Spurs ansia per Leonard, sempre “Questionable”

Il calendario è stato amico dei San Antonio Spurs perché torneranno a giocare sabato notte contro i Golden State Warriors per la gara3 delle finali della Western Conference, Kawhi Leonard (25 anni) ha avuto circa 5 giorni per recuperare dall’infortunio ma l’ansia in casa nero-argento è sempre forte.

Leonard non ha giocato Gara2 e, peggio ancora, non si è allenato in questi giorni neanche serie stando a Michael C. Wright della ESPN, il suo status per Gara3 rimane “Questionable” anche se dalle parole dei compagni si spera di vederlo in campo sabato, queste quelle di Pau Gasol (36 anni): “È rimasto seduto sulla sideline tutto il tempo, sembra che vada tutto bene, abbiamo un ottimo staff medico che farà il possibile per mandarlo in campo”.

Danny Green (29 anni) è stato tra i più ottimisti parlando anche di un altro infortunato di lusso quale Tony Parker (35 anni): “Sembra a posto, non abbiamo parlato molto, ho visto anche Tony che era al campo oggi e anche ui mi sembra stia bene, abbiamo parlato di un po’ di cose soprattutto di come si vive un infortunio così, mi ha detto che sta lavorando giorno-per-giorno, credo che valga lo stesso anche per Kawhi”.

Le parole più attese erano quell di coach Gregg Popovich che incrocia le dita come i fan:

La cosa che più mi spaventa è che gli è successo due volte sulla stessa caviglia, sai che se succede una volta i tempi di recupero sono lunghi…spero non sia vero e di averlo con noi sabato

CAUSA CONTRO PACHULIA

Gli Spurs sono chiamati a vincere per tenere in vita la serie, l’AT&T Center sarà sicuramente un fattore e Zaza Pachulia (33 anni) sarà il bersaglio dei tifosi nero-argento, uno dei tifosi Spurs ha addirittura fatto causa al lungo georgiano e ai Warriors!
Non è uno scherzo, il tifoso Spurs ha accusato la franchigia della California e Pachula dicendo che l’infortunio a Leonard “ha devastato la qualità degli Spurs e le loro chance di essere competitivi diminuendo il valore dei biglietti comprati” questa la sua richiesta “Quello che chiediamo alla corte è che questo tipo di comportamento che può causare infortuni seri alla nostra squadra ed ai giocatori che amiamo non sia permesso a San Antonio”.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B