Chicago suona Boston, pari Clippers e Raptors

Chicago si impone anche in Gara2 contro dei Celtics in totale confusione, Lowry-DeROzan si svegliano e vincono in volata contro i Bucks, Clippers bene contro i Jazz

PLAYOFFS

EASTERN CONFERENCE

Boston Celtics (#1) – Chicago Bulls (#8) 97-111 [CHI 0-2]
BOS: Crowder 16, Horford 7 (11 rimb), Bradley 12, Thomas 20, Smart 13, Olynyk 11
CHI: Butler 22, Mirotic 13, Lopez 18, Wade 22, Rondo 11 (14 ass)

I Chicago Bulls dominano Gara2 con l’ex Rajon Rondo protagonista (11+9+14) e volano sul 2-0 nella serie contro dei Boston Celtics irriconoscibili; ospiti padroni del campo sin dalla palla a due senza bisogno di scomodare più di tanto Jimmy Butler, all’intervallo il vantaggio è di 8 punti (46-54), i Celtics reagiscono nella ripresa arrivando fino al -2 (60-62) a 7’27” dalla fine del 3° ma i Bulls non si faranno sorprendere ma anzi, contro-risposta di 17-5 per il +14 (65-79) a 3’50” dal termine della frazione che di fatto spezzerà le game agli avversari. Chicago arriverà anche a toccare il +19, con questa vittoria i ragazzi di coach Hoiberg si portano sul 2-0 e raggiungono i Los Angeles Lakers (1992/93) come testa di serie #8 ad essere avanti 2-0 in una serie #1 Vs #8.

Gara 3: 21/04 @CHI

Toronto Raptors (#4) – Milwaukee Bucks (#5) 106-100 [TIED 1-1]
TOR: Ibaka 16, Valanciunas 10 (10 rimb), DeRozan 23, Lowry 22, Joseph 11
MIL: Middleton 20, Antetokounmpo 24 (15 rimb), Snell 14, Monroe 18

Kyle Lowry e DeMar DeRozan riscattano la brutta prestazione di Gara1 trascinando i Raptors la successo e al pareggio della serie, decisivo nel finale il PG; finale in volata sul 100-100 dopo una tripla del solito indomabile Gianni Antetokounmpo ma sarà anche l’ultimo canestro della partita dei Bucks, i Raptors chiuderanno il match con un break di 6-0 con Lowry decisivo a 8” con lo Step-Back del 104-100 dopo che Middleton aveva sbagliato a 33” il canestro del potenziale pareggio.

Gara 3: 20/04 @MIL

WESTERN CONFERENCE

Los Angeles Clippers (#4) – Utah Jazz (#5) 99-91 [TIED 1-1]
LAC: Griffin 24, Jordan 18 (15 rimb), Paul 21 (10 ass), Crawford 10
UTA: Hayward 20, Favors 13, Hill 12, Johnson 13, Hood 10

Pareggiano la serie anche i Los Angeles Clippers che sfruttano bene l’assenza di Rudy Gobert stavolta col duo Griffin-Jordan; Clippers che prendono le redini del match subito dal 1° quarto (29-18) e difenderanno il vantaggio fino alla fine, Utah finirà anche sotto di 13 punti e massimo arriverà fino al -6 più volte nell’ultimo quarto ma i padroni di casa risponderanno sempre con un canestro fino alla fine dell’incontro.

Gara 3: 21/04 @UTA

TOP 5

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Hanamichi Sakuragi

    Ahia i verdi… batosta per me non inattesa

  • Memoria Lunga

    Quando in inverno i tifosi di Boston non volevano cedere i famosi asset mi facevano tornare in mente quando i tifosi dei miei Bulls si scandalizzavano per cedere Ben Gordon e Deng per Garnett o Pau Gasol.
    Ragazzi Crowder,Smart e compagnia bella saranno pure dei bravissimi giocatori ma senza stelle nei playoff si torna a casa

  • misterwolf

    sorpreso dello 0-2 dei bulls ma ancora di piu dalla facilita con cui si è arrivati a questa situazione..

    pensavo che i bucks sarebbero scomparsi in questa gara 2 sembra che questa serie sia piu imprevedibile di quanto si potesse immaginare…

    i celtics e i clippers in caso di uscita al primo turno credo ci sara una rivoluzione….

  • In Your Wais

    I Celtics hanno il materiale per tornare nella serie, ed i Bulls la schizofrenia per uscirne, ma mi accodo al discorso di cui sopra…nei playoff giocare senza stelle può essere fatale, specie quando dall’altro lato ce ne sono, bene o male, 3

    I Verdi hanno Thomas, ed una serie di buoni giocatori (Horford è una cosa a metà strada), oppure giocatori di sistema. Contro l’80% delle squadre va bene, ma quando si alza la posta in palio, o ti trovi contro dei Bulls in cui, improvvisamente, Rondo torna quello di 5 anni fa, e Butler/Wade fanno quello che fanno sempre, allora la mancanza di all stars si sente. Specie se pure Lopez si mette a tirare da fuori come Love

    Vediamo, spero che venga fuori una serie equilibrata. Stai a vedere che davvero Lue e James abbiano perso apposta per evitare i Tori. Se fosse vero meritano il premio di COY e di MVP

    Clips-Jazz miglior serie del 1° turno, si sapeva da subito. Di là, mi aspetto grande cose dal Greco a casa sua

  • Boston non c’è di testa, Chicago brava a picchiare sulla ferita

  • Concordo ma stanotte ho visto una squadra nel pallone, perdere 2 volte di fila in casa è una brutta botta. La situazione di Thomas ha il suo peso ma qui vedo giocatori che non sanno cosa fare

  • Barone birra

    Stanotte erano in scena le tre serie più aperte di tutti i playoffs ,solo a me non sorprende per niente come sta andando la serie dei bulls contro i celtics?non credo. quando i tre talenti di Chicago girano sono guai per tutti;anche che è possibile che scazzino riaprendo la serie. Per quanto riguarda le altre due serie almeno una delle due andrà a gara 7,secondo me quella dei clippers. Durant di nuovo mezzo infortunato ecco cosa potrebbe far rivincere il titolo ai cavs

  • Barone birra

    Fmb se continua così i tuoi commenti sui bulls pre post season entreranno nelle ultime parole famose

  • L’ho scritto più e più volte: quando giochi una RS indecente, arrivi alla Post-Season all’ultimo respiro, poi ai Playoffs sei il pericolo #1 per tutti perché hai passato il peggio, se ci aggiungiamo una Boston nel pallone…Ti dirò se buttano fuori Boston, poi con WAS/ATL non partono sfavoriti.

  • Barone birra

    Sono d’accordo.il talento ce l’hanno lo spirito di chi non ha niente da perdere anche .potrebbero andare benissimo in finale di conference e addirittura creare qualche problema a lebron e soci. Creare qualche problema vuol dire vincere un paio di partite si intende

  • Hanamichi Sakuragi

    la penso anche io così.. ma la cosa più giusta l’ha scritta iyw i bulls hanno il talento per arrivare in finale di conference e la schizzofrenia per uscire al 1° turno. certo è che questi visti nella post season sono i migliori bulls della stagione

  • Hanamichi Sakuragi

    che è successo a durant?

  • Hanamichi Sakuragi

    cmp CP3.. che giocatore

  • michele

    Niente da eccepire, Bulls nettamente superiori in tutto: hanno trovato la quadra, le loro stelle rendono al meglio, il supporting cast si esalta. Trasformazioni cosi’ radicali in pochissimo tempo sono rare, quindi davvero bravi loro e il coach in particolare.

    Per i Celtics è uno smacco clamoroso, solo in minima parte giustificato dall’evidente stato confusionale di IT, che sta giocando col cuore a pezzi. L’obiettivo minimo della stagione era la semifinale di conference, e ci troviamo con tre eliminazioni al primo turno di fila. Nulla è compromesso in un progetto a lungo termine come quello nato nel 2013, ma a Boston questa estate farà molto caldo, anche nell’ufficio che fu di Red Auerbach.

  • michele

    la diffferenza è che giocatori del calibro di quel Garnett o quel Gasol ( gente che avrebbe dominato le finals negli anni successivi) quest’anno non c’erano. L’unico per cui si è andati vicini davvero ad una trade è stato Butler, ma Ainge non se l’ è sentita di dare per lui giocatori e le scelte dei Nets. Il suo è un progetto a lungo termine ( e sarà valutato come un fallimento se non funzionerà), i celtics non sono ancora pronti per essere una contender, non lo sarebbero stati nemmeno con Butler.

  • Michael Philips

    la situazione di Thomas non ha compromesso solo lui ma tutto il gruppo.

  • Hanamichi Sakuragi

    vero.
    però butler horford e thomas è un bella base

  • Hanamichi Sakuragi

    cmq se escono bisogna dire che hanno avuto una sfiga clamorosa. ma clamorosa. la tragedia di thomas, i bulls che allineano gli astri e la sfiga di beccare i bulls.. perchè contro questa chicago a parte i cavs uscivano tutti.

  • Barone birra

    Polpaccio stirato. Forse stanotte non gioca

  • Hanamichi Sakuragi

    ma in allenamento? sei sicuro? su sportsky non ho letto nulla

  • michele

    ci mancherebbe altro! a me sarebbe piaciuto persino Cousins, nonostante tutti i suoi problemi figurati…pero’ le decisioni le prende DA.

  • In Your Wais

    Io sinceramente però non riesco a credere che quanto capitato a Thomas abbia questo peso che alcuni vogliono mettere sul piatto. E’ una tragedia personale che sicuramente può pesare su Isaiah (che però in G1 è stato eccellente, quindi non mi pare una spiegazione), e che forse in minima parte anche sul resto del gruppo, ma non è la morte di una sorellastra che ti spezza le gambe

    Di queste cose ne sono successe a decine, mi viene in mente la morte del papà di Dumars in piene Finals 1989, stessa cosa per il papà di Pippen nel 1990 (mi pare saltò una partita), e chissà quante ne dimentico. Sono cose che possono far crollare un individuo (e Thomas mi pare abbia retto benissimo), ma non ti fanno finire sotto 0-2

    Se i Celtics sono in un abisso, è per i loro difetti, e per i meriti di Chicago. Quanto successo alla loro stella è del tutto marginale, a mio parere

  • Michael Philips

    Wade tra i passati playoffs e queste prime due gare ha 16/29 da 3 (55%).
    Inspiegabile.

  • michele

    non mi sembra di aver letto niente di quello che dici ( a parte una chiosa di MP, che non è certo tifoso celtics)…tutti sottolineano la bravura dei Bulls e anzi c’è pure chi ha iniziato il processo a Ainge, per cui…Segnalo comunque che ieri Thomas ha compiuto 6 errori dalla lunetta, per lui che in stagione tira col 91% è certo sintomatico, poi se i celtics escono al primo turno non è certo una tragedia.

  • michele

    avrebbe dovuto metterle nelle finals 2014, invece che ieri sera…maledetto dwade eheheheh

  • Michael Philips

    In questo caso a subire il colpo è stato il leader del gruppo, quello che segna 1/3 dei punti dei celtics.
    Nei casi che hai citato il team aveva sempre altra gente in grado di tenere alto il morale della baracca(thomas nei pistons, jordan nei bulls), mentre nei celtics non c’è mezzo leader.

    Se thomas ha un calo(che sia mentale o tecnico) nessuno tra i suoi compagni è minimamente in grado di reggere il colpo.

  • Michael Philips

    nelle finals 2014 tirò male da qualsiasi posizione!

  • gasp

    Neanche i pronostici più azzardati vedevano i Bulls sul 2 a 0…come detto fa molti si vede che a Boston manca una star a cui dare il pallone quando scotta, Thomas sarebbe stato idealmente quello designato ma non ne ha le capacità e n ovviamente attualmente non ci è con la testa

  • Lorenzo Escriva

    quoto tantissimo….secondo me la tragedia ha compromesso la testa del gruppo…boston non ne perdeva 2 di fila in casa con la testa a posto…anche senza stelle…mi spiace un sacco per la squadra ma soprattutto per thomas…per me ha tutto il diritto di andare dalla sua famiglia…lo sport per lui è anche il suo lavoro, ma la famiglia viene prima del basket…mi spiace un sacco per i verdi…

  • illmatic

    ma veramente nessuno si è reso conto che a Boston sono semplicemente bassi… a partire da isaiah, ok ma pure bradley e smart che in ncaa ed a inizio carriera erano point guard. ad un certo punto c’erano in campo thomas smart e bradley contemporaneamente. non è questione di stelle. boston ha giocato pure bene, o perlomeno come al solitom, esclusa qualche mattonata da tre sparata a caso, ma quando arrivi ai playoff ed il gioco si fa più intenso certe cose che in regular season riesci a nascondere ai playoff vengono fuori, quindi ti prendono i rimbalzi che un mese fa magari ti lasciavano. ho visto almeno quattro volte butler ricevere palla sopra la testa di bradley fronte canestro. rondo sapeva che bastava alzargli un attimo la palla per fargliela arrivare. prendi un crowder che è pure della stazza giusta, almeno due rimbalzi offensivi dei bulls sono avvenuti su lui che non faceva il taglia fuori ed qualcuno gli passava davanti a prendersi il rimbalzo comodamente.
    sul mio facebook avevo scritto che non mi aspettavo troppo da questi celtics e che se sarebbero andati avanti sarebbe stato sempre per gran parte colpe dell’avversario visto che sono una squadra che gioca bene ma con difetti strutturali evidenti. quando trovi chicago, che nonostante in regular season abbia fatto abbastanza schifo e si siano più scannati tra loro che altro, ma che può schierare degli animali da playoff come butler rondo e wade… eh…
    ah, sono tifoso boston da quando ho otto anni, fine anni ottanta

  • Barone birra

    Su espn nba fa parte dei titoli di testa. Ma non è niente di grave è day to day

  • michele

    Thomas in gara 1 ha fatto una partita molto particolare, costantemente sul filo dei nervi: ha messo alcuni canestri incredibili di pura garra, ma ha anche gestito la squadra in maniera molto discontinua, con strappi, amnesie e forzature. Non era certo il solito Thomas. Ovviamente non è affatto una giustificazione per lo 0-2 che è figlio anche di altri aspetto, segnalo ad esempio che i celtics sono andati sotto a rimbalzo in entrambe le gare e questo è un problema endemico che denuncio da mesi ( ma Ainge non mi vuole proprio ascoltare eheheeh).

  • Michael Philips

    ma anni fa commentavi su play.it? mi pare di ricordare un utente con lo stesso nome.

    Secondo me non è che sono bassi, amir johnson208cm, horford 208cm, olynyk 213cm ci sono eh, ma è un team in cui nessuno sembra interessato ai rimbalzi. Ma resta una squadra che ha vinto 53 gare giocandone una 20ina senza bradley e che ora non sta assolutamente giocando con la stessa concentrazione e grinta vista fino a qualche settimana fa. Cosa è successo? Per me il dramma in casa di Thomas ha pesato molto più di quanto si creda. Poi capitato proprio un attimo prima di gara 1.

    Brutto da dire, ma fosse capitato un mese fa non sarebbe stato lo stesso. Channing Frye quest’anno ha perso nel giro di un mese il padre e poi la madre, ma essendo un giocatore che viene dalla panca il suo dramma non ha influenzato il team. Hanno potuto fare a meno di lui e hanno potuto vederlo giocare passivamente per 1-2 settimane.
    I celtics non possono permettersi un Thomas “distratto”, ma lui ha tutto il diritto di non essere sereno mentalmente.

  • Shady

    Sicuramente la tragedia IT un minimo ha influito sul team, ma concordo con chi dice che queste sconfitto sono sintomo soprattutto di difetti strutturali di BOS e del fatto che i bulldog hanno 3 giocatori contro cui non si vorrebbe mai giocare nei PO. Purtroppo nei PO avere giocatori fisici sotto canestro è essenziale, basti pensare che pure GS che da due anni a sta parte è una macchina quasi perfetta, ha avuto sempre il suo punto debole nella mancanza di fisicità sotto le plance. Inoltre avere 1/2 stelle affermate in squadra è sempre stato essenziale per andare avanti, gli stessi sistemi democratici che possiamo ricordare (spurs o o Detroit) avevano bisogno delle loro stelle nei momenti più complessi delle serie.

  • Barone birra

    Speriamo che almeno una a Chicago la vincono i celtics .sarebbe fantastico vedere una serie finire a gara 7

  • ILTG6

    La situazione Thomas ha un qualche peso sicuramente, difficile però valutarla nella serie.
    Io concordo con ilmatic, sono sottodimensionati e non hanno la capacità di alzare il livello della pressione difensiva come fanno solitamente le squadre senza rimbalzisti e intimidatori , in regular season giocano bene è vincono solo che ai PO queste mancanze vengono fuori inevitabilmente.
    Un esempio (“estremo” per la differenza abissale di talento) sono gli Warriors dell’anno scorso, invincibili in RS ma più vulnerabili ai PO

  • ILTG6

    Che i Celtics potessero faticare si sapeva, 0-2 però era impronosticabile, così come era impronosticabile l’improvvisa efficienza dell’attacco dei Bulls, se ne segnano 111 e 106 sono ostici per tutti

  • illmatic

    piu che bassi nei lunghi, parlavo bassi negli esterni, mi sa che nessuno dei tre a rotazione principale negli spot di guardi (thomas smart bradley) arriva al metro e novanta. capisci che quando si trovano un butler magari messo da due diventa notte fonda, senza calcolare che thomas difensivamente lo paghi sempre essendo così piccolo e leggero). oltre ad avere un reparto lunghi abbastanza carente. alla fine si vedeva ad ogni azione, anche solo guardando il giocatori come erano accoppiati che c’era un mismatch fisico totalmente a favore di chicago. per il resto thomas non mi pare abbia giocato male, anzi. magari non ha fatto un quarto quarto pazzesco ieri, ma mi pare abbia giocato in linea con le sue capacità.

    si in passato avevo scritto su playit prima dell’invasione dei flamerz

  • illmatic

    infatti. in regular season le squadre tendono a giocare sempre allo stesso modo provando varianti di partita in partita magari e provando soluzioni. nei playoff invece le partite vengono, teoricamente, molto più preparate in base all’avversario, questo porta a scoprire meglio ogni difetto. più di qualche volta abbiamo visto serie girare quando uno degli allenatori indovinava la mossa. lo scorso anno igsw è andata in difficoltà ogni volta che gli avversari han capito e potuto sfruttare l’assenza di un centro a gsw

  • illmatic

    e thomas non l’ho visto distratto. l’ho visto nervoso ma credo più per l’andamento della partita. tanto che dopo uno scambio di parole con smart coach stevens ha pensat di panchinarlo un paio di minuti. ( in effetti smart aveva preso due decisioni molto discutibili consecutive e dopo le parole di thomas ha invece fatto due ottime scelte e letture)

  • michele

    ha sbagliato 6 liberi, per uno che tira col 91% ,mi sembra sintomatico che non fosse proprio lucidissimo…poi nel complesso sono d’accordo con la tua analisi, e mi piace chi non cerca scuse.

  • illmatic

    ai liberi effettivamente non avev o fatto caso. per il resto però le decisioni che ha preso non mi sono sembrate diverse a quello che fa di solito. mi è sembrato lo stesso giocatore di sempre, solo che la squadra è in grossa difficoltà. anzi, lo scambio con smart (a parte il nervosismo) mi è sembrato sensato e ha comunque smosso smart. poi chiaramente una tragedia del genere ti toglie qualcosa a livello mentale, ma non mi pare che il problema di boston sia stato il mancato apporto di Thomas alla causa

  • sconocchini

    boh, trageedia a parte a me sembra semplicemente che chicago stia giocando alla grande e che boston non abbia il talento per fermarli. per questo avevo dato chicago vincente nei pronostici. non vedo l’ora di gustarmi la serie con widzard, due squadre molto interessanti. washington si sapeva, chicago una piacevole sorpresa. wade sembra in palla, playoff rondo mi fa impazzire e butler è buono buono. se aggiungiamo mirotic e un buon lopez hanno un ottimo quintetto. la panca è quello che è, mcw inguardabile, ed è per questo che secondo me i widzard sono molto più temibili in teoria per i cavs.

  • sconocchini
  • Michael Philips

    Ricordavo bene.
    Bentornato allora!

    “l’invasione dei flamerz” sarebbe un titolo ideale per qualche b-movie di fantascienza anni ’50!

    Sulla serie, io credo che Boston abbia perso molte energie mentali e al contempo si sono trovati ad affrontare una avversaria ben superiore a quella vista in regular season. Sono tutti in super forma e si parla di un team che ha beccato l’ultimo seed per il rotto della cuffia.

    Dico io, quanti degli utenti qui hanno mai visto robin lopez segnare dalla media così?
    Io mai, non sta nemmeno dominando il pitturato, questo sta segnano jumper da 6 metri.

    Rondo è tornato quello di qualche anno fa e Mirotic è da un mese che gira alla grande dopo aver rivelato pubblicamente che hoiberg lo aveva messo fuori dalle rotazioni. In realtà fu un mind-game alla coach zen, e da allora Miro ha giocato benissimo.

    I bulls attuali non sono lo stesso team che ha sofferto tutta la stagione. Stanno bene, pare abbiano trovato la quadratura giusta con Butler leader supremo(ad inizio stagione in più occasioni wade sembrava ancora interessato a fare il go-to-guy) e rondo ha mille motivazioni per giocare per bene: playoffs e serie contro il suo ex-team.

    Inoltre giocare quando non si ha nulla da perdere può regalare tante energie in più senza avere alcuna pressione.

  • Michael Philips

    credo tu sia uno dei pochi ad aver dato i bulls favoriti.

  • illmatic

    ma infatti, chicago sopra alle aspettative. robin lopez volevo scriverlo che mi sembrava nowitzki ma non volevo essere subbissato di insulti hahahahah. poi magicamente si son messi a giocare e alla fina quei tre (butler, wade, rondo) hanno un’esperienza di playoff abbastanza profonda. tutti e tre han giocato serie importanti, con ruoli importanti e tutti sfoggiando prestazioni spettacolari nella loro carriera. rondo sembrava perso, wade invecchiato ma invece per ora (son due partite eh) stan dimostrando di non essere solo nomi sbiaditi sulle canotte. e stanno aprofittando con esperienza di tutti i limiti risaputi di boston (boston che secondo me a inizio stagione non si aspettava minimamente di vincere la conference)