NBA Finals 2017 Preview: Warriors-Cavaliers!

Finalmente le NBA Finals sono arrivate e con loro, grazie alla desolante politica dell’album delle figurine, anche l’unica serie che conta davvero. Per il terzo anno consecutivo.
Entrambe le squadre si presentano con roster aggiornati e un percorso relativamente netto fino a queste finali.

NBA FINALS 2017

Quanti All-Star hai tu? Quanti All-Star ho io? La figurina di quello che non difende neanche per sbaglio ce l’hanno i Cavs, doppia!

I Warriors si guadagnano le Finals NBA in scioltezza, una sorta di lungo riscaldamento senza contrattempi.
Il loro obbiettivo è quello di farsi perdonare la figuraccia dell’anno scorso e conquistare con 4 superstar quello che non sono riusciti a prendere con 3. Per farlo dovranno semplicemente eseguire al meglio quello che fanno da 4 stagioni a questa parte: condividere il pallone e mettersi nella condizione di sfruttare tutte le bocche da fuoco che possiedono.
E credo si possa dire che, oltre le qualità tecniche, la grande forza delle superstar di Golden State è l’essere in grado di mettere da parte il proprio ego in favore dei risultati di squadra.
L’arrivo di Kevin Durant è stato pagato al prezzo di un reparto lunghi meno talentuoso, e di qualche comprimario, come Leandro Barbosa, capace di mettere un po’ di vento nelle vele nei momenti di bonaccia.
Questo però non significa che Golden State abbia la panchina più corta, e la sua forza rimane comunque quella di potersi appoggiare a gente dal QI cestistico elevatissimo come Livingston, o ad una batteria di lunghi picchiattori di tutto rispetto. Coach Brown (Kerr non è in forma) ha a sua disposizione un roster molto flessibile in grado di passare dalla small ball al puro tonnellaggio.
Siccome la squadra avversaria ha mantenuto le stesse lacune è evidente che attaccare sui difensori più svogliati (JR Smith anyone?) e più lenti (Kevin Love, Frye) pressandoli con tagli e blocchi intelligenti, sia la chiave della serie.
L’in and out non è necessariamente l’unica via percorribile, ma GSW deve stabilire una qualche sorta di minaccia nel pitturato per consentire al perimetro di manovrare in libertà e i lunghi Cavs non sono esattamente dei difensori insormontabili.
Difensivamente devono mantenere la marcatura a uomo, evitare di raddoppiare James, e lasciare che Irving faccia le sue scorribande, giocare sulle linee di passaggio e negare gli scarichi. Concedere al dinamico duo di segnare 40 punti a testa è un prezzo relativamente accettabile se il resto della squadra rimane a bocca asciutta.

Sarebbe un 12-0 virtuale anche per i Cavs, se non si fossero distratti per un paio di quarti. Ma quella sconfitta ha sottolineato una verità di cui tutti eravamo già coscienti: sono 3 anni che a Cleveland giocano solo in due. Il che è IMPRESSIONANTE perché, al netto della paludosa eastern conference, LeBron James e Kyrie Irving sono stati in grado di trascinare questo gruppo di morti di sonno in finale tutte le sante volte.
Ovviamente quello che manca a Cleveland è un coach sulla panchina, sostituito ufficiosamente da quello in campo che però deve dividersi anche come General Manager e giocatore, e per quanto abbia dimostrato di poter ricoprire tutti i ruoli alla perfezione, ogni tanto manca di lucidità.
Il gameplan sospetto che sarà lo stesso di sempre, con qualche accorgimento: pick and roll per generare mismatch difensivi e poi 1 vs 1, con le dovute declinazioni.
L’unica possibilità per i Cavs è quella di indurre Durant e Curry a caricarsi di falli, fuori loro c’è la possibilità che la corte di LeBron la spunti. Gli altri saranno chiamati a farsi trovare pronti quando la palla arriverà nelle loro mani, è un solo compito ma deve essere eseguito alla perfezione.
Certo la squadra è molto corta, con Deron Williams a tratti invisibile e gente come Derrick Williams virtualmente inutilizzata. Questi sono stati errori di gestione che si sentiranno pesantemente durante queste Finals, poiché gli avversari sono capaci di mettere in campo con efficacia tutti i loro uomini e trarne almeno il minimo sindacale, mentre in maglia Cavs le performance sono alterne anche per i comprimari del quintetto.
A tutto questo si aggiunge l’infortunio sempre pendente per gente come Love, Smith e Korver.
Difensivamente non esiste nessuna vera soluzione, i Cavs devono svegliarsi tutti e sperare che questo basti a contenere il fuoco di soppressione che esibirà in campo Golden State.

🔑CHIAVE TATTICA🔑

L’anno scorso ebbero successo buttandola sul fisico, quest’anno con in campo gente come Zaza e David West la vedo decisamente più dura. Auguri.
Il tiro. Se i tiratori dei Warriors entrano in ritmo la serie è chiusa.
Basta un quarto e mezzo a partita fatto di disgustosa pallacanestro dove qualsiasi cosa lanciata per aria trova il fondo della retina, gioiosi momenti degni del peggior videogioco in grado di stimolare la salivazione del neofito fan di pallacanestro, per rendere inefficace qualsiasi monologo cestistico possa produrre LeBron James.
Ricordiamo che l’anno scorso la serie è stata decisa negli ultimi secondi da una tripla orrenda sbagliata (Curry) e una tripla orrenda messa (Irving).

Appuntamento al 31/6 con le analisi, pronostici e sondaggio della redazione!

Adrien

Adrien

Il basket dei playground milanesi gli regala esclusivamente infortuni, relegandolo ad una vita di solo NBA League Pass e cibo del discount. Cuore giallo-viola con Bargnani sempre in cima ai suoi pensieri…ma non quelli nobili Nickname: Adrien

  • sconocchini

    onestamente sembra l’analisi di uno che non ha guardato una singola partita di playoff quest’anno. parlare di squadra corta per cleveland (deron williams invisibile? 16 minuti a gara, 50% da tre, due assist e mezzo e un ball handling sicuro) e esaltare shaun livingston (molto più importante l’anno scorso), così come citare JR smith come anello debole difensivo (irving è molto peggio) significa buttarla lì tanto per dire. condivido la tesi di fondo, che i warriors siano favoriti, ma i motivi mi sembrano altri.

  • Matt

    4-2 WARRIORS e KD mvp….la butto la..

  • Michael Philips

    no ma poi si è visto quanto hanno reso “bene” gli avversari di Jr Smith in questi playoffs.
    E pure Irving non ha fatto male difensivamente, certo sono il primo ad evidenziare che comunque non ha avuto i grossi avversari(nemmeno Curry, in questo hanno avuto un percorso simile).

  • Michael Philips

    Klay e Love dovrebbero essere i giocatori chiave.
    Gli altri dovrebbero garantire un certo rendimento.
    Abbiamo meno materiale di quanto si creda per poter analizzare questa serie.

    Non sappiamo quanto siano bravi i warriors a difendere contro un Lebron così. Non sappiamo quanto siano bravi i cavs a difendere contro 3 minacce dal perimetro(4 considerando un Draymond che tira col 47% da 3).

    I due team non stanno giocando come in regular season. Si sono rotti un po’ di equilibri.

    I Cavs stanno difendendo molto meglio e sembrano in grado di cambiare approccio offensivo a piacimento alternando lebron che aggredisce il pitturato all’attacco dal perimetro.
    I Warriors non sono più così democratici come in regular season, ma sono diventati 2 scorer + green e un klay molto giù a livello di produzione offensiva.

  • lorenzo tonelli

    Io do 50 / 50 …spero almeno in partire punto a punto e non a parziali della madonna con vittorie larghe…i playoff hanno già fatto cagare abbastanza da meritarci una finale decente nonostante mi stiano sul cazzotti entrambe le squadre

  • luca nove

    Bo, almeno spero sia un’ analisi fatta da tifoso dei warriors, altrimenti non si spiega. Detto questo vado con un 4-2 cavs

  • In Your Wais

    Preview davvero strana, sembrano fatte da uno che tifa Cavs ma mette una quintalata di mani avanti

    I Dubs sono i favoriti, malgrado le solite esagerazioni di qualche buontempone, e lo sanno anche i sassi. I Cavs hanno la miglior squadra degli ultimi 3 anni, non hanno per niente giocato in 2, dato che Love è stato eccellente contro Boston, e la panca, con DWill, Korver, Shumpert, Frye, RJ, non sarà eccezionale ma è sicuramente funzionale a quello che serve

    L’unica cosa è che è scientificamente dimostrato come, senza un LeBron ai massimi livelli, questi non vincono neanche in oratorio, a prescindere delle prestazioni balistiche di Irving o Love. E questa è la maggiore differenza con i Dubs, dove anche se Curry o KD cannano una partita, arrivano comunque W

    Per il resto, mi sono già rotto i coglioni di aspettare

  • mad-mel

    4 a 1 finisce

  • onic

    Favoriti x le finals restano i Dubs (non trafavoriti) pochi cazzzi… mi aspetto dei gran parziali in favore dei Dubs con i Cavs che devono essere bravi a non andare fuori giri e fermare troppa la palla con isolamenti prolungati..
    mi auguro un 4-2 Cavs ma penso finirà 4-2 Gsw

  • Hanamichi Sakuragi

    guarda sono contento che hai scritto tu questo commento così non l’ho dovuto fare io.
    analisi veramente brutta superficiale e dal mio punto di vista di hater di lebron tesa a far passare quest’ultimo come supereroe e gli avversari supercriminali di turno mentre i compagni sono le vittime da salvare. la chiosa più bella è che thompson sarebbe (si è parlato di lunghi cavs, quindi anche lui) un difensore scarso.
    a me non piace critcare il sito, però se non c’è la volontà di CERCARE di essere obiettivi, allora cambiate nome. perchè poi su sky sport ci andiamo più o meno tutti e le analisi le leggiamo li e poi se si leggono certe cose ci fate una brutta figura.. e mi dispiace.

  • Hanamichi Sakuragi

    Preview davvero strana, sembrano fatte da uno che tifa Cavs ma mette una quintalata di mani avanti AMEN

  • Hanamichi Sakuragi

    x chi?

  • Hanamichi Sakuragi

    Io sinceramente vedo la serie equilibratissima e non me la sento
    di fare un pronostico.

    I cavs sono più forti dell’anno scorso ma lo sono anche i
    Warriors.

    Non riesco ad individuare le chiavi della serie.

    Dovessi dire i falli. Chiunque secondo me potrebbe avere problemi
    di falli.

    Sono curioso di vedere se KD giocherà, e come, dei momenti
    importanti contro lebron.

    Fino a quest’anno KD, a mia memoria, è riuscito a mettere
    trentelli contro le squadre di james ma poi in difesa è sembrato impotente. A
    natale invece per me ha chiaramente vinto il confronto tra i 2. James potrebbe
    dover sudare molto per limitare durant ed in difesa potrebbe, preso da iguo e
    green, arrivare un po’ spompo.

    Quest’ultimo lo vedo bello carico… decisamente troppo carico. La cagata
    è dietro l’angolo. Lui è il primo indiziato a non finire una partita.. anche
    più di una ed in tal caso per GS sarebbe un problema.

    I cavs, rispetto agli ultimi 2 anni dovranno capire come adattare
    la vecchia strategia, per altro abbastanza ben riuscita… fermare curry. Se ci
    riuscissero con Lebron su KD hanno vinto, se invece avranno bisogno del loro
    mvp allora si fa dura, perché quest’anno c’è il 35 in più nel motore gialloblu.

    Altro duello, del quale finora è uscito vincente sempre il giocatore
    cavs è irving vs thompson. Quest’ultimo sarà fondamentale in difesa e se mai
    riuscisse a dominare kyrie (molto difficile) per GS sarebbe discesa. Io la vedo
    leggermente diversa da Micheal Philips in quanto il buon klay i suoi tiri li
    sta avendo.. il guaio è che li sta sbagliando. Sarebbe ora che cominci a
    metterla dentro. Per me non è un problema di palloni giocati ma di palloni
    imbucati.

    Discorso lunghi: sono curioso di vedere se l’ottimo Love visto
    finora avrà i suoi minuti o finirà per giocare poco come l’anno scorso. Dal mio
    punto di vista l’unico che può contrastare TT sotto i tabelloni è javalone. Se
    TT continuerà ad avere il controllo dei tabelloni i cavs avranno ottime chances
    di riconfermarsi campioni

  • Michael Philips

    Sì comunque oggi è martedì e gara 1 è solo giovedì notte(facciamo venerdì mattina).
    Troppi giorni di attesa.
    Devastante.

  • Loco Dice

    Mi aspetto io commento indignato di Michele sui Cavs definiti “gruppo di morti di sonno” e che giocano solo in 2 ehehe

  • brazzz

    interesse pochino,vinca chi vinca..più simpatia per i warriors,ma solo perché ci ha giocato quel genio di mullin

  • Hanamichi Sakuragi

    interesse pochino????
    già solo rivincita james vs durant, n1 vs n.2, la bella tra le 2 squadre.. direi che l’interessa non possa proprio essere pochino..

  • lilin

    Vedo che non sono il solo ad essere sorpreso dall analisi…sembra che cleveland sia una manica di scappati di casa e che l unica possibilità per loro sia quella di far uscire per falli curry e durant..bah…
    Oltretutto in questi play off hanno fatto un sostanzioso balzo in avanti a livello difensivo…perfino love è stato decente.
    Favoriti i warriors ma secondo me cleveland ha le armi per ribaltare la serie. Ovviamente non si può prescidere dai 60 punti del duo dell ohio

  • brazzz

    senilità mia..mi piace sempre meno come giocano,non ci sono personaggi che mi affascinino..somiglia sempre più a un baraccone..rimane il gioco piùbello del mondo,ma per quel che mi riguarda ha perso molto fascino

  • Michael Philips

    Per i cavs al primo turno e nelle semifinali Jefferson non si è quasi mai visto in campo ma ed è tornato ad avere più minuti contro boston.

    Frye ha fatto bene contro raptors e indiana ed è sparito dalle rotazioni contro boston.
    Che sia il momento di Derrick Williams? Un atleta simile potrebbe rivelarsi utile contro green, durant etc..

  • 8gld

    “Certo la squadra è molto corta” (riferito ai Cavs).
    E pensare che con Bogut li vedevo un passo avanti a tutti, anche ai Warriors.
    Non penso che i Cavs siano una franchigia corta, anzi, li trovo ben assortiti. Squadra che può giocarsi il titolo.
    Poi quelle che saranno le scelte del coach è altro discorso e bisogna solo attendere di vedere.

    “Derrick Williams virtualmente inutilizzata. Questi sono stati errori di gestione che si sentiranno pesantemente durante queste Finals, poiché gli avversari sono capaci di mettere in campo con efficacia tutti i loro uomini e trarne almeno il minimo sindacale, mentre in maglia Cavs le performance sono alterne anche per i comprimari del quintetto”.
    Che Derrick ultimamente abbia calcato poco il parquet è un dato di fatto e una motivazione a me sconosciuta come anche il valutare che forse non è servito visto le serie…ma rimane anche il fatto che potrebbe essere un atleta utile alla causa in determinati frangenti.
    I Warriors sono stati capaci di mettere in campo con efficacia tutti i loro uomini solo quando qualcuno ha letto questo sito e ha stracciato dalle mani di Kerr i fogliettini con i minutaggi già pronti e limitanti.
    Discorso diverso per i Cavs che, salvo alcuni tratti di stagione, hanno ruotato la panchina…sopratutto quando James e dirigenza hanno capito che era meglio metter mano al roster. Non credo sia semplice acquisire giocatori come hanno fatto i Cavaliers. Comprimari? quelli che fanno il basket.

    “Difensivamente non esiste nessuna vera soluzione, i Cavs devono svegliarsi tutti e sperare che questo basti a contenere il fuoco di soppressione che esibirà in campo Golden State”.
    Questo vale anche per i Guerrieri…non penso si possano permettere di sonnecchiare.
    A mio avviso la soluzione o, almeno, il modo per limitarli c’è e i Cavs hanno le possibilità. Di certo non gli devono dare campo aperto, non devono accettare di correre sempre e non devono fargli girare la palla.
    Il ritmo basso lo possono tenere e, all’evenienza, hanno il play adatto per i momenti topici. Parlo di quello che gioca anche a 3 e 4.

    “L’anno scorso ebbero successo buttandola sul fisico, quest’anno con in campo gente come Zaza e David West la vedo decisamente più dura. Auguri”.
    Dopo aver scritto Zaza e West mi immagino TT, James e altri tremare dalla paura. Hanno fatto bene a metterla sul fisico e stupido Green e Kerr (gestione errata dell’atleta) a caderci con tutte le scarpe.
    Ma non fu solo quello…non hanno più corso, non li hanno più affrontati a viso aperto ma hanno iniziato a rallentare, fare 1vs1 in attacco e mettere il fisico in difesa…bravi loro e “stupidi” i Warriors.

    ” Se i tiratori dei Warriors entrano in ritmo la serie è chiusa”.
    Ci può stare…bisogna vedere che fine fa quel “se”.

    “Basta un quarto e mezzo a partita fatto di disgustosa pallacanestro dove qualsiasi cosa lanciata per aria trova il fondo della retina”,…
    ma non sono assolutamente d’accordo…i Warriors non lanciano la palla a casaccio, i Warriors non tirano ad occhi chiusi, i Warriors non vanno alla rinfusa…sfruttano le loro capacità balistiche, quando possono prendono palla e vanno a canestro. Non li trovo un’armata Brancaleone.

    Sembra come la presentazione di un film già scritto e anche di bassa qualità.
    Invece potrebbe rivelarsi un film non scritto e di buona e magari ottima qualità.

    Serie aperta e partono al 50% entrambe.

    Lo 0,1 in più lo metto sul piatto dei ragazzi della Baia a patto che in gara 7 a tre secondi dalla fine sul punteggio di perfetta parità il Presidente mette la giocata e i punti vincenti.

  • sconocchini

    una curiosità, l’invisibile deron williams ha un plus/minus medio nei playoff di +16,4

  • sconocchini

    temo che love avrà un impatto limitato. in post ha sempre sofferto difensori mobili e lunghi come green e KD, mentre in difesa non so chi potrebbe marcare. forse zaza, ma a quel punto sarebbe fondamentale che thompson tenesse green, cosa che ha dimostrato di non poter fare l’anno scorso. io spero in un thompson capace di limitare KD, ma è un po’ utopia. invece quello che potrebbe andare a favore dei cavs è il vero fattore X della serie. su the ringer facevano notare che nel quarto quarto si alza enormemente il numero di isolation, in tutte le squadre nba. ecco, se i cavs portano le partite tirate nel quarto possono giocare di isolation meglio dei dubs, perché hanno il miglior realizzatore di 1 contro 1 della lega (kyrie) e il miglior passatore in 1-1, lebron. certo l’altro fattore chiave, gli accoppiamenti difensivi, è tutto a favore dei warriors. curry lo puoi nascondere su JR, che non sta facendo molto in attacco. gli altri warriors sono più o meno buoni in difesa, ma non ci sono telepass. dall’altra parte love e irving restano difensori molto scarsi come metodo e fisico, JR a volte stacca la spina e thompson (che è un ottimo difensore) si accoppia male coi lunghi di GS. ultimo fattore, questo chiaramente pro-cavs, sono i rimbalzi offensivi. ed è lì che love può trovare il suo spazio. se Brown va di small ball Cleveland può rischiare il tutto per tutto tenendo love e thompsone e mandandoli a rimbalzo d’attacco tutte le volte. certo, se non prendono abbastanza rimbalzi i dubs banchettano in contropiede, ma se invece mettono una pressione sufficiente su Brown allora tolgono la linup of death dal campo, e non è una cosa da poco. infine, importante vedere in che condizioni sarà iguodala. se in difesa su lebron è quello del 2015 per me non c’è storia, ma ne dubito, anche perché nel 2015 lebron giocava da solo e si è spompato per le prime tre partite.

    e speriamo che comincino presto e che non sia un massacro, da una parte o dall’altra.

  • sconocchini

    ci ho pensato, ma sarebbe veramente una sorpresa. troppo poco affidabile in attacco, troppo confusionario con la palla. rischia di fare harrison barnes 2.0 (essendo anche più scarso di barnes).

  • sconocchini

    non so perché ma continuo a pensare che se kyle korver fosse quello di 5 anni fa la serie sarebbe molto più equilibrata. ha una intelligenza difensiva straordinaria, ma proprio le gambe non ci sono. temo che vedrà poco il campo e temo di vedere tanto tanto shumpert, con buona pace della bellezza (capelli compresi) e dell’ordine.

  • sconocchini

    la panca dei cavs ha un +/- superiore a quella dei warriors.

  • Michael Philips

    in attacco lo usi per qualche fast break o sui tagli al ferro che spesso fa Jefferson mentre Lebron sta sul gomito. Ha una fisicità che potrebbe tornar utile. Poi si parla nell’eventualità di un impiego di 15-20 massimo.
    Poi fino a quando Lue lo ha utilizzato questo ha segnato col 50% dal campo e il 40% da 3. Io credo che lo proverà.

  • Michael Philips

    nel 2015 lebron tirava male a prescindere.

    Iguodala si è preso meriti non suoi perché come ho detto più volte Lebron in quei playoffs ha tirato malissimo contro crowder al primo turno, contro butler e pure contro carroll.
    Contro gli hawks addirittura iniziò una gara con 0/10 al tiro.
    Iguodala non ci ha fatto molto, Lebron sbagliava cose semplici da solo. E si è preso il finals MVP anche per questo.

    L’anno scorso a Lebron funzionava il Jumper e lì si è visto quanto ha inciso Iguodala su di lui.
    Quest’anno per ora funziona pure meglio.

  • sconocchini

    molto garbage time però. tu ti fidi di derrick williams sul più alto palcoscenico mondiale? appena arrivato ha giocato bene, ma è confusionario e un attacco che ha già kyrie irving libero di inventare e lebron a organizzare ha bisogno di gente disciplinata. poi ovvio, sono d’accordo, come caratteristiche fisiche sarebbe un ottima soluzione. secondo te a chi potrebbe togliere minuti? a love con lebron da 4? mi pare l’unica soluzione.

  • sconocchini

    non sarei così estremo. mvp rubato, su questo non ci piove, ma iggy ha fatto bene in difesa, complice secondo me più che il tiro ondivago la stanchezza di lebron. ma è stato comunque una presenza forte in difesa e teneva lo strapotere di james. l’anno scorso james molto meglio anche perché non doveva fare tutto da solo

  • sconocchini

    e perché iggy era rotto, questo bisogna ammetterlo. quest’anno se iggy fosse in forma e potesse giocare 20 minuti su lebron toglierebbe un peso a KD, che sarebbe libero di fare male (e di impegnare lebron) sull’altro versante.

    per me le premesse sono ottime per i warriors, ma ci sta sempre che abbiano un calo o che i cavs trovino il modo di metterli in difficoltà. l’unica cosa per cui non sono testati sono proprio gli adeguamenti, i momenti di crisi, perché non ne hanno mai avuti. e quando per tre quarti le cose contro san antonio non sono girate sono andati a sud. certo, lue non è popovich, ma è quella la speranza dei cavs.

  • shaq4ever

    magari sono io, ma dire che partono 50:50 mi sembra un po’ tendenzioso
    credo che sia abbastanza obiettivo che i warriors siano più forti
    questo non vuol dire che i cavs siano spacciati, anzi. possono vincere eccome, hanno il giocatore più forte del pianeta, uno dei play più forti etc
    ma almeno si parte un 60:40, no?
    vorrei proprio vedere se uno vi puntasse in testa una pistola e la vostra vita dipendesse dal vincitore del titolo, quanti veramente scommetterebbero su una vittoria di cleveland. penso nessuno, siate onesti

  • sconocchini

    per me 70:30.

  • Michael Philips

    “tu ti fidi di derrick williams sul più alto palcoscenico mondiale?”

    cazzo no, ma magari sbaglio!

  • In Your Wais

    Su questo blog devi dire che sono favoriti i Cavs, così puoi smerdare LeBron se perde (“eh mai dai, erano i favoriti”) o sminuirlo se vince (“sai che impresa, con quello squadrone che aveva”)

  • brazzz

    ma no..favoriti e decisamente i dubs..detto questo, a est sono anni che per andare in finale è una passeggiata di salute,dai

  • In Your Wais

    Mai salutare come il percorso dei Dubs quest’anno…rotti in ordine Nurkic, Hill, Parker, Leonard

  • brazzz

    la parola chiave è ANNI, al PLURALE

  • Michael Philips

    Kerr si dice sorpreso del fatto che i warriors siano dati per favoriti.

  • In Your Wais

    Si ho letto, infatti sono 3 anni che i Warriors affrontano avversarie menomate. E diciamo pure che l’Est è più debole, in parte anche perchè LeBron fa sembrare tutte le avversarie ridicole

  • brazzz

    mooolto in parte

  • mad-mel

    Per me 4-1

  • 8gld

    Se uno mi puntasse una pistola in testa chiedendomi di scegliere lo 0,1 mi porterebbe a scegliere i Guerrieri…non il 60. Ma anche dopo presa la decisione non sarei del tutto convinto di rimanere in vita.
    “questo non vuol dire che i Cavs siano spacciati, anzi, possono vincere eccome, hanno il giocatore più’ forte del pianeta, uno dei play piu’ forti etc.”.
    Sono i campioni e vengono da un titolo vinto sotto di 3-1.
    Alla fine non posso rimanere sul 50% messa così’…in più’ dio continua a tirare i dadi.

  • Hanamichi Sakuragi

    secondo me iggy è stato il milgiore dei suoi, ma senza alcun dubbio. non li giocatore più forte in campo, e nemmeno il più forte della squadra vincente, ma il migliore in campo quello si

  • Hanamichi Sakuragi

    in questo blog sono tutti tifosi cavs che per poter incesare il loro idolo rendono la realtà più ardua di quella che è.

  • Hanamichi Sakuragi

    i campioni sono i cavs, l’anno scorso hanno fatto una rimonta storica, hanno il giocatore più forte al mondo e vengono da un 12-1 giocato molto bene. a me dare un favorito assoluto mi sembra una follia.
    il discorso è molto semplice.. vincono i dubs 4-1, 4-2 non capisco un cazzo di basket mentre qua dentro sono tutti scienziati (la prima ipotesi è molto più probabile della seconda).
    vincono i warriors 4-3 si può dire che sono più forti (non di molto) dei cavs come pare pensarla la maggioranza.
    vincono i cavs 4-1, 4-2, 4-3 qua dentro c’è un branco di maniavantisti. solo quello. non gente che non capisce un cazzo di basket.

    infine solita chiosa su james: se perde giocando come le ultime 3 finali c’è veramente poco da imputargli.

    chi rischia sono curry e durant. curry deve fare delle finali degne di questo nome e KD giocare come ha fatto finora anche sul palcoscenico più importante.

    e speriamo che restino tutti sani

  • Hanamichi Sakuragi

    … X CHI??

  • Michael Philips

    concordo in generale ma “infine solita chiosa su james: se perde giocando come le ultime 3 finali c’è veramente poco da imputargli.”

    naa, se perde lo tritureranno uguale.
    I soliti mentecatti partiranno con “3-5” e tanti vorranno la sua testa a prescindere, non scherziamo.
    Dopo le finals del 2014 e 2015 ne ho lette di ogni quindi una sconfitta è sempre una sconfitta.

  • Hanamichi Sakuragi

    si ma è un modo veramente stupido di ragionare,, anzi è stupido perchè non si ragionano.. se i vincitori sono dei fenomeni, chi arriva 2°, e fa sudare questi fenomeni.. è fenomeno pure lui.