NBA Awards 2018: James Harden è l’MVP!!!

Al Barker Hangar di Santa Monica va in scena l’ultimo atto della stagione NBA 2017/18 ossia quella baggianata degli NBA Awards che ha visto James Harden nominato MVP della stagione, nella battaglia dei Rookies è stato Simmons ad avere la meglio.

Come l’anno scorso spettacolo forzato ed infarcito d tutto quello che si poteva per tirare almeno 2 ore, Anthony Anderson il presentatore abbastanza accettabile, le assenze di LeBron James e Anthony Davis avevano subito fatto capire chi sarebbe stato l’MVP, i primi 5 award annunciati in neanche 30′ poi di tutto e più: gli award minori col mega discorso di Dikembe Mutombo vincitore del Sager Strong Award, l’annuncio della nuova copertina di NBA Live 19 con Joel Embiid protagonista, qualche siparietto della crew della TNT e l’esibizione Travis Scott prima del’MVP.

NBA AWARDS 2018

ROOKIE OF THE YEAR

Il prezzemolino dell’NBA DJ Khaled e Kelly Rowland presentano il 1° award dell notte nonché il più combattuto che ha visto alla fine trionfare Ben Simmons dei Philadelphia 76ers, Simmons che riceve il premio e con il tipico discorso protocollare ringrazia tutto e tutti e se ne va.

MOST IMPROVED PLAYER OF THE YEAR

Il 2° award della serata era tra i più scontati, infatti Victor Oladipo era il netto favorito dei tre contendenti (Capela e Dinwiddie), Oladipo con un abito da galera e anche lui ringraziamenti standard citando Dio come sempre per primo.

DEFENSIVE PLAYER OF THE YEAR

Tyson Chandler e Mr.Chao (Kim Jong) presentano il miglior difensore dell’anno, l’award più incerto della notte che ha visto meritatamente trionfare il francese Rudy Gobert, anche lui con abito imbarazzante in rosa shocking.

SIXTH MAN OF THE YEAR

Niente doppietta per Eric Gordon perché la fa Lou Williams, è l’esterno dei Los Angeles Clippers il 6° Uomo dell’Anno vincitore già nell’edizione 2014/15.

COACH OF THE YEAR

L’Award più discusso della notte è quello de C.O.Y perché Dwane Casey, oggi allenatore dei Detroit Pistons, ha beffato sia Brad Stevens che Mike D’Antoni. Casey che è anche l’unico che ha fatto un discorso più lungo di 30″ rispetto alla norma con tanto di frecciatina alla sua ex franchigia.

MVP

Ultimo premio della serata nonché il più atteso da tutti, come sempre è il Commissioner Adam Silver a premiare e l’MVP 2017/18 finalmente finisce tra le mani di James Harden che dopo 2 stagioni consecutive beffato all’ultimo da Steph Curry prima e Russell Westbrook dopo, porta a casa l’award più importante. Harden inoltre è diventato il 1° giocatore di sempre a vincere il titolo di “6° Uomo Dell’anno” e MVP. Infine 3 degli ultimi 4 MVP sono stati vinti da giocatori che hanno giocato dagli Oklahoma City Thunder.

T-SHIRT #14 DI NBA-EVOLUTION DISPONIBILE ORA 👇 SULLO SHOP!

ALTRI AWARDS

NBA Teammate Award: Jamal Crawford (MIN)
NBA Hustle Award: Amir Johnson (PHI)
NBA Community Assist Award: Kevin Durant (GSW)
NBA Best Syle Award: Russell Westbrook (OKC)
NBA Executive Of The Year: Daryl Morey (HOU)
NBA Sager Strong Award: Dikembe Mutombo
NBA Lifetime Achievement Award: Oscar Robertson

Come sempre il momento migliore della cerimonia lo regal l’eterno Bill Russel, ringraziato da Charles Barkley durane la premiazione del Lifetime Achievement Award l’ex #6 dei Celtics ha risposto così

NBA FAN AWARDS

PLAY Of The Year: LeBron James (CLE)

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B