Irving e Boston sono 9 di fila, Warriors facili

Kyrie Irving e Boston continuano a vincere, stavolta in volata ad Atlanta, i Nets risorgono a Phoenix mentre ennesima scampagnata per i Warriors.

Become a Patron!

REGULAR-SEASON

Atlanta Hawks – Boston Celtics 107-110
ATL: Dedmon 19 (12 rimb), Schroder 23, Belinelli 19, Delaney 13
BOS: Browns 11, Horford 15 (10 rimb), Tatum 21, Irving 35

Italian Job: Belinelli 19 pt (4/5, 2/5, 5/5), 3 ass, 3 rec in 26’

Kyrie Irving (35 punti) e i suoi Boston Cetics non si fermano più, 9^ vittoria consecutiva strappata nel finale ad Atlanta; a 2’06” dalla fine Hawks avanti 103-101 dopo una tripla di Delaney ma “Uncle Drew” ha altri piani, tripla del contro-sorpasso seguita oi da un’altra bomba stavolta con la firma di Jayson Tatum per il +4 (103-107) a 47”.
Il Beli tiene in vita i suoi (105-107 a 43”) ma ancora una volta sarà il #11 dei Celtics con un floater ad uccidere la partita a 21”, Schroder sbaglierà la bomba a 16” e a Irving basterà un libero per mandare i titoli di coda.

Phoenix Suns – Brooklyn Nets 92-98
PHX: Warren 20, Booker 18, James 16, Len 7 (14 rimb), Ulis 11
BKN: DeMarre Carroll 14 (11 rimb), Crabbe 15, Russell 23, Harris 18, Zeller 12

Tornano a vincere i Brooklyn Nets di D’Angelo Russell espugnando Phoenix in volata con DeMarre Carroll protagonista; Sun sempre all’inseguimento per tutta la partita ma mai domi, a 2’16” dalla conclusione sono sul -4 (88-92) dopo che Mike James non è riuscito a completare un gioco da 3 punti, sale in cattedra Carroll con 4 punti consecutivi per il +6 (90-96) a 1’28” che di fatto decideranno la partita.

Golden State Warriors – Miami Heat 97-80
GSW: Durant 21, Green 18, Thompson 13, Curry 16
MIA: Dragic 19, J.Johnson 21, Olynyk 10

Ai Golden State Warriors basta un solido 2° quarto per archiviare la pratica Heat; Miami chiude bene il 1° quarto sotto solo di 1 (22-21), KD si allaccia le scarpe realizzando 10 punti nella seconda frazione, Golden State tirerà col 45% dal campo limitando gli avversari al 30%, 28-16 il parziale per il +13 all’intervallo (50-37). Nel secondo tempo la banda di Kerr volerà fino al +26.

T-SHIRT #6 DI NBA-EVOLUTION DISPONIBILE ORA 👇 SULLO SHOP!

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • Michael Philips

    Niente, Kyrie è uno spettacolo, sempre. Con i Celtics si è trovato alla perfezione, con lui Horford sta giocando da dio.
    I celtics saranno tosti da battere e considerato che Kyrie non è ancora nel suo prime e quegli altri hanno 20 anni (e hayward tornerà che avrà ancora 28 anni), il futuro della eastern pare decisamente verde.

  • In Your Weis

    Partitacce, bone pe l’ammazzatora…resta il fatto che Irving, da 3 anni ormai, è il giocatore più divertente della Lega, i suoi canestri sono di una qualità senza eguali

  • brazzz

    partite inutili

  • Matt

    Ad oggi per me IRVING miglior clutcher della lega,se dovessi scegliere un giocatore a cui affidare l’ultimo tiro prenderei lui…

  • Barone birra

    Irving da ancora prova di avere due palle d’acciaio;qualcuno la chiama mamba mentality come se prima del buon kobe non ci fossero stati killer del parquet. Per me è sempre un piacere vedere giocatori che si prendono le loro responsabilità e non scaricano su fry all’ultima azione per esempio. Ehhh ehh

  • Barone birra

    Idem ha una gamma di opzioni per fare canestro vista poche volte nella lega

  • Cento13

    kyrie fantastico e nettamente il mio giocatore preferito dai tempi del 24…la domanda è D.Rose sano migliore di questo Irving?? secondo me l’ex bulls inarrestabile in penetrazione ma il range di tiro di Irving è totale e superiore rispetto a Rose.

  • mad-mel

    Avrà 28 anni. Vediamo come tornerà però. Spero al 100 per 100.

  • Barone birra

    Preferisco irving ;rose l’mvp comunque non mi ha mai entusiasmato ;non mi piacciono i giocatori senza un solido jumper o comunque poco affidabili col tiro

  • illmatic

    Bah, DRose era al 90 percento fisico, infatti una volta rotto ha perso gran parte dei suoi superpoteri, non ha tiro e non ha letture eccelse, non è un fenomeno a mettere in ritmo i compagni. cioè. tutto il suo plus rispetto agli altri era dovuto al fisico, dalla potenza ai cambi di velocità alla capacità di resistere ai contatti, di cambiare direzione etc… Irving ha ben altre caratteristiche.

  • 8gld

    …”come se prima del buon kobe non ci fossero stati killer del parquet”.

  • Michael Philips

    Sai l’infortunio di hayward fa impressione ma non è tremendo a livello di guarigione.
    Un crociato andato o la rottura del tendine d’achille magari ti fa uscire dal campo sulle tue gambe(rondo o kobe), ma non sai se tornerai a giocare.

  • Michael Philips

    Il Rose MVP era uno dei migliori slasher ma è comunque lontano da Irving. Il Rose del 2011 oggi forse non sarebbe comunque in lizza per l’MVP, giusto per capire che periodo era quello e che periodo è questo a livello di quantità di talento.

    Oggi potresti mettere su un all-nba 2nd team forte quanto l’all-nba 1st team del 2011.

  • Cento13

    sono d’accordo con poca lettura del gioco e non un grandissimo tiro alla irving, ma aveva palle ed era uno spettacolo vederlo attaccare il ferro e G1 contro miami del 2011 resta tra le performance individuali più entusiasmanti che abbia mai visto…reputo il suo infortunio il più grande “danno” subito dalla lega negli ultimi anni.

  • brazzz

    ehi che fai.mi paragoni periodi differenti?pazzo!!!!!!!!!!!!!!
    ahahaha

  • In Your Weis

    Bledsoe ai Bucks in cambio di Monroe…

  • cuni

    Esattamente, una frattura è molto più una stupidaggine da quel punto di vista dato che tanto l’osso si riforma in tempi relativamente brevi. I legamenti e i tendini sono maledetti.

    Sul “gruesome” dipende.. per il tendine d’Achille anche si, per il crociato direi che dipende, perchè a me ha fatto molta più impressione l’infortunio di Shaun Livingston quando era ai Clippers o, spostandoci al gomito, Bogut (non riesco neanche a guardarlo quel video), quando invece il crociato di Gallinari o quello di Rose nemmeno ti sembrano infortuni ancora un po’…

    Il discorso per Hayward è che se non sbaglio si è anche lussato la caviglia, quindi anche se magari i legamenti non sono rotti molto probabilmente sono stirati dunque affinché recuperi tutto per bene il suo tempo ci vuole