MLKDay: Warriors facili, ok Clippers su CP3 e 76ers!

Martin Luther King Day con i Warriors che battono ancora i Cavs senza sudare, i CLippers rovinano il ritorno di Chris Paul con un post-partita abbastanza acceso, bella vittoria di Phila su Toronto, sorpresa Hawks con gli Spurs e Chicago ferma Miami.

#MLKDay

Detroit Pistons – Charlotte Hornets 107-118
DET: Bullock 20, Harris 20, Drummond 3 (10 rimb), Bradley 15, Smith 19 (10 ass), Tolliver 17
CHA: Kidd-Gilchrist 11, Williams 21, Howard 21 (17 rimb), Batum 14, Walker 20, Lamb 11

Bella vittoria esterna dei Charlotte Hornets che sbancano Detroit con 62 punti del trio Williams-Howard-Walker; Charlotte entra sul +4 (80-84) nell’ultimo quarto e trova il break di 15-3 verso metà frazione che li spingerà fino al massimo vantaggio sul +18 (88-106) con Walker autore di 7 punti.

Philadelphia 76ers – Toronto Raptors 117-111
PHI: Covington 11, Saric 11, Embiid 34 (11 rimb), Redick 15, Simmons 12, McConnell 18
TOR: Ibaka 10, DeRozan 24, Lowry 13, Miles 10, Siakam 11, Wright 20

I Philadelphia 76ers tornano a casa e portano a casa una bella vittoria contro i Toronto Raptors con un Joel Embiid da 34+11, espulsi nel 4° periodo Ben Simmons e il rientrante Kyle Lowry; Sixers padroni del campo nei primi 3 quarti tanto da toccare il +21 ed entrando negli ultimi 12’ sul 93-75.
Toronto, come con i Warriors, inizia la sua rimonta nel 4° e arriverà fino al -1 (102-101) con 3 sul cronometro.
A salvare i Sixers ci penserà prima Simmons e poi Dario Saric con la bomba del 107-101 a 2’14”, a chiudere il match un layup di Covington a 1’25” per il +8 (111-103).

Washington Wizards – Milwaukee Bucks 95-104
WAS: Beal 19, Wall 27, Oubre Jr.19
MIL: Middleton 19, Antetokounmpo 27 (20 rimb), Brogdon 16, Bledsoe 23

Giannis Antetokounmpo dice 27+20 rimbalzi e Milwaukee torna a vincere vincendo nella Capitale; Bucks che escono negli ultimi 5’ di partita, sotto 93-91 ecco un parziale di 11-0 per il +9 (93-102) a 70” dalla sirena finale, Washington ha tirato 0/7 dal campo, 2 perse e 0/2 ai liberi durante il break.

Atlanta Hawks – San Antonio Spurs 102-99
ATL: Ilyasova 20, Bazemore 10, Schroder 26, Belinelli 10, Dedmon 12 (10 rimb), Collins 12
SAS: Anderson 13, Aldridge 25 (11 rimb), Green 11, Bertans 10, Mills 13

Italian Job: Belinelli 10 pt (2/4, 2/2 da 3), 2 rimb, 1 persa, 1 rec in 21’

Sorpresa della note alla Philips Arena dove gli Hawks rimontano dal -14 del primo tempo e battono di misura i San Antonio Spurs; Atlanta rimonta nel 2° tempo e nel 4° se la gioca punto-a-punto, un mini break di 5-0 vale il sorpasso ul 94-89 con 72” da giocare, Schroder si carica sulle spalle i suoi e risponde ad ogni canestro degli Spurs, a 10” il suo layup vale il 98-95.
Inizia una carrellata di liberi, 4 per parte, tutti a segno e siamo sul 102-99 con 7” da giocare possesso San Antonio, Atlanta difenderà bene forzando Green ad una tripla difficile, primo ferro e vittoria falchi.

Brooklyn Nets – New York Knicks 104-119
BKN: Carroll 22, Hollis-Jefferson 16, Acy 13, LeVert 20, Harris 10
NYK: Porzingis 26, Lee 10, O’Quinn 11, Beasley 23 (10 rimb), Ntilikina 10 (10 ass), McDermott 13

Nw York si prende il derby contro i Nets con i 26 di Kristaps Porzingis e il 23+10 di Mike Beasley (70 punti la panchina di NY); i Knicks fanno loro la partita subito ad inizio ultima frazione, sull’81-83 con col quale le squadre finiscono il 3° quarto i ragazzi di coach Hornacek piazzano un break di 14-2 nei primi 4’ di gioco con B-Easy autore degli ultimi 6 punti per il è14 (83-97).

Chicago Bulls – Miami Heat 119-111
CHI: Holiday 25, Markkanen 17, Lopez 10, LaVine 18, Dunn 6 (10 ass), Valentine 12, Mirotic 18
MIA: Richardson 11, T.Johnson 10, Dragic 22, Ellington 20, Olynyk 21

Si ferma a Chicago la striscia vincente dei Miami Heat sconfitti dai Bulls di Justin Holiday; Chicago sempre in controllo delle operazioni dall’inizio alla fine toccando anche il +19, Miami però non molla e riesce a portarsi sul -5 (107-102) a 1’33” ma ecco la bomba di Lauri Markkanen* che spegnerà definitivamente i sogni di speranza Heta.
*Markkanen che è diventato il giocatore più veloce di sempre a raggiungere le 100 triple in carriera in 41 partite.

Memphis Grizzlies – Los Angeles Lakers 123-114
MEM: Brooks 19, Green 11, Gasol 17, Evans 15 (12 ass), Martin 10, Selden 13, Ennis II 13, Davis 10
LAL: Caldwell-Pope 27, Hart 16, Nance Jr. 15 (11 rimb), Kuzma 18

Senza Brandon Ingram e Lonzo Ball i Lakers cadono a Memphis in un match mai messo in discussione; padroni di casa avanti di 10 all’intervallo e nel 3° quarto, grazie ad un break di 15-2 smorzano al rimonta Lakers e si portano sul +15 (82-67) a 4’11” dalla sirena della frazione. Stavolta i giallo-viola non riusciranno a ricucire il distacco finendo anche sul -20.

Oklahoma City Thunder – Sacramento Kings 95-88
OKC: George 18, Anthony 20, Adams 13 (13 rimb), Westbrook 19 (16 rimb, 10 perse), Patterson 10
SAC: Cauley-Stein 15, Bogdanovic 13, FOx 12, Hill 10, Hield 16

Oklahoma City rimonta dal -15 e batte i Kings nella ripresa con Russell Westbrook quasi da Quadrupla-Doppia (19+16+9+10) e pure espulso per doppio-tecnico; dopo aver toccato il +15 i Kings vanno negli spogliatoi sul 52-46, nella ripresa OKC troverà la mira e giocherà un 3° quarto da 31-16 con Carmelo Anthony scatenato da 15 punti per il +9 (68-77). Ad inizio 4° i Thunder non si faranno pregare, break inziale di 11-4 per il +16 (72-88) e game over.

Cleveland Cavaliers – Golden State Warriors 108-118
CLE: James 32, Love 17, Thomas 19, Wade 10
GSW: Durant 32, Green 11 (16 rimb), Thompson 17, Curry 23

I Golden State Warriors passano senza difficoltà a Cleveland infliggendo la 3^ sconfitta consecutiva ossia la 8^ nelle ultime 10 partite, per i campioni in carica è al 13esima consecutiva in trasferta; Cavs che ci provano andando al riposo lungo sul 64-57 ma nel 2° tempo non ci sarà storia, Golden State lascerà appena 44 punti (17 nel 4° periodo) ai padroni di casa rifilandogliene 71, decisivo il break di 6-0 a metà del 4° per il +10 (95-105).

Utah Jazz – Indiana Pacers 94-109
UTA: Favors 16, Mitchell 23, Hood 15
IND: Bogdanovic 10, Young 17, Sabonis 15, Oladipo 28, Jospeh 15, Jefferson 6 (10 rimb)

Victor Oladipo firma 28 punti a referto con 5/8 da 3 nel successo esterno dei Pacers a Salt Lake City; incontro dominato dall’inizio alla fine da Indiana che alla sirena del 3° è avanti di 20 sul 65-85 con Oladipo autore di 22 punti.

Los Angeles Clippers – Houston Rockets 113-102
LAC: Wallace 12, Griffin 29 (10 rimb), Williams 31, Teodosic 12, Harrell 10, Johnson 11 (12 rimb)
HOU: Ariza 17, Anderson 12, Capela 14, Gordon 19, Paul 19, Green 11

Chris Paul torna per la prima volta a L.A da avversario e perde contro i suoi ex Clippers in un match molto nervoso anche nel post-partita; match equilibrato con Houston sul -4 (92-88) dopo un minuto dell’ultima frazione, i Clippers vanno da Lou Williams e lui non delude, realizza 7 punti consecutivi nel break di 9-0 per il +12 (100-88) a 9’ dalla fine e i Clippers non si gireranno più finoa d arrivare sul +15.
Durante la partita pesante trash-talking tra Chris Paul e Blake Griffin
A fine partita succede di tutto, da quello che riporta Adrian Wojnarowski Paul, Green, Capela, Harden (in borghese) e Ariza sono andati nello spogliatoio dei Clippers per cercare Austin Rivers trovandolo, poi NON ci sono stati scontri ma solo forti diverbi

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B