Thunder, Pelicans e Spurs vittorie pesanti!

Gli Oklahoma City Thunder sbancano Houston con 70 punti del loro trio, Davis espugna Golden State e San Antonio piega i Tail Blazers e tutte e 3 rimangono a +1.0 dall’8° posto dell’accoppiata Timberwolves-Nuggets, Clippers è finita.

REGULAR SEASON

Los Angeles Clippers – Denver Nuggets 115-134
LAC: Harris 15, Jordan 16 (17 rimb), Wallace 18, Rivers 10, Williams 24, Harrell 14
DEN: Chandler 13, Millsap 15, Jokic 23 (11 rimb, 11 ass), Barton 31, Murray 19, Plumlee 11, Harris 10

I Denver Nuggets espugnano lo Staples Center, eliminano matematicamente i Clippers dalla corsa Playoffs e rimangono agganciati ai T-Wolves per l8° posto ad Ovest grazie alla Tripla-Doppia di Nikola Jokic (23+11+11) e i 31 di Will Barton; Nuggets che prendono subito le redini del match toccando subito la doppia-cifra, i Clippers cercando di stare in scia ma a metà del 3° quarto Denver piazza un parziale di 12-3 per il +19 (74-93) e non si girerà giù.

New York Knicks – Milwaukee Bucks 105-115
NYK: Beasley 13, Lee 14, O’Quinn 15 (16 rimb), Dotson 11, Jack 18
MIL: Middleton 22, Parker 16 (12 rimb), Henson 15 (12 rimb), Bledsoe 22 (10 ass), Snell 10

Niente Antetokounmpo ma Milwaukee vince nella Grande Mela con le Doppie-Doppie di Parker, Henson e Bledsoe; Bucks che costruiscono il loro successo a 5’21” dalla fine, sotto 95-94 break di 12-0 chiuso con tripla di Jabari Parker per il +11 (95-106) a 2’18”.

T-SHIRT #11 DI NBA-EVOLUTION DISPONIBILE ORA 👇 SULLO SHOP!

Chicago Bulls – Brooklyn Nets 96-124
CHI: Holiday 15, Portsi 18, Felicio 14 (11 rimb), Kilpatrick 20m Grant 13
BKN: Harris 16, Crabbe 20, Russell 12, LeVert 13, Cunningham 9 (12 rimb), Acy 21

Brooklyn spara 24 triple (su 55 tentativi) ed asfalta i Bulls; Nets padroni della partita dall’inizio alla fine, alla sirena del 3° quarto bianco-neri avanti 96-77 con Allen Crabbe autore di tutti i suoi 20 punti e con 20/41 da 3 di squadra.

Houston Rockets – Oklahoma City Thunder 102-108
HOU: Tucker 16 (10 rimb), Capela 10, Harden 26, Paul 17, Green 14
OKC: George 24, Anthony 22, Adams 12, Werstbrook 24 (10 ass), Grant 12

Oklahoma City sfrutta il momento di relax di Houston e batte i Rockets al Toyota Center con 70 punti del trio George-Anthony-Westbrook; a metà dell’ultima frazione Russ si mette in proprio, sotto 92-91 il #0 realizza 5 punti consecutivi dando vita ad un parziale di 11-0 chiuso dallo stesso Westbrook a 3’47” per il +10 (92-102). Houston cerca la rimonta ma arriverà massimo fino al -5 (100-105) a 46”.

Golden State Warriors – New Orleans Pelicans 120-126
GSW: Durant 41 (10 rimb), Green 11(10 rimb), Looney 10, Thompson 18, Cook 21
NOP: Moore 15, Mirotic 28, Davis 34 (12 rimb), Holiday 25, Rondo 12 (17 ass)

Anthony Davis non sta a guardare e risponde a Westbrook con 34+12 nel successo dei Pelicans nella baia malgrado i 41 di Kevin Durant; si entra nell’ultimo quarto sul 92-88 Warriors, Holiday si scatena realizzando 13 dei suoi 25 punti ma il break decisivo comincia a metà frazione, sotto 108-105 New Orleans piazza un 14-3 chiuso con bomba di Mirotic assistita da Rondo (17 assist) per il 111-119 a 3’54”. KD è l’ultimo a mollare, riporta i suoi sul -2 (119-121) a 60” ma sarà lo stesso Durant ha perdere palla a 31” consentendo a Moore di chiudere la pratica col tiro del 119-123 a 23”.

San Antonio Spurs – Portland Trail Blazers 116-105
SAS: Aldridge 28, Mills 13, Murray 17, Gay 16, Ginobili 17
POR: Turner 18, Nukric 12 (12 rimb), McCollum 17, Lillard 33

Damian Lillard torna dopo una gara di assenza e scrive 33 a referto ma sono gli Spurs a portarsi a casa quello rosa col solito LaMarcus Aldridge; l’ala degli Spurs realizza 10 dei suoi 28 punti nell’ultima frazione ma è manu Ginobili l’eroe, 2 triple consecutive e un layup per 8 punti filati nel parziale di 13-2 Spurs per il +12 (101-89) a metà frazione, Portland non riuscirà a recuperare e 3’43” Mills sparerà la tripla del 107-96.

STANDINGS

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B