Warriors di autorità, Rockets senza problemi: 3-1!

I Golden State Warriors stavolta giocano per davvero e spazzano via i Pelicans in Gara4 con un grande Kevin Durant, Houston fa 2/2 a Salt Lake City e anche lei si giocherà i Match-Point tra le mura amiche.

WESTERN CONFERENCE

Utah Jazz (#5) – Houston Rockets (#1) 87-100 [HOU 3-1]
UTA: Ingles 15, Gobert 11, Mitchell 25
HOU: Tucker 11, Capela 12 (15 rimb), Harden 24, Paul 27 (12 ass)

Partita perfetta per gli Houston Rockets che fanno loro anche Gara4 trascinati da Chris Paul (27+12); come la partita precedete i texani lasciano a malapena le briciole ai padroni di casa, al riposo lungo James Harden è a quota 18 punti con i suoi avanti 48-58, Utah rimane fino alla metà del 3° quarto sul -10 (57-67) poi gli ospiti decidono che è arrivato il momento di uccidere la partita con un break di 9-0 chiuso da CP3 a 3’ dalla sirena della frazione per il +19 (57-76), per Paul 11 punti nel 3° quarto. Houston non si girerà più facendo giocare le seconde linee per tutto il 4° periodo.

New Orleans Pelicans (#6) – Golden State Warriors (#2) 92-118 [GSW 3-1]
NOP: Moore 20, Mirotic 7 (11 rimb), Davis 26 (12 rimb), Holiday 19, Rondo 6 (11 rimb), Clark 11
GSW: Durant 38, Thompson 13, Curry 23, Cook 12

I Golden State Warriors non sbagliano due gare di fila e in Gara4 si impongono di personalità sui Pelicans portandosi sul 3-1 col Match-Point tra le mura amiche dell’Oralce Arena, prestazione sublime di Kevin Durant; Golden State scende subito con la faccia giusta dominando il 1° quarto tirando col 59% () e un Durant immarcabile (10 punti) arrivando anche sul +18 (33-15 63” dalla sirena) per poi chiudere sul +15 (37-22) , malgrado le sfuriate dei campioni e le pessime percentuali dal campo (375) New Orleans non si scompongono e dal -18 (33-15) tornano in partita con le prodezze di Anthony Davis al riposo lungo Golden State comanda ma solo di 7 lunghezze (54-61).
Si torna in campo e i Warriors ricominciano, break di 10-2 nei primi 3’ per il nuovo +15 (56-71), New Orleans stavolta non riesce a reagire perché i Warriors non alzano il piede dall’acceleratore, costringono i padroni di casa solo a forzature e davanti Durant, Thompson e Curry sono un incubo, il fade-away dalla media di KD a 4’ dalla fine della frazione vale il +21 (64-85), il 3° quarto reciterà 33-19 Warriors.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B