Cavaliers e Rockets On-Fire, che partenza!

Cleveland padrona assoluta della Gara1 delle Semifinali di Conference col duo Irving-James sugli scudi, ad Ovest invece Houston bombarda gli Spurs conquistando Gara1!

PLAYOFFS

EASTERN CONFERENCE

Cleveland Cavaliers (#2) – Toronto Raptors (#3) 116-105 [CLE 1-0]
CLE: James 35 (10 rimb), Love 18, Thompson 11, Irving 24 (10 ass),
TOR: Ibaka 15, DeRozan 19, Lowry 20 (11 ass), Tucker 13

I Cleveland Cavaliers dominano la Gara1 delle Semifinali di Conference trascinati dal duo Irving-James; pronti via e sembra la copia della G1 delle scorse Finali di Conference, Cleveland padrona del campo nei primi 12’ con Kyrie Irving autore di 12 punti con i suoi addirittura 38-20 dopo un break di 8-2 nei primi 90” del 2° quarto! Cleveland però smette di giocare e Toronto dal -18 arriva fino al -2 (41-39) a metà frazione, Lue rimette il suo quintetto base e ricalerà il sipario alla Quicken Loans arena con i padroni di casa chiuderanno la frazione con un parziale di 21-9 e andranno al riposo lungo sul 62-48 dopo l’ennesimo contropiede Irving-to-James! Stavolta Toronto non riuscirà a rimontare anche perché in difesa fanno acqua da tutte e per i ragazzi di coach Lue c’è solo l’imbarazzo della scelta, verso fine quarto i Cavs arriveranno fino al +25 (96-71).

WESTERN CONFERENCE

San Antonio Spurs (#2) – Houston Rockets (#3) 99-126 [HOU 0-1]
SAS: Leonard 21 (11 rimb), Parker 11, Simmons 11
HOU: Ariza 23, Anderson 14, Capela 20 (13 rimb), Harden 20 (14 ass), Gordon 11, Williams 13

Devastante prestazione degli Houston Rockets all’AT&T Center di San Antonio, 22/50 da 3 punti e doppia-doppia per James Harden nella vittoria in Gara1; dopo aver chiuso il 1° quarto avanti di 11 (23-34) con 11 punti del Barba gli ospiti non si fermano e spaccano la partita nel 2° quarto, 35-16 il parziale con ancora 6 bombe ma soprattutto il 21% dal campo degli Spurs che al riposo lungo si troveranno sotto di 30 (39-69) tirando 14/44 dal campo contro, per Houston 12/27 da 3…Rockets che arriveranno anche sul +39!

TOP 5

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Michael Philips

    eh appunto. Anche perché generalmente Harden ha bisogno di una bella quantità di tiri per arrivare a 40-50pts, tutti tiri tolti ai compagni. Popovich deve forzare questa dinamica.

  • Doctor J

    Se veramente TT si è mollato con la Kardashian, potrei giocarmi l’euro sulla vittoria finale dei cavs

  • Michael Philips

    e tristan finals mvp con 25 rimbalzi di media, 20 offensivi.

  • Michael Philips

    http://www.espn.com/espn/feature/story/_/id/19256296/golden-state-warriors-steph-curry-stopped-only-kevin-durant

    interessante articolo sul rapporto tra curry e durant, non solo in campo ma sopratutto fuori. Il fatto che uno sia alfiere della Nike e l’altro l’alfiere n.1 della Under armour ha creato più problemi di quanto si potesse immaginare.
    In campo devono ancora stabilire chi sia il go-to-guy. Occhio gli Heat nel 2011 hanno perso per “cazzatine” del genere.

    L’autore dell’articolo è uno dei tanti giornalisti licenziati da espn negli ultimi giorni, Ethan Sherwood strauss, grande talento nello scrivere ma decisamente troppo di parte, troppo innamorato dei warriors di lacob al punto da far sembrare brian windhorst uno imparziale quando parla di Lebron. Il ragazzo è ancora convinto che Curry sia non solo il migliore dei warriors ma che sia “ancora oggi” il migliore giocatore della NBA.

    Ottima lettura comunque.

  • gasp

    Già in difesa è una tassa, se diventa nullo in attacco è praticamente un palo in mezzo al parquet

  • mad-mel

    In finale si saprà la verità, si vedrà quanto il sistema warriors abbia integrato Durant. Io in qst stagione ho visto un aumento considerevole di isolamenti.
    Da ricordare dopo l’ultimo infortunio di Durant, i warriors escluse le prime partite dove dovevano ritrovare gli antichi ingranaggi…erano tornati a demolire gli avversari come la macchina da guerra dello scorso anno.
    Vediamo sono curioso.

  • Shady

    Seguendo il corso della stagione pare chiaro che il primo violino sia durant. In ottica finals contando che curry ha azzeccato 2/3 gare su 13 dire che partire in penombra non possa fargli che bene. Se toppa pure a sto giro la sua reputazione riceverebbe un colpo durissimo

  • Hanamichi Sakuragi

    Mp l’articolo è lunghissimo..hai voglia di sintetizzarlo x sommi capi???

  • Michael Philips

    leggi il titolo, quella di solito è la sintesi migliore!

  • ILTG6

    Tra i due per me è più forte KD però Curry ha 2 MVP, un anello e l’ha eliminato l’anno scorso…

  • Michael Philips

    io più volte ho fatto un distinguo:

    I Warriors senza Durant giocano meglio.
    I Warriors con Durant sono più forti.

    Ovvietà dirai,ma molti confondono le due cose.

    Il fatto è che Durant può essere una macchina da punti molto più affidabile di Curry o Klay se viene rifornito a modo. Curry può esserlo a giornate, ma essendo uno che la sa pure passare, vorrei vederlo più a creare e meno a tirare. 2-3 anni fa smazzava assist come nulla, poi ha smesso. Ora con Durant mi sarei aspettato un ritorno al vecchio Curry, invece è innegabile che tra i due ci sia ancora un “duello” per la leadership e in alcuni casi anche una gara a chi segna di più.

    Pure i tifosi sono divisi a riguardo.

  • Hanamichi Sakuragi

    🙁

  • Lorenzo Escriva

    non dico che ne faranno 22 a sera…dico che se ne prendono 50 in un certo modo è normale che ne facciano 22 o comunque una ventina…essendo il 40% e avendo a disposizione una serie di cecchini infinita…poi è tutto relativo..se ne prendono 10 non ne mettono 20 questo è certo… xD