor di più l’asticella con una terza frazione da 15 punti che insieme ai 12 di Thompson lanciano la fuga dei Warriors, a metà frazione una bomba di Klay varrà il +20 (90-70) e per i Wizards non ci sarà più niente da fare.

Phoenix Suns – Houston Rockets 116-123
PHX: Jones 10, Len 10 (12 rimb), Booker 27, Ulis 34, Dudley 15
HOU: Williams 21, Capela 8 (22 rimb), Beverley 26, Williams 23, Nene 17

Mike D’Antoni concede una notte di riposo a James Harden e i Rockets non tradiscono vincendo a Phoenix con 71 punti dal trio Gordon-Beverley-Williams; a 3’28” dalla fine i Suns non si danno per vinti, layup di Derrick Jones per il -5 (106-111)ma Houston troa il colpo di reni per satccare l’avversario con un parziale di 6-2 chiuso con un layup di Nene a 2’10” per il +9 (198-117).

STANDINGS

NBA Standing 01/04/2017

TOP 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • In Your Wais

    Il duello George-LeBron mi ha vagamente ricordato quelli tra James e Wade di qualche anno fa

  • Barone birra

    Stavolta sono i cavs e lebron che potrebbero arrivare a tocchetti alle finals.,mentre gli warriors e steph sembrano in un crescendo pauroso di forma .oggi non parlerò di mvp sennò sakuragi si incazza. Lol

  • Shady

    I cavs da sempre sono una squadra a trazione anteriore, ma almeno gli anni scorsi davano l’impressione di sapersi chiudere in quei 3/4 possessi chiave.
    Squadre indisciplinate difensivamente come questo cavs difficilmente le ho viste.

    George si vede che ci teneva a quest’incontro, spero di non incontrarlo ai PO, nonostante venga da una stagione parzialmente deludente è uno di quei giocatori che sa alzare il livello quando serve

    I bulls sono migliorati in concomitanza con l’infortunio di Wade… difficilmente lo rivedremo con quella maglia l’anno prossimo, probabilmente il rapporto non era idilliaco con lo stesso butler e non solo con il resto del team. Innegabile che jimmy ha cambiato marcia da quando è tornato primo violino indiscusso, anche rondo in ascesa, eviterei volentieri anche loro

  • Matt

    WARRIORS che continuano ad asfaltare tutti nonostante siano privi del loro miglior scorer,

    Proviamo a togliere LEONARD agli SPURS,LEBRON ai CAVALIERS o HARDEN a HOUSTON,nessuno potrebbe permettersi questo lusso…
    Se la salute li assiste quest’anno non vedo chance per nessuno contro di loro….

  • Barone birra

    Anche rondo sembra rinato da quando non c’e dwade

  • Barone birra

    Sembrerebbe proprio così ma gli imprevisti e le sorprese sono dietro l’angolo

  • Barone birra

    Scusa lo hai detto anche tu .comunque è vero meglio decisamente evitarli

  • Shady

    Se la classifica ad Est dovesse restare questa ai cavs gli converrebbe tutta la vita arrivare secondi: MIA-TOR tutta la vita meglio di IND/CHI- WAS

  • Michael Philips

    Lebron nelle ultime 18 gare:

    86/143 ai liberi = 60%
    Bene, bene, bene, bene.
    https://uploads.disquscdn.com/images/e36dae28911878adc599d7c6f341cab60670de0f9544a51673b925876da09a12.gif

  • Loco Dice

    Domanda: ma a fine partita c’è stato uno scazzo non indifferente tra Lebron e Thompson o sbaglio?
    Con Lue che prova a ricomporre la cosa e viene mandato a quel paese da James?

    Warriors sono in uno stato di forma stratipante direi, al contrario di Was che dopo la grande risalita ora ha un po’ il fiatone.
    Posto che sotto al 4 e sopra al 3 seed non possono andare, farei riposare i titolari visto che fino all’arrivo di Bogdanovic-Jennings erano la squadra con i minutaggi più alti per i titolari

  • Michael Philips

    c’è stato uno scazzo perché contro george, che nel mentre stava mettendo tutto, i cavs hanno fatto per 3 volte di fila lo stesso errore sui cambi difensivi.

  • brazzz

    orson!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Michael Philips

    guardalo come applaude sarcastico. james ha fatto incazzare pure i morti.

  • Barone birra

    Ho letto che lebron ha fatto 787 partite consecutive con almeno 10 punti ma penso si riferiscano alla rs perché mi pare che 3 anni fa fece 6 punti nei playoffs e con Dallas nel 2011 mi ricordo anche di una partita con 8 punti

  • brazzz

    pure i GENI direi

  • Michael Philips

    I warriors sono sulla strada per chiudere con 68-14 di record. Ora, non credo che una volta ottenuto il miglior record continueranno a far giocare i titolari fino all’ultimo, ma dovessero farlo sarebbe la miglior serie di vittorie nell’arco di 3 stagioni consecutive:

    67-15 nel 2015, 73-9 nel 2016 e già ora 63-14
    i Bulls del 1995-1998 fecero
    72-10 nel 1996, 69-13 nel 1997 e 62-20 nel 1998

  • mad-mel

    È gia archiviato quel record

  • mad-mel

    Curry è tornato a macinare come ai bei tempi. Si scopre l’acqua calda ma quello al maggiore sacrificio è stato proprio lui con l’arrivo di Durant.
    Bravo a nn far uscire manie da protagonismo.
    Warriors che nelle ultime partite esprimono un gioco di squadra perfetto, in modalità 73-9

  • Michael Philips

    sì infatti, ci ho fatto caso solo ora..

  • Michael Philips

    Si diceva: Durant ai Warriors e si chiude la lega. A me spaventerebbe molto di più vedere Gobert agli Spurs, sotto la giuda di Pop e con Leonard. E magari Dragic a fare il ginobili alternativo.
    Ciaone proprio!

  • LA vittoria cdi cui i Cavs avevano bisogno; ne hanno combinate di tutte i colori però alla fine che la dura la vince

  • ILTG6

    Gran bello duello tra George e James, Paul rimane un giocatore di livello assoluto ma purtroppo i Pacers sono molto lontani dall’essere competitivi, Bird dovrà inventarsi qualcosa di serio per trattenerlo.
    La tensione James Thompson sembra un buon segnale, finalmente il gruppo sta ritrovando le giuste motivazioni.
    Gran bella partita comunque, finale molto imprevedibile e 2ot.

    Per il resto ad Ovest sconfittè pesanti per i Grizzlies che potevano avvicinare i Thunder nella corsa ad evitare gli Spurs, Utah e Clips sono invece ormai sicure di affrontarsi, si contenderanno a distanza il fattore campo in queste ultime partite.

    Ad est invece può succedere ancora di tutto, gli Hawks se non rientra Millsap in tempo, guardando il calendario, potrebbero addirittura uscire dai PO, i Bulls invece hanno un calendario semplice, possono arrivare addirittura 6 ed entrare come mina vagante nelle 8 perché,come detto ad inizio stagione, Butler-Rondo e forse Wade ai PO non li vuoi mai incontrare da avversario.

  • mad-mel

    Penso che per i prox tre anni le 60 vittorie saranno il traguardo minimo

  • Michael Philips

    I Wizards hanno perso il treno per scalare la eastern.

    Wall è il Paul George dei play(o anche il PG delle PG):
    forte è forte, determinato pure ed estremamente sicuro di sè, eppure sembra sempre distante dai top del suo ruolo. A vita.

  • ILTG6

    Su Wall mi trovi in disaccordo, quest’anno è stato sicuramente uno dei migliori della lega, se Washington non fosse partita malissimo e avesse avuto da subito un minimo di panchina si parlerebbe di una stagione da 52 53 W…saranno fondamentali i PO dove le sue carenze al tiro da fuori sono già venute fuori in passato e dovrà dimostrare di saper per lo meno mantenere il livello della RS.
    Rimane comunque un giocatore che ha impatto sulla partita sui due lati, le sue capacità difensive sono estremamente rare per un giocatore da 23e11.

  • Michael Philips

    Sì ma pure Paul George è un mezzo fenomeno eppure sta sempre in coda.
    Si parla di Play? Bene prima di Wall io(e non solo io) prendo Curry, Westbrook e ora pure Harden che di fatto fa il play a tempo pieno. Altri prenderanno pure CP3, p Irving o lowry prima di Wall.

    Paul George? Come già detto rischia la top 5 nel suo ruolo:
    James
    KD
    Leonard
    Giannis
    Butler/Hayward/George

    Purtroppo mi ricorda Zo nei 90’s, c’era sempre troppa gente più forte di lui nel ruolo di centro. E Mourning cavolo se era forte, ma non bastava.

  • Matt

    A miei LAKERS da solo con questo nucleo di giovani basterebbe per tornare ai play off…ne sono abbastanza convinto,ai PACERS ha chiaramente fatto il suo tempo e non ha più stimoli..infatti si vede quando gioca con le “big” o ai play off alza sempre il suo livello di gioco…avercene giocatori così…

  • michele

    guardando il calendario, era anche ovvio. un road trip a ovest a fine regular season non è il massimo. il problema di washington è aver perso tante partite stupide a inizio stagione ( tipo due coi magic) quando ancora stavano cercando i nuovi equilibri con coach brooks…ma da gennaio sono stati globalmente la miglior squadra a est, e ai playoff faranno benissimo per me.

  • michele

    per me è impossibile fare calcoli adesso, sono tutte troppo vicine e la griglia di partenza si deciderà l’ultima gara di RS

  • lilin

    In questo momento anteto e hayward non li vedo superiori a george…il secondoperche ha meno talento fisico e difesa peggiore, il greco invece perche lo vedo ancora in un limbo tra promessa e campione…

  • Michael Philips

    “lo vedo ancora in un limbo tra promessa e campione…”
    perché george non è nello stesso limbo?
    La differenza è che Giannis ha la scusante dei 22 anni. George ne fa 27 tra un mese e a livello difensivo è lontano parente del George del 2013.

  • Michael Philips

    e quando torna KD? devono ricalibrare di nuovo il tutto.

  • 8gld

    Se non l’hai visto ti consiglio il primo e,volendo, il secondo quarto di Denver Heat. Il “tuo” Jokic ha fatto cose interessanti. Ps: piccolo appunto…sembra non avere ancora un ruolo ben definito, come se fosse libero di scegliere quello che vuol fare.

  • ILTG6

    Com Giannis ora come ora se la gioca, il greco però ha un potenziale mostruoso.
    Hayward non è al livello di George, ma le battaglie con gli Heat e è il primo posto ad est se li sono già scordati tutti?
    PG13 in carriera ha fatto più di Butler ed Hayword

  • Michael Philips

    io parlo del 2017 e oggi george non sembra in grado di spostare più di hayward o butler, anzi l’ultimo butler sembra superiore.

  • Michael Philips

    è libero di fare ciò che vuole. Farlo giocare da ala grande classica sarebbe un enorme spreco di potenziale, considerati i danni che riesce a fare anche a 7-8 metri dal ferro, anche quando non tira.
    Il fatto che malone, che non è uno scemo, dia questo tipo di libertà(solitamente concessa ai veri big) ad un 22enne con la faccia da fesso la dice lunga su quanta considerazione abbia Joker agli occhi della dirigenza.

  • ILTG6

    Vero Butler questa stagione sta giocando meglio ma George lo vedo comunque più forte come giocatore perché nei PO è sempre salito di livello, anche l’anno scorso fece 7 grandissime gare contro i Raptors

  • 8gld

    No, anche per me Malone non è’ uno scemo…sopratutto con i giovani. Era una considerazione su quanto visto. Per me anche spalle a canestro con quelle mani puo’ far molto. Comunque, interessante la tua chicca.

  • Barone birra

    Intanto rodman la tocca piano su lebron e lui sue assenze a tavolino. Grande dennis