Perché SI, Perché NO: Nikola Jokic!

Riflettori di NBA Evolution che per il consueto appuntamento del giovedì vanno in Colorado, a casa dei Denver Nuggets a bussare alla porta di un Serbo, chiave dei Nuggets, Nikola Jokic.

PERCHÈ SI, PERCHÈ NO

Parliamo di Nikola Jokic che, al suo terzo anno di NBA, è già al centro dei progetti della squadra di Denver; nella scorsa stagione ha rimpiazzato Mudiay come playmaker della squadra, nonostante sia a tutti gli effetti il centro. La corsa ai Playoff passa dal serbo che non sta sfigurando ma, con l’infortunato Millsap ancora ai box, c’è bisogno di un ulteriore step per raggiungere l’obiettivo. Jokic può effettivamente essere l’uomo giusto? Andiamo a scoprirlo.

✅ SI ✅

• Visione di gioco davvero atipica per un giocatore di quelle dimensioni: 5.3 assist ad allacciata di scarpe per il vostro centro titolare.
• Atipico, vero, ma il suo sotto canestro lo fa sempre: 10.4 rimbalzi di media.
• Talento offensivo a tutto tondo: dal palleggio al passaggio passando per la capacità realizzativa sia vicino che lontano dal ferro.
• Compatibile con i grandi realizzatori, perché è sempre alla ricerca del passaggio.
• Mano delicatissima dalla lunetta, merce rara per un lungo.

🚫 NO 🚫

• Spesso un po’ pigro a rimbalzo nonostante i numeri siano più che convincenti.
• Sempre a livello numerico, buono anche il suo apporto in fase difensiva, ma troppo spesso poco cattivo nella difesa uno contro uno.
• Anche in attacco un po’ rinunciatario: con quella capacità di passaggio dovrebbe essere più aggressivo per costringere le difese a lavorare di più su di lui e liberare spazi per i suoi compagni.
• Fisicamente giocatore importante, ma non certo un super atleta. Ha margini per diventare una superstar anche da questo punto di vista con del lavoro mirato.
• Tanto talento e tanto margine ma ancora inesperto dal punto di vista delle partite che scottano. Da monitorare nel finale di stagione.

CONCLUSIONE

Merce rara Jokic, assolutamente da preservare e da tenere ancorata a Denver se i Nuggets vogliono avere un futuro. L’obiettivo Playoff deve assolutamente essere centrato per iniziare a crescere e guadagnare esperienza.
Per la dirigenza questa estate sarà cruciale: Jokic è al termine del contratto ma con Team Option e può quindi essere confermato a poco, ma questo lo renderebbe Unrestricted Free Agent al termine della prossima stagione, e quindi bersaglio di offerte da parte di tutte le altre 29 squadre NBA, senza che i Nuggets possano pareggiare l’offerta, come accadrebbe se non esercitassero la Team Option alla fine di questa stagione. Mosse importanti in Colorado volte, più che a questa stagione, al futuro della franchigia, con Nikola al centro del progetto e come Playmaker della squadra

APPUNTAMENTI PRECEDENTI
Khris Middleton
Victor Oladipo
DeAndre Jordan
Marcus Smart
DeMar DeRozan
Isaiah Thomas
• LaMarcus Aldridge

Simone

Simone

Giallo-Viola e Kobeiano convinto ma grande appassionato del basket in generale, con cui entra in contatto a 5 anni. Primo e unico colpo di fulmine della sua vita, ad oggi. Gioca e allena nelle Minors novaresi, nonostante le ginocchia suggeriscano di darsi alla Playstation. Nickname: Simo T.