NFL Tuesday 19: Recap della Week #2!

Week #2 NFL con i Patriots rialzano la testa a New Orleans, Denver demolisce l’attacco di Dallas, Atlanta batte nettamente Rodgers all’esordio nel nuovo stadio, Raiders e Tavecchio a nozze, male i Giants al debutto di Odell Beckham Jr.

NFL WEEK #2

Questa volta non c’era cascato nessuno. L’idea di un declino dei Campioni in carica, corroborata dalla sconfitta con i Kansas City Chiefs all’esordio, viene immediatamente polverizzata dai Patriots, con che passano senza alcuna difficoltà sul campo dei Saints: troppo blanda la resistenza della difesa di New Orleans per poter impensierire Tom Brady. A fine primo quarto il punteggio è già sul 20-3 e Bill Belichick è già a fare il check-in all’aeroporto della Big Easy.

Rimanendo in AFC va sottolineato come, al momento, la Division West sia quella più competitiva dell’intera lega: se gli Oakland Raiders si sbarazzano senza problemi dei deprimenti New York Jets (per i quali sembra già cominciato il count-down al Draft ad una possibile alta scelta) e i Kansas City Chiefs devono sudare le proverbiali sette camicie per battere i Philadelphia Eagles, la vera sorpresa di giornata arriva dal Colorado. Denver fa la voce grossa fra le mura amiche battendo i Dallas Cowboys e ribadendo la sostanza di una reparto difensivo fra i migliori degli ultimi venti anni. In fase offensiva è il running game di C.J. Anderson a fare la differenza per i Broncos che lanciano il loro guanto di sfida in ottica Superbowl.

Se nella Division North i protagonisti sono e saranno Pittsburgh Steelers (battuti i Vikings) e Ravens (vittoriosi sui Cleveland Browns), nella Division South il panorama delle contendenti è piuttosto desolante. Se si eccettua Tennessee, le altre faticano enormemente a livello offensivo. I Jaguars (sconfitti dagli stessi Titans) non possono più andare avanti con un Blake Bortles impresentabile in cabina di regia, i Texans vincono a Cincinnati ma il td della vittoria del qb Deshaun Watson è frutto di una giocata estemporanea e i Colts cedono in casa di fronte agli Arizona Cardinals.

Become a Patron!

Spostando l’obiettivo in NFC troviamo un altro attacco che stenta: è quello dei Seahawks. Russell Wilson & Co devono ringraziare ancora una volta la difesa per una vittoria risicatissima contro i San Francisco 49ers. Diciotto punti sul tabellone in due partite sono un brutto segnale per l’attacco di coach Pete Carroll. Chi aveva approfittato delle defaince dei Seahawks nel corso della prima giornata era stata Green Bay. Desiderosi di rifarsi del disastroso NFC Championship dello scorso anno, Aaron Rodgers e soci cercavano il riscatto sul campo degli Atlanta Falcons: il battesimo del nuovo stadium (l’avveniristico Mercedes-Benz Stadium) porta invece una partita simile a quello dello scorso anno. Dominio assoluto dei padroni di casa e Packers mandati a casa a bocca asciutta con una vagonata di domande sul groppone.

Nel Monday Night Football, i Detroit Lions ammanettano l’attacco dei Giants per tutta la partita, conquistano un preziosissimo succeso “on the road” e cominciano la stagione 2-0 per la prima volta dal 2011. Ai newyorkes non è bastato il rientro di Odell Beckham Jr. dall’infortunio alla caviglia.

PROTAGONISTI

Tom Brady (QB, New England Patriots) – Pronto per la pensione la settimana scorsa, neo candidato ad MVP quest’oggi. La verità è che una difesa come quella dei Saints si augura a qualsiasi QB in cerca di riscatto. Il nostro non si fa pregare e compila una striscia da 30 su 30 per 447 yards e 3 td, buona per un felice rientro a casa

C.J. Anderson (RB, Denver Broncos) – 118 yards su 25 portate e ben 2 touchdown (uno su ricezione). L’ex prodotto di California tiene in scacco la linea difensiva dei Cowboys per tutta la partita, aiuta a mangiare prezioso tempo sul cronometro e si dimostra una valida alternativa in ricezione per il QB Trevor Siemian
Chris Jones, DE, Kansas City Chiefs. Tre sacks, due fumble provocati, un intercetto e la sensazione che la linea offensiva dei Philadelphia Eagles se lo continuerà a sognare per tutta la settimana

MATCH OF THE WEEK

Kansas City Chiefs – Philadelphia Eagles 27-20

Reduci dal roboante successo nella prima di Regular Season in casa dei New England Patriots, i Chiefs ricevono gli ambiziosi Eagles all’Arrowhead Stadium. La partita si mantiene in equilibrio per tre quarti e mezzo con le difese di entambe le squadre a dettare legge, limitando gli attacchi avversari. In particolare la linea difensiva di Kansas City, guidata dal defensive end Chris Jones, limita molto il gioco su corsa di Philly costrigendo il qb Carson Wentz (25 su 46, per 333 yards, 2 td e 1 intercetto) agli straordinari sul gioco aereo. A rompere gli equilibri, a metà dell’ultima frazione, ci pensano due drive ben architettati dal qb dei Chiefs Alex Smith: l’ex Utah trova Travis Kelce per il td (🎥) che rompe la parità e, successivamente, si affida al rookie sensation Kareem Hunt per la corsa che vale la doppia segnatura di vantaggio a poco più di due minuti dalla fine della partita
I primi spettatori che cominciano a lasciare in anticipo lo stadio non hanno fatto i conti con l’orgoglio degli Eagles e del suo giovane leader: Wentz orchestra un drive che a meno di dieci secondi dalla fine porta gli ospiti sotto di una segnatura (td di Agholor). Sul successivo onside kick gli Eagles riescono a recuperare l’ovale e manca poco che a coach Andy Reid (ex della partita, ora alla guida di Kansas City) non venga un colpo al momento. Il lancio/preghiera di Wentz in endzone a tempo scaduto non va a buon fine e i tifosi dei Chiefs possono tirare un sospiro di sollievo

Next Week

San Francisco – Los Angeles Rams (#TNF)
Jacksonville – Baltimore
Indianapolis – Cleveland
Philadelphia – New York Giants
New York Jets – Miami
Buffalo – Denver
Carolina – New Orleans
Detroit – Atlanta
Chicago – Pittsburgh
Minnesota – Tampa Bay
New England – Houston
Tennessee – Seattle
Green Bay – Cincinnati
Los Angeles Chargers – Kansas City
Washington – Oakland
Arizona – Dallas (#MNF)

T-SHIRT #4 DI NBA-EVOLUTION DISPONIBILE ORA 👇 SULLO SHOP!

Fabio G

Fabio G

Anconetano doc, seguo da anni gli Sport Americani e la NFL in particolare, con un occhio di riguardo per i Detroit Lions. Da poco collaboro con NBA-Evolution come redattore per la sezione NFL. Nickname: Fabio G