Ingram batte Wall, Buzzer-Gordon, KD-Curry 59!

I Lakers battono i Wizards grazie ad un grande Brandon Ingram, Triple-Doppie per Westbrook e James ma quest’ultimo sconfitto a Brooklyn, Houston vince sulla sirena a Philadelphia, Curry-Durant che show contro i Toronto!

REGULAR SEASON

Charlotte Hornets – Denver Nuggets 110-93
CHA: Howard 15 (19 rimb), Lamb 16, Walker 19, Kaminsky 20, Monk 17
DEN: Jokic 18 (11 rimb), Harris 18, Murray 16, Plumlee 8 (10 rimb)

Bella vittoria casalinga degli Hornets di Kemba Walker e Dwight Howard contro i Nuggets; match deciso nel 2° quarto dove i padroni di casa hanno superato gli ospiti 35-16 guidati da Frank Kaminsky (12 punti su 20 finali) tirando col 70% dal campo (14/20), al riposo lungo Charlotte avanti 62-39.

Detroit Pistons – Minnesota Timberwolves 122-101
DET: Jonson 15, Harris 34, Drummond 15 (15 rimb), Bradley 20, Jackson 10, Smith 2 (13 ass), Ellenson 14
MIN: Wiggins 21, Towns 23 (10 rimb), Teague 18

Seconda brutta sconfitta consecutiva per i T-Wolves (privi ancora di Butler) che vengono dominati a Detroit da Tobias Harris 34 punti) e Andre Drummond (15+15); anche qui il 2° quarto ha spaccato in due la partita, 40-18 in favore dei ragazzi di coach Van Gundy con Harris autore di 14 dei suoi 34 punti e Pistons rei di 11 assist e 13 rimbalzi contro il nulla di Minnesota, +19 (66-44) all’intervallo.

Philadelphia 76ers – Houston Rockets 104-105
PHI: Redick 22, Covington 20, Embiid 21, Simmons 14
HOU: Anderson 14, Capela 16 (20 rimb), Gordon 29, Harden 27 (13 ass)

Houston espunga Philadelphia ma lo fa solo in rimonta e all’ultimo secondo grazie ad Eric Gordon, vani i 21 punti del rientrante Embiid; Sixers che ci credono quando a 3’05” dalla conclusione Simmons realizza il layup del +8 (104-96), da quel momento i padroni di casa alzeranno le mani dal manubrio e Houston ne approfitterà”
Dal -8 i texani arriveranno sul -2 (102-104) e possesso a 6” dalla fine dopo un’infrazione di 24”, palla ad Harden che raddoppiato scarica nell’angolo per  Gordon, sulla sirena solo nailon per lui e referto rosa Rockets!

Brooklyn Nets – Cleveland Cavaliers 112-107
BKN: Carroll 18, Hollis-Jefferson 19, LeVert 10, Dinwiddie 22, Crabbe 19, Harris 11
CLE: Love 15 (12 rimb), James 29 (10 rimb, 13 ass), Green 18, Korver 22

Malgrado la prima Tripla-Doppia stagionale di LeBron James i Cavaliers (senza Rose e Wade) perdono a Brooklyn contro i Nets privi di D’Angelo Russell; finale in volata con Love che porta i suoi avanti 103-104 a 63” dalla conclusione, Brooklyn risponderà con tripla di Dinwiddie e canestro fi Hollis Jefferson per il +4 (108-104) a 36”, Korver terrà in via Cleveland con la tripla del -1 a 25”, Brooklyn no scapperà via ma sarà LeBron a graziarla.
Dopo l’1/2 di Hollis-Jefferson James va in lunetta sul -2 Cavs ma farà 0/2, rimbalzo di Love che sbaglierà il Tap-In del pareggio a 4” spegnendo le speranze ospiti.

Miami Heat – San Antonio Spurs 100-117
MIA: James Johnson 21, Waiters 17, Dragic 20, Tyler Johnson 23
SAS: Anderson 12 (10 rimb), Aldridge 31, Gasol 13, Green 15, Gay 22, Ginobili 14

Nessun problema per i San Antonio Spurs che vincono a Miami trascinati dal duo Aldridge-Gay; dopo aver chiuso avanti di 5 al riposo lungo gli opsiti scappano via nella ripresa grazie ad un break di 15-5 a 3’38” dalla sirena della frazione, dal +5 al +15 (71-86) per poi non girarsi più.

Oklahoma City Thunder – Indiana Pacers 114-96
OKC: George 10, Anthony 28 (10 rimb), Adams 17 (11 rimb), Westbrook 28 (10 rimb, 16 ass)
IND: Young 14, Sabonis 4 (11 rimb), Oladipo 35, COllison 18

Seconda Tripla-Doppia per Russell Westbrook (28+10+16), doppia-Doppia per Carmelo Anthony (28+10) e i Thunder tornano al successo battendo i Pacers in casa; OKC comanda dall’inizio alla fine scappando via subito in apertura di 3° quarto con un break di 7-2 per il +10 (61-51), Indiana prova a restare a contatto ma di fatto non andrà mai oltre il -9.

Dallas Mavericks – Memphis Grizzlies 103-94
DAL: Barnes 15, Nowitzki 13, Matthews 16, Smith Jr. 19, Ferrell 10, Barea 14
MEM: Gasol 26 (11 rimb), Conley 21, Evans 13

Prima vittoria per i Dallas Mavericks che battono Memphis grazie ai 19 punti del rookie Dennis Smith Jr.; match segnato dai primi 12’ dove i padroni di casa hanno chiuso il parziale 32-18 con 10 punti di Matthews, i Mavs arriveranno anche sul +20 nel proseguo della partita,

Phoenix Suns – Utah Jazz 97-88
PHX: Warren 27, Chandler 6 (10 rimb), Booker 17, Len 13 (13 rimb), Ulis 13
UTA: Ingles 11, Favors 15, Gobert 16 (14 rimb), Hood 22, Rubio 15 (11 ass)

Seconda vittoria consecutiva per i Suns sotto al guida di coach Triano, sconfitti i Jazz con 27 punti di TJ Warren; Suns che scappano via nel 3° quarto con un parziale di 14-2 volando sul +18 (69-51) e amministrando il vantaggio fino alla fine.

Golden State Warriors – Toronto Raptors 117-112
GSW: Durant 29, Green 15 (11 rimb), Thompson 22, Curry 30
TOR: Siakam 20, Ibaka 15, DeRozan 24, Lowry 14, Miles 10, Poeltl 12 (14 rimb)

Sono stati necessari 59 punti dal duo Durant-Curry ai Warriors per domare in rimonta i Raptors; canadesi che sognano il grande colpo quando a 1’56” si sono trovati sul +5 (107-112)…Tripla di Curry, tripla di Durant, tripla di Curry e poi due liberi del #30, break di 11-0 Golden State e tutti a casa.

Los Angeles Lakers – Washington Wizards 102-99 OT
LAL: Ingram 19 (10 rimb), Nance Jr. 18, Caldwell-Pope 14, Ball 6 (10 ass), Kuzma 15, Randle 11
WAS: Porter 12, Gortat 11 (14 rimb), Beal 28, Wall 18, Meeks 11

I Los Angeles Lakers versione Mineapolis battono di misura all’overtime i Wizards grazie alle ottime prestazioni di Brandon Ingram (19+10) e Kentavious Caldwell-Pope (14 punti), 10 assist per Lonzo Ball; è proprio Ingram che salva i giallo-viola sulla sirena dei regolamentari, suo il Tap-In dopo un suo errore che sigla il punteggio sul 92-92 dopo che Beal aveva sbagliato la bomba ammazza partita e dopo che Washington era entrata negli ultimi 12′ sul +10. er Ingram 11 punti su 19 personali nel 4° periodo.
Nell’Extra-Time decisivo Caldwell-Pope, tripla del sorpasso Lakers a 58” (100-99), Washington non segnerà più con Wall che sbaglierò il layup dl sorpasso a 11”.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B