NFL Tuesday 19: Recap della Week #9!

Il volo delle Aquile continua inarrestabile, Denver in crisi nera, i Redskins fanno il colpo della giornata a Seattle e continua la marcia dei Los Angeles Rams.

NFL WEEK #9

NFl - Week #9 - Risultati - 2017L’ultima volta che hanno cominciato una stagione 8-1 hanno vinto il campionato (allora NFL Championship) o sono arrivati al Superbowl (1980 e 2004). Al di là del dato statistico la solidità di questi Eagles fa spavento e i 51 punti messi sulla solitamente arcigna difesa dei Broncos è un segnale a tutta la NFC. L’aggiunta del running back Jay Ajayi (subito una buona prestazione per lui) aggiunge un’altra freccia alla faretra a disposizione di Carson Wentz & Co. Nella stessa NFC East, preso atto della bella vittoria dei Dallas Cowboys contro i Kansas City Chiefs (con il ritorno in campo di Ezekiell Elliott dopo l’ennesimo appello/ricorso della sua surreale vicenda giudiziaria), fa rumore l’affermazione dei Washington Redskins a Seattle (vedi approfondimento sotto).

Del capitombolo di Seattle ne approfittano i Los Angeles Rams che passano sui resti dei New York Giants grazie ad una buona prova di squadra e prendono decisamente la via della fuga nella NFC West. Chi invece è in chiara difficoltà è Atlanta: i vice campioni in carica sembrano soffrire del classico hangover da Superbowl perso e anche a Charlotte non riescono ad essere continui e, dopo un buon inizio di gara, devono arrendersi ai Carolina Panthers. L’attacco guidato da Cam Newton non sembra risentire della partenza di Kelvin Benjamin (direzione Buffalo), sorprende i Falcons e rimane all’inseguimento dei sorprendenti New Orleans Saints (trionfanti sui Buccaneers).

Nella AFC, con a riposo Patriots e Steelers e dopo l’inopinata sconfitta dei Bills in casa dei Jets nell’anticipo del Giovedì, fa notizia l’ennesima buona prova dei Jacksonville Jaguars la cui difesa, la migliore del campionato, ammanetta l’attacco dei Bengals. La franchigia della Florida tiene così il passo dei Tennesse Titans (vittoria sui Baltimore Ravens) in vetta alla AFC South lasciando presagire un scontro a due per il primato divisionale (con Indianapolis e Houston fuori gioco).

Particolare situazione invece nella AFC West: della sconfitta dei Chiefs approfittano i Raiders che passano a fatica a Miami mentre sorprende il collasso dei Denver Broncos. Con un record di 3-5 e un evidente problema quarterback, il team del Colorado è lontanissimo dai playoff. E domenica, per dare il colpo di grazia agli odiati rivali, arrivano i New England Patriots di Tom Brady  (che, per la verità, allo Sports Authority Field di Denver ha spesso sofferto…).

Nel posticipo del lunedì i Detroit Lions sbancano Green Bay e rimangono a distanza di tiro dai Minnesota Vikings per la leadership della NFC North

PROTAGONISTI

Adrian Peterson (RB, Arizona Cardinals) – Chiamato a tirare la carretta per tutta la partita (ben 37 le portate per “All Day”), Peterson timbra il cartellino con 159 sudatissime yards che aiutano più di una volta i Cardinals a “muovere la catena” dell’attacco e a collezionare una preziosa vittoria in quel di San Francisco. Se Arizona ha qualche speranza di arrivare in zona wild card, molto passerà per le performance dell’ex superstar di Oklahoma

T.Y. Hilton (WR, Indianapolis Colts) – Svariate voci di mercato lo vedevano con la valigia ma, al termine del mercato di “riparazione”, Hilton è rimasto in Indiana. 175 yards su 5 ricezioni confezionate con due touchdown per ribadire il concetto di essere una delle poche note positive di questi Colts

Matthew Stafford (QB, Detroit Lions) – 26 su 32 per 361 yards e 2 td sono le statistiche di una gara pressochè perfetta dell’ex Georgia che consente ai suoi Lions di passare a Green Bay e mantenere vive le speranze playoff per la franchigia del Michigan

MATCH OF THE WEEK

Seattle Seahawks – Washington Redskins 14-17

La sorpresa di giornata arriva da Seattle dove Washington riesce a sbancare il Century Link Field con una prestazione di carattere. La partita, una vera battaglia difensiva, viene decisa nel quarto quarto quando il punteggio è ancora inchiodato sul 10-2 per gli ospiti, frutto di una safety su Kirk Cousins per Seattle e un touchdown di Kelley e un field goal per Washington. La truppa di coach Gruden, priva del WR Crowder e del TE Jordan Reed, risponde colpo su colpo ai più quotati avversari e il citato vantaggio ad inizio quarto sembra il giusto premio per una squadra incline a non mollare. La stanchezza si fa però sentire e i padroni di casa, con un Wilson finamente ispirato in cabina di regia, ribaltano la situazione con i touchdown di Willson e Baldwin, ben imbeccati dall’asso #3. Il 14-10 a poco più di un minuto e mezzo dalla fine sembra scrivere l’ultimo capito di una contesa che, invece, Cousins & Co non si rassegnano a perdere.
Proprio il quarterback incornicia uno dei più bei drive della sua ancora giovane carriera trovando prima Quick poi Doctson con due lanci perfetti (in particolare il primo avviene mentre sta per essere livellato dalla linea difensiva di Seattle) che portano i Redskins a ridosso della endzone avversaria. E’ ancora Kelley a correre la singola yard che consegna il vantaggio definitivo agli ospiti e ne rilancia le ambizioni in ottica playoff. Per Seattle una brutta battuta d’arresto legata all’incapacità di segnare nei primi tre quarti che complica un po’ il discorso post-season: con i Rams lanciati verso la vittoria Divisionale, il team di Pete Carroll dovrà sudare le proverbiali sette camicie per agguantare una delle due wild card.

Next Week

Arizona-Seattle
Chicago – Green Bay
Detroit – Cleveland
Indianapolis – Pittsburgh
Jacksonville – Los Angeles Chargers
Buffalo – New Orleans
Tampa Bay – New York Jets
Washington – Minnesota
Tennessee – Cincinnati
Los Angeles Rams – Houston
Atlanta – Dallas
San Francisco – New York Giants
Denver – New England
Carolina – Miami

Bye

Baltimore, Oakland, Kansas City, Philadelphia

Fabio G

Fabio G

Anconetano doc, seguo da anni gli Sport Americani e la NFL in particolare, con un occhio di riguardo per i Detroit Lions. Da poco collaboro con NBA-Evolution come redattore per la sezione NFL.

Nickname: Fabio G

  • TheGlide22

    A Miami si doveva vincere e s’è vinto : “bene”.
    Adesso turno di riposo sperando che serva a riordinare le idee…(mmmmmhhh).
    Dopodichè,secondo me,visto che dipenderà anche e SOPRATTUTTO dagli altri risultati bisogna che :

    1) si vinca assolutamente con Dv. N.Y. Da. e L.A. [+ serve impresa con N.E. (o che N.E. sbagli città),sperare che il calo di K.C. continui (ma manca ancora un mese al rematch)] mentre a Phila sembr(erebbe)a impossibile.

    2) vista l’ammucchiata centro-bassa classifica N.E. Pitt. e K.C. vincano tutti gli scontri diretti all’interno dell’AFC.

    3) le altre dirette rivali perdano anche,chi ne ha,gli scontri extraconference (in quelli diretti vinca la peggio classificata).

    Quindi : più facile vincere al superenalotto.

    domanda : l’8-1 di Phila fino a che punto è veritiero ?
    credo che la AFC sia qualitativamente più competitiva e Phila. a K.C. ha perso ed a L.A. ha vinto di misura.

  • NFC moooolto più competitiva della AFC, Phila gioca bene e Wentz è MVP a mani basse, Oakland deve vincere la sua Division che è abordabilissima visto Denver e le difficoltà di KC.

  • TheGlide22

    Grazie per il chiarimento.
    Guardando il calendario di K.C. mi sembra difficile che perdano la division,a meno di un tracollo totale,ma proprio di brutto.