Boston dal -17 stende pure i Warriors! Harden 48

Al TD Garden di Boston i Celtics rimontano e battono in volata i Warriors con Irving solito protagonista, Houston brucia Phoenix con 90 punti in un tempo!

REGULAR SEASON

Boston Celtics – Golden State Warriors 92-88
BOS: Tatum 12, Morris 12, Horford 18 (11 rimb), Brown 22, Irving 16
GSW: Durant 24, Green 11, Thompson 13

Neanche i Golden State Warriors sono riusciti a fermare i Boston Celtics, rimontano dal -17 e conquistano in volata al 14esima vittoria consecutiva con Kyrie Irving protagonista; Warriors che arrivano con la faccia giusta, nel 2° quarto piazzano un break di 12-0 volando sul 27-44 con 5’25” sul cronometro! Sembra la solita storia anche perché i tentativi di rimonta locale vengono perentoriamente ucci dagli ospiti, un 5-0 di KD a 5’35” dalla fine del 3° vale il nuovo +17 (49-66), Boston però è di un’altra pasta e non molla.
Comincia la rimonta e a 7’ dalla fine Horford realizza il Tap-In del 74-74, si gioca punto-a-punto, ad 82” dalla sirena finale Thompson gela il TD Garden con la bomba dell’86-88…ma in campo c’è Kyrie!
Prima pareggia con due liberi, poi a 14” ritorna in lunetta e fa un altro 2/2 per il vantaggio Celtics.
Golden State ha l’ultima chance ma la bomba del rientrante Curry non andrà a segno.

Phoenix Suns – Houston Rockets 116-142
PHX: Warren 14, Monroe 20 (11 rimb), Booker 18 (10 rimb), Len 9 (13 rimb), Daniels 23
HOU: Anderson 24, Ariza 11, Capela 12 (10 rimb), Pail 11 (10 ass), Harden 48, Gordon 13, Nene 10

Pazzesca partita o meglio, pazzesco primo tempo per gli Houston Rockets di James Harden (48 punti con 12/22 dal campo e 18/18 ai liberi) nel giorno del rientro di Chris Paul (10+10 in 20’) in quel di Phoenix; all’intervallo i punti messi a referto dai texani sono 90, due periodi da 45 punti l’uno con Harden che va negli spogliatoi con 33 punti, Houston col 62% (12/20 da 3) e 17 assist (Paul 8), il tutto per un vantaggio si 25 punti.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • Anjin_San

    Mamma mia ‘sti Celtics…

  • misterwolf

    ancora siamo nelle prime 20 partite della stagione

    e solo regular season

    detto questo partita particolarmente anomala , ok le difese ma hanno tirato particolarmente male
    fa bene a boston , fiducia,convinzione, non cambia molto per i warriors .

    P.S. lo scorso anno che Javalone vincesse l’anello mi faceva simpatia , che lo vinca swaggy mi mette molta tristezza

    Harden 18 tiri liberi , ricordati che arriveranno i P.o.

    “E tu saprai che il mio nome è quello del Signore, quando farò calare la mia Manu sopra di te!”

  • Barone birra

    Ottima Boston con il cuore e la difesa riesce a piegare anche gli warriors. Uno dei pochi modi o forse addirittura l’unico di piegare i dubs è difendere a bassi ritmi tirando anche male ma facendoli tirare peggio. Si salva solo durant mentre gli splash sparano a salve ; ormai o celtics e il loro allenatore sono una realtà da prendere sul serio dall’intera lega. Intanto mentre ad est si giocava una partita simile alle finals di fine anni 90 ad ovest si davano alla pazza gioia con il barba che è sempre più in fuga nella corsa all’mvp

  • low profile

    Oggi Michele ti dovrai impegnare come non mai per tenere il low profile

  • gasp
  • Anjin_San

    “ezechiele 25 17”

  • brazzz

    è solo regular..conta poco,molto poco,date retta

  • In Your Wais

    Parafrasando il telecronista dei Kings, “if you don’t like that, you don’t like basketball”

    Leggevo che il segreto contro i Warriors sia tenere i ritmi bassi. Diciamo che posso essere parzialmente d’accordo, anche se il numero di tiri presi dai Dubs stanotte, 82, è molto simile a quello delle ultime due partite, in cui ne hanno fatti 110 e 135 rispettivamente. Sei G.State avesse tirato col 50% o oltre, come fanno quasi sempre, avrebbero finito attorno ai 110 punti

    Quindi, sicuramente correre come pazzi contro una squadra che ha una potenza di fuoco enorme, e rientra benissimo in difesa, forse non è il caso. Ma direi che il grande merito dei Celtics di stanotte è stato soprattutto farli lavorare e sudare su ogni singolo tiro, taglio, blocco. Gli hanno fatto sentire il fisico in ogni singolo possesso, li hanno mandati fuori ritmo, e stavolta ha pagato

    Spero che il resto della Lega prenda nota, tolto Green, il resto dei Dubs non mi pare amare molto le sportellate. Poi 3 volte su 4 andrà male, ma intanto gli hai fatto cagare sangue, invece di sperare di farne 140 alla loro difesa

  • misterwolf

    cose che si dicono dalle finals 2015
    dimostrato in parte in quelle 2016 , e da i grizzlies , thunder 2016

    ma tutti hanno deciso che bisogna giocare a fare piu punti dei warriors….
    sia chiaro per i warriors la differenza sarebbe sudare o non sudare come concetto , nel senso che rimangono stra favoriti giocano a meraviglia e difendono molto bene ma farli passeggiare, perche?

    percio mi chiedo e vi chiedo, ma il livello dei coach in NBA è bassino? , non hanno personalita per imporre sistemi ai giocatori?
    sta storia del coach Nba piu fine psicologo che allenatore ha un po’ superato i livelli di guardia?….

  • In Your Wais

    No, credo che nella NBA ci siano ottimi coach, e qualche cane (chi ha detto Lue?). Bisogna sempre ricordare che si tratta di fermare una squadra che ha 2 MVP, uno dei migliori tiratori di sempre, il miglior difensore 2017, ed una panca funzionale. Ogni tanto può riuscire, ma non è che basta tirare al 24″ e tornare veloci in difesa per batterli. Un paio di falli dubbi fischiati a favore di Irving in meno, e comunque i Dubs avrebbero vinto pure stanotte

    Detto questo, mi pare evidente come giocare a chi segna di più contro di loro non dia molte chance. Forse possono i Rockets, forse OKC, boh, ma non vi è molta garanzia. Sicuro fargli cagare sangue per ogni singolo canestro e possesso è un ottimo punto di partenza

  • brazzz

    è che per fargli far fatica,devi farne tanta,fisica e mentale,anche tu..esistono sqaudre in grado di faticare così tanto? e per 7 partite?la risposta,non essendoci più squadre con la mentalità dei bad boys o dei celtici di bird, è NO..tutto qui..ergo,…

  • Barone birra

    Infatti su una serie al meglio di 7 quante ne possono perdere così 1 o al massimo 2.se pensiamo che curry e klay hanno cagato entrambi stanotte e lo stesso erano a più 17 le prospettive future non sono rassicuranti per le concorrenti.

  • 8gld

    “Devi farne tanta anche tu”. Beh, vorrei vedere. Li vuoi battere senza lasciare il sudore sul parquet? Lo vuoi fare con il sigaro in bocca? No, se vuoi batterli devi batterti. ..come giusto che sia. Hai detto bene…un po’ di sana mentalita’ dei bad Boys…”delinquenti” che sapevano giocare a basket e che ringhiavano su ogni pallone.

  • 8gld

    Non si sono persi, li hanno tenuti a 88. Non gli hanno lasciato tiri facili ma sempre attaccati. Le guardie con 5 falli. Curry fuori giri…t.o.
    Spero che quest’anno, anche se presto, riesca ad entrare nei primi tre dopo lo scempio dello scorso anno. Continua ad impartire basket e continua a farlo anche con i campioni. Se serve correre si corre, se no si abbassa, si mette il fisico, si chiudono le linee di passaggi e si prova a mandarli fuori giri. Si gioca sui 24 con iq.
    Sconfitta utile ai Warriors e a Kerr.

  • brazzz

    appunto..e nessuna squadra attuale è in grado di reggere questo tipo di sforzo

  • 8gld

    Non ne sono convinto. Poi nasce anche dalla mentalita’ che si ha o che si ricerca.

  • ILTG6

    Sarà anche solo RS ma la vittoria dei Celtics è molto importante, sono senza Hayward e ne hanno vinte 14 in fila..come? Gioco di squadra corale unito al talento, ovvero la combinazione vincente in NBA se non hai LBJ che però spesso falliace( Spurs-GSW-Cavs-GSW).
    Senza un gioco di squadra molto altruista, concentrazione massima e fisicità contro i Warriors non vinci e i Celtics in questo sono due anni che ottengono i migliori risultati in rapporto al talento.
    Irving ha cambiato modo di giocare, è completamente a disposizione della squadra, zero egoismi e più difesa.

  • Michael Philips

    “Harden 18 tiri liberi , ricordati che arriveranno i P.o.

    “E tu saprai che il mio nome è quello del Signore, quando farò calare la mia Manu sopra di te!”

    https://uploads.disquscdn.com/images/7e73467bfa690fa44c7f6c60812340302b9331682f01441a1f889ef30ce22df3.gif

  • Michael Philips

    Oh guarda, un team di livello affronta i warriors giocando in modo molto fisico e senza correre(come piace a loro) e vince?
    Stevens sembra davvero uno dei pochi coach con una testa sulle spalle.

  • michele

    in realtà oggi la mia mossa è facile e scontatissima: mi arrocco sulla posizione del saggio Brazz, che dall’alto della sua pluriennale esperienza ammonisce che questa è solo effimera regular season.

    Contento per Jaylen Brown: scelto tra lo stupore generale, ieri notte ha oscurato tutti gli all star presenti sul parquet.

  • Matt

    Gran bel giocatorino,quasi quasi è stata una manna l’infortunio di HAYWARD,anche se spero gordon torni presto ed al livello di prima.

  • michele

    Brown gioca guardia, ha preso il posto di Bradley. Il Profeta Brad peraltro aveva vaticinato che shooting guard, small forward e power forward sono tutte categorie obsolete: per lui i giocatori che ricoprono gli spot 2, 3 e 4 sono banalmente “wings” e nella sua idea di basket possono tutti coesistere, anche se ufficialmente vengono considerati ala piccola.

  • brazzz

    ok li si batte con fisico intensità bla bla..ma si sta a celebrare UNA w ,dico UNA ,come se volesse dire chissà cosa..ricordo che a giugno bisogna vincerne QUATTRO,e che non ci credo finchè non lo vedo..l’anno scorso i celtici arrivarono davanti ai cavs.in regular…poi ricordate la serie?voglio dire..ieri boston ha dato il 120%..i warriors han giocato una gara di regular,o POCO PIU’..

  • Michael Philips

    Brazzz non si sta a celebrare una vittoria, ma sono lieto di vedere qualcuno affrontare i warriors col piglio giusto. Non ho detto che è decisiva ecc, ma la storia insegna(cavs e thunder) che se li metti sotto fisicamente avrai una serie pur essendo loro più talentuosi.

  • Matt

    Nella mia idea di basket HAYWARD e BROWN non sono complementari…vedremmo quando tornerà il primo citato.

  • michele

    Boston comunque ha vinto 3 delle ultime 4 giocate contro i dubs. Segno che si accoppiano meglio con loro, rispetto ad esempio a Cleveland.

  • brazzz

    mah..la storia non insegna nl caso specifico..cavs e Thunder giocarono contro una squadra senza durant,e completamente cotta per aver voluto inseguire il record..no fa molto testo

  • michele

    rispetto il tuo parere, ma credo che quello di Stevens sia un filo piu’ autorevole, se non altro perchè li conosce direttamente eheheheheh

  • Michael Philips

    brazz il discorso è: molti team stanno provando a battere i warriors al loro stesso gioco: correre e tirare da 3. I celtics hanno imposto il loro gioco, cosa che troppi team nemmeno provano a fare.

  • Matt

    Certo,si fa per parlare,altrimenti io farei l’allenatore nba e stevens lavorerebbe per una multinazionale eheheh

  • misterwolf

    qui non si discute la forza dei warriors ma il fatto che davanti alle poche occasioni in cui si sono visti in leggera difficolta si cerchi di giocare al loro gioco per vincere…

    tu che citavi i pistons e i celtics anni 80′ credi che avrebbero mai sfidato i lakers a giocare lo showtime ?

  • brazzz

    chiaro che no..ma erano squadre forti tanto quanto i Lakers..qui fra i dubs e gli altri,caratteristiche a parte,ci sono 3 piste di differenza come qualità

  • misterwolf

    i cavs si sono mostrati piu efficaci nel 2015 e relativamente nel 2016 contro di loro
    gia lo scorso anno pensavano di batterli giocando al loro gioco .
    i Cavs paradossalmente sembra che abbiano scordato cosa gli ha portato a fare buoni risultati .

  • michele

    pero’ io parlavo di Boston rispetto a dubs (3-2 nelle ultime cinque) e Cavs (2-8 nelle ultime dieci). Non di dubs vs CAvs.

  • Michael Philips

    I celtics non avevano abbastanza talento negli ultimi anni, ma la grinta c’è sempre stata e spesso è servita a mettere in difficoltà sia cavs che warriors.
    Ora c’è pure il talento è stanno a 14 di fila.

  • misterwolf

    e sei piu debole e giochi al loro gioco?

  • 8gld

    Segno che c’è un coach non monotematico.

  • Michael Philips

    l’anno scorso i cavs(lue) hanno sbagliato tutto l’approccio.
    La cosa assurda è che hanno giocato a correre pur sapendo che l’anno prima avevano vinto rallentando i ritmi.
    Roba da matti.

  • 8gld

    Infatti i Pistons li mettevano in difficolta’ in altro modo…non ti faccio correre, sudo su ogni pallone, non ti lascio il rimavalzo…ti rispetto ma non ho paura.

  • 8gld

    Ummm.

  • misterwolf

    ma solo il fatto di farti pensare invece di farti fare i tuoi giochi in automatico….

  • 8gld

    Ci sono delle partite dove si vede correre, tiro ferro rimbalzo difensivo corsa tiro, ferro rimbalzo difensivo corsa e cosi’ via. Ci sono volte che si va avanti così anche per sei/sette ferri fino a quando una palla entra.
    Altre in cui si tira e sotto non c’è nessuno, come a dire se entra bene se no la palla è dell’avversario. C’è chi dice che questo viene fatto cosi’ si è gia’ pronti per la fase difensiva…assurdo.
    La miglior difesa è l’attacco.
    Per trovare un’ottima difesa si deve metter corpo in attacco. Andare forte sul rimbalzo.

    Warriors:
    lo scorso anno sono andati a un Bogut dal diventare “ingiocabili” e oggi sono a un passo dal trovare un’alternativa a Pachulia per riprovarci.
    Bravi e jellati i Cavs a soffiarglielo.
    Quando una franchigia prova a correre e non si chiama Warriors non deve tirare per forza una volta arrivata dall’altra parte. Correre per poi tirare da tre o dalla media è inutile o potrebbe divenire controproducente. Una cosa è correre perché si arriva in appoggio, quindi due punti facili e sicuri. Altro farlo come indicato sopra senza che nessuno dei tuoi è arrivato almeno a mettersi sotto. A quel punto l’avversario prende il rimbalzo trovando la tua squadra che corre verso il ferro offensivo prendendoli tutti in contropiede…frittata.
    I Warriors corrono ma non sono stupidi. Se arrivano subito bene se no, mentre tu ancora stai cercando di capire dove metterti perche’ stati rientrando dalla tua fase offensiva, fanno girar palla veloce trovando l’uomo libero…punti.
    Corri se appoggi, se no ti fermi. Fai piazzare attacco e difesa e vai sui 24.
    Kerr nella gestione dei cambi è monotematico. Pachulia, un 4 che prova a travestirsi da 5, gioca 14 max 16 minuti a partita (si può rimettere l’orologio), poi entra Iguodala e Green passa a 5.
    Green (che lo vorrei a occhi chiusi nella mia franchigia ideale, anche se capisco a chi non sta simpatico) è forte ma non è un 5 puro. Molte volte, come sopra indicato, dopo un tiro sul ferro lui prende in ciabatte il rimbalzo (o Durant). Perché? L’andare subito in difesa ti comporta che i Warriors non ti fanno male?
    Proviamo con l’attacco è la miglior difesa e di non prendere il tiro subito se non in appoggio.
    A quel punto la difesa si posiziona. Adesso l’importante è far allontanare Durant dal ferro portando fuori il tuo 4 lasciando Green nei pressi del ferro e andando con il tuo 5.
    Ecco che te la giochi. Il tiro prende il ferro? Prendi rimbalzo seconda chance, lo prende Green? Ci sono ancora dieci uomini in una meta’ campo e lui si trova pressato. Ecco che loro non riescono a uscire velocemente ed ecco che stai creando una miglior difesa dall’attacco. A quel punto la deve passare a un piccolo, Curry, che si trova gia’pressato. Curry pressato è un atleta soggetto a t.o.

    Se tiri e te ne vai hai perso. Se giochi solo a correre hai perso. Se giochi a basket puoi anche perdere ma te la sei giocata…e non è sempre domenica, anche per i Warriors.

    Certo se poi tolgono Pachulia e mettono venti minuti alla Bogut allora diventa tutt’altro discorso.
    A oggi ci sono franchigie che hanno atleti per giocarsela.
    La mentalita’ e il gioco per affrontarli? Questa è deficitaria.

  • 8gld

    Ps: quando li fai piazzare in difesa e vai sui 24 puoi anche provare a penetrare. Se lo fai bene o arrivi al ferro, o prendi fallo o, male che ti vada, sei ancora lì senza che loro escono facili.