Inarrestabile James nell’11esima, Boston c’é!

LeBron James si scatena nel finale e trascinai Cavs all’11° successo consecutivo, Boston batte sulla distanza i Suns, bene Milwaukee, New Orleans con Cousins e Philadelphia contro Detroit col solito Embiid.

REGULAR SEASON

Boston Celtics – Phoenix Suns 116-111
BOS: Tatum 15, Horford 14 (11 ass), Browns 17, Irving 19, Morris 17, Smart 13
PHX: Warren 19, Chandler 14 (18 rimb), Booker 38

Il sabato NBA si apre con la vittoria dei Celtics sui Suns; nel primo tempo Devin Booker realizza 22 dei 38 finale e tiene i suoi a contatto (60-54), Phoenix inseguo ma a cavallo tra il 3° e 4° periodo Boston cambia marcia e uccide la partita.
I padroni di casa prima chiudono la terza frazione con un 5-0 e poi piazzano un break di 7-0 ad inizio ultima frazione portandosi in 2’ sul +17 (96-79)!
i Suns però non si danno per morti, soprattutto Devin Booker che a 18” dalla sirena finale spara la bomba del -3 (114-11), Smart va in lunetta e non tremerà per il +5 finale.

Dallas Mavericks – Los Angeles Clippers 108-82
DAL: Nowitzki 16, Barnes 8 (10 rimb), Matthews 10, Smith Jr. 12, Harris 15, Barea 21 (10 ass)
LAC: Jordan 14 (17 rimb), Williams 18

J.J Barea esce dalla panchina, dice 21+10 assist e trascina i Mavs al successo sui martoriati Clippers; Dallas domina e vince la partite nei primi 24’ grazie anche ad un 2° quarto da 35-21 con 13 punti di Barea, al riposo lungo Mavericks avanti 59-38, nel 2° tempo arriveranno anche sul +33.

Brooklyn Nets – Atlanta Hawks 102-114
BKN: Crabbe 12, Dinwiddie 15, Harris 13, Allen 12, Kilpatrick 12
ATL: Prince 11, Ilyasova 9 (11 rimb), Schroder 24, Bembry 12, Taylor 11, Babbitt 20

Italian Job: Belinelli 9 pt (2/6, 1/3, 2/2), 2 rimb, 3 ass, 1 rec in 24’

Torna a vincere Atlanta battendo in trasferta i Nets con Dennis Schroder protagonista; partita equilibrata fino ad 8’ dalla conclusione, Brooklyn è sul -2 (88-90) e da quel momento sarà un assolo Hawks, parziale di 18-3 per il massimo vantaggio sul +17 (91-108) a 3’54” dalla fine.

Cleveland Cavaliers – Memphis Grizzlies 116-111
CLE: James 34 (12 ass), Love 20 (11 rimb), Smith 17, Wade 16
MEM: Green 16, Gasol 27, Evans 31 (12 ass), Harrison 12

Ancora LeBron James, ancora una giocata decisiva nel final e Cleveland porta a casa l’11° referto rosa consecutivo battendo Memphis; ad inizio 3° quarto i Cavs scappano via sul +18 (79-61), sembra fatta ma Memphis non ci sta, rimonta e impatta sul 109-109 a 2’10” dalla conclusione della partita dopo una bomba di Brooks.
Palla al Re, James realizza 5 punti consecutivi con un gioco da 3 punti a 34” per il +5 (114-109) e poi lo Step-Back a 5” per il 116-111 finale. James ha realizzato TUTTI gli ultimi 13 punti dei Cavs, 15 nel 4° periodo.

Philadelphia 76ers – Detroit Pistons 108-103
PHI: Covington 25, Saric 17, Embiid 25 (10 rimb), Redick 18, Simmons 5 (10 rimb)
DET: Harris 27, Drummond 14 (11 rimb), Jackson 25

Joel Embiid spara 25+10 nell’attesa sfida contro Andre Drummond (14+11 e 6 falli) e Philadelphia supera Detroit; i Sixers toccano anche il +18 ma il finale è in volata, a 2’54 il punteggio recita 98-95 per Philly. Embiid va in lunetta per il +5, Stanley Johnson prima viene stoppato da Covington e poi sbaglia la possibile tripla del -2, Saric invece non perdona ed è sua la bomba del +8 (103-95) a 100” dalla fine.

Milwaukee Bucks – Sacramento Kings 109-104
MIL: Middleton 25, Antetokounmpo 33 (13 rimb), Bledsoe 19, Brogdon 13
SAC: Temple 12, Fox 14, Randolph 22, Hield 19, Mason 13

A Milwaukee i Bucks dominano, sudano freddo ma poi battono i Kings con ancora il trio sugli scudi; Bucks sempre al comando delle operazioni sin dalla palla a due toccando anche il +20, nel 4° i Kings ci provano e a 1’43” sono sotto solo di 1 punto (102-101)! A togliere le castagne dal fuoco di penseranno Henson e poi i liberi di Giannis e Middleton, break di 6-0 per il +7 e titoli di coda.

Denver Nuggets – Los Angeles Lakers 115-100
DEN: Faried 13, Plumlee 12, Harris 13, Murray 28, Barton 16, Lyles 18
LAL: Ingram 20, Lopez 15, Kuzma 13 (10 rimb), Clarkson 12, Randle 15

I Nuggets escono nel finale e battono i Lakers: punteggio che recita 100-100 a 3’57” dalla fine dell’incontro e Denver mette la freccia con un parziale di 15-0 durante il quale Murray ha realizzato 7 punti (compreso gioco da 4 punti) e i Lakers hanno tirato 0/3 dal campo, 3 perse e un fallo tecnico fischiato a Lonzo Ball a 2’24” sul -6.

Portland Trail Blazers – New Orleans Pelicans 116-123
POR: McCollum 17, Lillard 29, Napier 15, Leonard 17
NOP: Moore 19, Cunningham 8 (12 rimb), Cousins 38, Holiday 17, ROndo 12 (10 ass), Miller 10

Niente Anthony Davis e niente problemi per i Pelicans che trascinati da DeMarcus Cousins (38+8) battono i Trail Blazers a Portland; New Orleans entra nell’ultima frazione sopra di 16 (82-98) grazie ad un 3° quarto da 38-25 con 14 punti firmati DMC, Portland non riuscirà più a recuperare.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • In Your Wais

    Dopo una ventina di partite si può tranquillamente dire che, per il momento, il divorzio Irving-James è stato molto utile per tutti e due

    Kyre si è trovato il ruolo da leader a cui aspirava, dopo qualche partita di assestamento ha iniziato a giocare il miglior basket della sua carriera, efficiente, con percentuali eccellenti, poche palle perse, e grande capacità di dare il meglio quando serve di più alla squadra

    LBJ sta anche lui giocando forse la miglior stagione in carriera, il che è assurdo a 33 anni e dopo 14 stagioni a non calare mai di rendimento. E’ primo nella Lega in punti nel 4/4, settore nel quale, negli anni scorsi, spesso e volentieri aveva delegato al signore di cui sopra. Anche lui sembra sempre sapere quando lasciar giocare i compagni, quando coinvolgerli, e quando mettersi in proprio. E sembra perfino interessato alla difesa, cosa che non avveniva, in RS, dai tempi di Miami

    Un plauso ai Bucks, che hanno messo su una squadra di grande talento (anche se io ho i miei dubbi su Bledsoe) e quando tornerà Parker, si spera in condizione, faranno paura. Bravi anche i Nuggets, più forti dei loro tanti infortuni (stavolta è toccato a Jokic)

  • misterwolf

    e per i cavs è un bene o un male?

  • misterwolf

    mi fa strano vedere i cavs giocare bene a pallacanestro , credo che il ritorno di rose e thomas peggioreranno le cose

  • Bene, allunga le rotazioni almeno