Horford e Boston oltre Belinelli, MAGICO JAMES!

Boston espugna all’ultimo respiro Philadelphia per il 3-0 nella serie dopo una partita mozzafiatante con Al Horford ancora eroe, Cleveland è Match-Point grazie ad una magia di LeBron James all’ultimo secondo!

EASTERN CONFERENCE

Cleveland Cavaliers (#4) – Toronto Raptors (#1) 105-103 [CLE 3-0]
CLE: James 38, Love 21 (16 rimb), Korver 18, Hill 12, Green 11
TOR: Anunoby 18, Valanciunas 10 (11 rimb), Lowry 27, Miles 13, Ibaka 11

I Cleveland Cavaliers tornano a casa e non tradiscono i loro tifosi o meglio, è sempre e solo LeBron James che tira fuori dai guai i Cavs sulla sirena con una pazzesca magica baciata al tabellone; James gioca un primo tempo umano da 15 punti anche perché ben supportato dai compagni (Korver 12 & Love 12+11) e Cleveland al riposo lungo comanda il match sul 55-40 grazie anche alle tante palle perse e troppe forzature dei Raptors.
Toronto rientra in campo più determinata e nei primi 4’ del 3° quarto rimonta dal -17 e si porta sul -5 (57-52), reazione Cavs con break di 20-9 chiuso con 2 liberi di un ispirato Kevin Love (9 punti consecutivi per lui) per il 77-61 a 2’16” dalla sirena, 3° quarto che si chiuderà sul 79-65.
Toronto però non muore mai, dal -16 del 3° quarto ritorna in vita con Kyle Lowry trascinatore e abbiamo un finale in volata sul +3 Cavs (99-96) a 2’26”, palla a James che si inventa un pazzesco Fade-Away per il +5, Anunoby risponde, James sbaglia da 3 e palla Raptors a 57” dalla fine sotto 101-98 ma con 5” sul cronometro dei 24”.
VanVleet tira da 3 in corsa dopo aver ricevuto nella sua metà campo, rimbalzo di Green, palla sempre e solo al #23 che si butta dentro e subisce fallo da Ibaka, LeBron non è gelido e fa 1/2 per il +4 a 30”, Toronto non ha più Time-Out e va per 2 veloci con Lowry (102-100) ma poi si dimentica Green perdendo secondi preziosi. Green va in lunetta a 15” e fa 1/2 lasciando l’ultimo tiro ai Raptors, Anunoby riceve, finta e spara da 3 per il pareggio (103-103)!!!! Sul cronometro ci sono però ancora 8”, palla a James……ed è l’ennesima MAGIA di LeBron James che si inventa un floater appoggiato al tabellone cadendo indietro

Philadelphia 76ers (#3) – Boston Celtics (#2) 98-101 OT [BOS 3-0]
PHI: Saric 11, Embiid 22 (19 rimb), Redick 18, Simmons 16, Belinelli 12, Ilyasova 14
BOS: Tatum 24, Horford 7 (10 rimb), Rozier 18, Brown 16

Italian Job: Belinelli 12 pt (2/5, 2/7, 2/2), 4 rimb, 3 ass, 1 persa in 36’

Pazzesca partita al Wells Fargo Center di Philadelphia, 12 volte situazioni di parità, 15 cambi di leadership, un Buzzer-Beater e un finale di overtime al cardio palma che ha premiato la tenacia dei Boston Celtics e la genialità del loro coach Brad Stevens; Boston mette il naso avanti sul 28-38 ma da quel momento comincia lo show dei 76ers, break di 22-5 con tanto di poster di Joel Embiid rifilato ad Aron Baynes e dal -10 i padroni di casa vanno sul +7 (50-43) ma Boston non si spaventa e grazie ad una bomba di Jaylen Brown a 6” dalla sirena il punteggio all’intervallo è 51-48 Philly.
Match è combattuto e si entra negli ultimi 41” di partita sul +7 Sixers (87-85) dopo un 2/2 di Belinelli, ecco Jaylen Brown che in un amen realizza 4 punti di cui 2 su rubata a Redick a 1” dalla fine!!
Rimessa Phila, Marco si libera bene di Rozier, Tatum è in ritardo e sulla sire fa impazzire l’arena col canestro del pareggio (piedi entrambi sulla linea), overtime!
Overtime vede subito Philadelphia scappare sul +5 ma la stanchezza e la caparbietà dei Celtics si fanno sentire e a 8″ dalla conclusione Boston é sul -1 (98-97) dopo che uno stremato Embiid e un poco furbo Simmons avevano sbagliato il canestro del potenziale +3.
Stevens disegna una rimessa stupenda lasciando Horford contro Covington nel pitturato, lob perfetto di Morris e appoggio (con brivido) del sorpasso sul 98-99.
Ci sono ancora 5″ da giocare, rimessa Sixers, Simmons va da Embiid che troppo stanco e Horford gli scippa la sfera che poi lo manderà in lunetta per i 98-101 finale.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B