Brandon Jennings, da “nuovo Iverson” alla Cina

Notizia di ieri che Brandon Jennings (27 anni) giocherà la prossima stagione fuori dall’NBA in quel della Cina con lo Shanxi, contratto annuale da $1,5 milioni per quello che anni fa doveva essere una sorta i nuovo Allen Iverson.

L’anno scorso Jennings ha vestiti le uniformi di New York e Washington, prestazioni altalenanti tanto che facevo parlare di più i suoi tweet del suo rendimento, un giocatore che prima ancora di approdare tra i PRO vantava una grande pubblicità, tante promesse, grandi aspettative finite in fumo.

Brandon Jennings - Virtus Roma - 2008Io lo ricordo bene Jennings, stagione Serie A 2008/09, lavoravo ancora per il fu basketground.it quando la Virtus Roma piazzò quello che molti era il “colpaccio”, Brandon Jennings (allora 18enne) non va al college e il suo anno di apprendistato lo svolge all’estero proprio con i colori della Capitale! Mi ricordo le aspettative sul ragazzo di Compton, acerbo ma con grandi potenzialità dicevano
Incuriosito da questi slogan andai a vederlo tutte e tre le volte che la Virtus venne in Lombardia…letteralmente un pesce fuor d’acqua, il tipico americano giovane che vuole strafare, sa che può fare la differenza ma alla fine combina solo guai o, spesso e volentieri, scelta sbagliata al momento sbagliato al posto sbagliato, il tutto con una meccanica di tiro raccapricciante, come direbbe Pino Cammino “Come una catapulta!” (ci scrissi pure un articolo molto dettagliato su quell’oscenità).

Chiuse la sua esperienza italiana con 5.5 punti di media (47% da 2 e 20% da 3) e 2.3 assist con anche un bel gesto donando €50 mila in favore delle popolazioni colpite dal terremoto in Abruzzo.

Finita l’agonia Italiana ecco lo sbarco in NBA alla corte dei Milwaukee Bucks con la scelta #10 assoluta…e BOOM! Alla quinta partita da PRO ne spara 32 contro Denver e tre giorni dopo 55 (con 21/34 dal campo) contro i Golden State Warriors!

È arrivato il nuovo Allen Iverson, Milwaukee ha la sua stella del futuro e via dicendo, Jennings e i Buck arrivarono fino ai Playoffs perdendo solo a Gara7 del primo turno contro gli Hawks.
Jenning non deluse le aspettative anch se nell’estate del 2012 è l’unico della sua classe Draft non non rinnova il contratto ma i Bucks andranno comunque ai Playoffs. Malgrado non fosse diventato il super giocatore che ci si aspettava Jennings s fa rispettare perché fino alla 2^ stagione in maglia Pistons viaggiava tranquillamente sopra i 15 punti di media, dal 2015 il calvario.

Da Detroit passa ad Orlando giocando 25 partite (6 titolare), poi lo sbarco fallimentare nella Grande Mela con trasferimento ai Wizards…e adesso la Cina a soli 27 anni.

Lui ci ha messo del suo perché quando arrivi a 18 anni in Italia soprannominandoti “Young Money” ti devi aspettare un tornaconto, caratterialmente è di base una prima donna e a livello tecnico/tattico è rimasto (seppur migliorato) un anarchico. Se a questi ingredienti ci aggiungiamo un eccessivo pompaggio mediatico ancora prima del suo arrivo nel nostro paese nel 2008 la frittata è fatta.

Un po’ di umiltà e lavoro in più avrebbero giovato sia a lui che alla sua carriera, adesso in Cina “rischia” di fare la fine di Jimmer Fredette o Russ Smith che viaggiano a medie fuori dal comune come l’ex Cardinals che ne ha piazzati 81 in singola partita con una media di 62!!!

Doveva per molti essere il nuovo Allen Iverson, se gli andrà bene sarà il nuovo Stephon Marbury.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • michele

    una fine ingloriosa, l’anno scorso era il troll di servizio dei wizards,serviva solo a provocare in ogni modo i giocatori dei celtics. buon viaggio!

  • In Your Wais

    Mai piaciuto, mai, neanche quando ne metteva 55, neanche quando mi giocava a 3 km da casa. Il fatto che è che io queste point guards dal tiro facile non le amo, a meno che non siano straordinarie, Iverson, Westbrook, poco altro

    Comunque, che siano forti o deboli, è un tipo di gioco che raramente ti porta molto avanti nella NBA, a meno di non avere una una squadra costruita in un certo modo (vedi Irving o Curry)

  • Anjin_San

    Il video di Trump è mortale.
    sono in ufficio che rido dassolo come un demente