NFL Tuesday 19: Recap della Week #2 (2018)!

Seconda settimana NFL con la caduta delle finaliste 2018 entrambe in Florida, il big-match tra Packers e Vikings finisce con un pareggio, vola Kansas City con Mahomes e i Rams!

NFL WEEK #2 2018

NFL - Week #2 - 2019Fitzmagic time

Il back up (?) QB dei Buccaneers sta oramai diventando una vera superstar. Dopo aver sbancato il Superdome di New Orleans, Tampa fa secchi anche i campioni in carica degli Eagles grazie ad un’altra prova da campione di Ryan Fitzpatrick che poi si presenta in sala stampa con dress code suggerito dal WR Desean Jackson! E l’idea che il titolare del ruolo, il chiacchierato Jameis Winston, possa rimanere in panca anche al rientro dalla squalifica si fa sempre più concreta. Se di Viking-Packers parleremo nel nostro mini approfondimento qui sotto, nell’altro big match della NFC, i Falcons domano i Carolina Panthers al termine di una partita vivace: decisivi i due touchdown su corsa del QB di Atlanta Matt Ryan che spaccano la partita in favore dei padroni di casa. L’ex Boston College batte Cam Newton facendo sua la strategia solitamente usata dal #1 dei Panthers!

Sgambetto Jaguars

Passiamo in AFC dove la “rivincita” dello scorso AFC Championship regalava ai Jaguars la possibità di rifarsi dei Patriots. New England è sembrata svogliata e distratta. Ne approfitta Jacksonville che sfrutta una delle migliori giornate del discusso QB Blake Bortles per mettere in freezer la partita già nel secondo quarto. Per Brady & Belichick una sconfitta che ci può stare nell’ottica generale della stagione e che non lascia particolari strascichi per l’immediato futuro. In ogni caso, per consolarsi di questa amara trasferta, i vice campioni in carica acquisiscono dai Cleveland Browns il WR Josh Gordon: con un talento secondo solo alla tendenza a mettersi nei guai (leggasi alla voce dipendenzda da alcol e droghe), Gordon ha una chance irripetibile per poter salvare la sua carriera alla corte del duo coach/qb più vincente della storia.

Mahomes da record

Dieci touchdown nelle prime due partite in stagione non li aveva mai lanciati nessuno. Bravo Pat Mahomes a guidare i suoi Chiefs con piglio da veterano non facendo rimpiangere la scelta del management di Kansas City che ha puntato su di lui nella scorsa offseason (lasciando partire Alex Smith). A Pittsburgh, i Chiefs banchettano su quello che rimane della difesa degli Steelers e a poco serve la buona prova di Big Ben che prova una disperata rimonta nel finale. La truppa di coach Tomlin si ritrova così con un record negativo e con i sorprendenti Bengals (spazzati via i Ravens) già in fuga in vetta alla AFC North. Il passo dei Chiefs viene tenuto dai Broncos che battono nel finale gli Oakland Raiders, regalando così la seconda L consecutiva a coach Jon Gruden.

Browns being Browns

Si dai possiamo ammetterlo, ci siamo affezionati a questi Browns che trovano sempre un modo per spararsi nei piedi. A New Orleans, Cleveland gioca una partita pressochè perfetta e viene condannata dal proprio kicker che sbaglia due field goal e due extrapoint (8 punti in totale…) nelle fasi clou del match. Nel cult movie “Ogni maledetta domenica”, il grande Al Pacino/Tony d’Amato diceva che il football è, come la vita, una questione di centimetri. Ecco, con un kicker affidabile, i Browns potrebbero tranquillamente sedere su un comodo 2-0 di record

Best of Luck

Dopo aver ammesso che i guai alla spalla che lo hanno condizionato per quasi tre anni erano cominciati, nel 2015, con una caduta in Snowboard (!!!), Andrew Luck gioca un’altra buona partita per i suoi Colts che sbancano Washington con autorità. Nella stessa Division dei Redskins i Cowboys battono i Giants ad Arlington e tirano un sospiro di sollievo dopo il balbettante inizio di settimana scorsa contro i Panthers.

PROTAGONISTI

Adam Thielen (WR, Minnesota Vikings): Il prodotto della semisconosciuta Minnesota State accumula ben 131 yards su 12 ricezioni con, ciliegina sulla torta, la splendida “catch” con la quale firma il touchdown del pareggio a pochi secondi dalla fine del quarto quarto.

Blake Bortles (QB, Jacksonville Jaguars): L’ho spesso messo in croce per le sue prestazioni non all’altezza delle ambizioni dei suoi Jaguars ma ieri, opposto a Brady e ai suoi Patriots, Bortles (29 su 45 per 4 td e 1 intercetto) ha saputo dare quelle certezze nel gioco aereo che, in un eventuale corsa playoff, potrebbero spingere Jax al Superbowl

Geno Atkins (DT, Cincinnati Bengals): Scegliamo Atkins per premiare il buon inizio di stagione dei Bengals. Atkins fa ammattire la linea offensiva di Baltimore e i suoi due sacks e sei hits sono il frutto di una costante pressione che fa passare una giornataccia al QB dei Ravens Joe Flacco.

LA PARTITA

Green Bay Packers – Minnesota Vikings 29-29

Il big match della giornata era in programma in Wisconsin dove i Packers ricevevano i Vikings. Partono meglio i padroni di casa nei quali Aaron Rodgers (prova più che sufficiente la sua) non sembra risentire dell’infortunio al ginocchio che sembrava potesse escluderlo dalla contesa. Effettivamente il #12 fa girare l’attacco coinvolgendo tutte le frecce, la difesa limita Cousins e a inizio quarto quarto il punteggio di 20-7 per i padroni di casa sembra preludere ad una comoda affermazione.
Con le spalle al muro, il QB di Minnesota, Kirk Cousins, si risveglia dal letargo e l’attacco dei “viola” comincia a macinare yards su yards. L’ex Michigan State trova prima Diggs, poi ancora Diggs (su “bomba da oltre 50 yards) e infine Thielen per il terzo td del quarto che pareggia il conto a meno di trenta secondi dalla sirena finale.  Green Bay è quasi al tappeto con il vento in poppa per il pareggio raggiunto allo scadere, i Vikings hanno anche la possibilità di fare bottino pieno all’overtime. A rovinare i sogni di gloria di coach Mike Zimmer ci pensa il kicker Carlson che, con due imperdonabili errori (di cui il secono da appena 30 yrds), non riesce a sbloccare il punteggio dal pareggio.
In un nostro post su Facebook pre partita avevamo puntato l’attenzione sulla prestazione di Kirk Cousins contro i Packers sottolineando come fosse fondamentale una prestazione solida per giustificare il contrattone ricevuto dai Vikings e cementare le ambizioni dei viola. E Cousins ha risposto alle nostre sollecitazioni con una prova quadrata,  illuminata da alcune giocate da campione (il lancio sul TD di Thielen è da fuoriclasse) che ha portato Minnesota ad un amen dalla vittoria. A me è rimasta l’impressione che i Vikings, tolto il QB, siano molto più forti e solidi dei Packers e che possano realmente ambire ad un posto al Superbowl 2019.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B