Serie A 2018/19: Recap 1^ giornata

Sabato è iniziato il campionato italiano di serie A con due anticipi. Nel primo vittoria abbastanza agevole dei padroni di casa della Scandone Avellino contro la Red October Cantù (98-81). Partita subito in discesa per gli irpini guidati dal duo Norris Cole, (13 ass.) e Caleb Green (32 pt.), top scorer di giornata. Avellino in fuga già dal primo quarto, che non si è più girata raggiungendo velocemente la doppia cifra di vantaggio, senza soffrire i vani tentativi di rimonta di una Cantù non ancora al completo, che ha avuto in Ike Udanoh, 19 pt. ed il 90% dal campo, il suo miglior giocatore.

Molto più combattuto il secondo anticipo del sabato. A Trento è andata in scena la partita probabilmente più spettacolare della giornata. La Vanoli Cremona ha vinto in trasferta sul campo dell’Aquila (99-104 2OT) dopo due overtime. Partita tiratissima, con Cremona avanti praticamente per tutta la partita, anche se con vantaggi tutti risicatissimi. Nel quarto periodo Trento riesce a mettere la testa avanti grazie alle giocate di Nikola Radicevic (19 pt.) e Joao Gomes (16 pt., 10 rim.), prima che la coppia Peyton Aldridge (18 pt.) e soprattutto Wesley Saunders ( 29 pt.) riportino la parità. Trento viene raggiunta nel finale anche nel primo overtime, poi nel secondo e decisivo Andrew Craford e ancora una volta Saunders segnano i canestri decisivi, il secondo freddissimo dalla lunetta, ed i ragazzi di coach Sacchetti tornano a casa con la prima vittoria dell’anno.

Grande equilibrio anche nelle partite giocate domenica, eccezion fatta per la vittoria dell’Olimpia Milano contro New Basket Brindisi (103-92). Dopo due quarti abbastanza equilibrati, Milano esplode nel terzo periodo, piazza il suo solito parziale e gioca in scioltezza senza troppi problemi. L’Olimpia chiude con sei uomini in doppia cifra, Mike James 20 pt., per la squadra di coach Vitucci buona prova di Adrian Banks e John Brown, 19 pt. per entrambi. Nel video qui sotto la conferenza stampa di coach Simone Pianigiani che rispone alla domanda di F.M.B presente al Forum.

Come abbiamo detto grande equilibrio nelle altre partite. Reggio Emilia batte abbastanza sorprendentemente Sassari (85-77), con un ottima partita del duo Ricky Ledo (22 pt.) e Spencer Butterfield (17 pt.), autore delle triple decisive nel quarto periodo. Per Sassari buona prova dei nuovi arrivi Jack Cooley e Terrance Pettaway, (18 pt. a testa).

Nel big match di giornata, vittoria dopo un overtime della Reyer Venezia sull’Auxilium Torino (76-75). Anche qui partita equilibratissima, con le due squadre che si scambiano parziali per i primi due quarti. Nell’ultimo periodo Venezia prova l’allungo decisivo, ma avanti di tre Austin Daye commette un fallo definibile assurdo sul tiro da tre di Tony Carr. L’americano converte i tre tiri liberi e si va al supplementare. Deciso nel finale da un rimbalzo difensivo di Julyan Stone e due tiri liberi di MarQuez Haynes. Per la Reyer segnaliamo Haynes (17 pt.), e Daye (15 pt.). Nell’Auxilium buona prova delle due guardie Tony Carr e Tekele Cotton (13 pt.) ma sale l’ansia per coach Larry Brown costretti a tornare (momentaneamente?) negli States per questioni di salute…

Vittoria sul filo di lana anche per Varese contro la Germani Brescia (81-80). Anche qui partita equilibrata, nessuna delle due squadre riesce a dare la spallata decisiva alla partita. Si arriva così al finale punto a punto, con Varese che si porta sul +1 con un tiro libero di Tyler Cain, prima che Bryon Allen con una tripla riporti Brescia avanti. A questo puntio entra in scena Ronald Moore che segna il canestro da tre punti decisivo per il risultato finale. Per Varese Aleksa Avramovic (30 pt.) e Thomas Scrubb (13 pt.) i migliori in campo, Jordan Hamilton (20 pt.) e Awudu Abass (17 pt.) gli ultimi ad arrendersi per gli ospiti.

A Pesaro è andata in scena quella che potremmo definire già una sfida salvezza e La Vuelle ha superato Pistoia (83-77). Dopo essere stata sotto per due quarti e mezzo, nel terzo periodo Pesaro è riuscita a ribaltare l’inerzia della partita, riavvicinandosi nel punteggio. Il sorpasso decisivo avviene a metà del quarto periodo, e da lì in avanti i padroni di casa sono molto bravi nell’evitare di far avvicinare Pistoia. Decisiva nel finale la freddezza dei tiratori dalla lunetta di Pesaro. Per i padroni di casa ottime prove di James Blackmon (21 pt.) e Egidijus Mockevicius (13 pt., 13 rim.), mentre per gli ospiti segnaliamo Kerron Johnson (20 pt.).

Chiudiamo con il posticipo di domenica sera e la vittoria esterna della Virtus Bologna sul campo della Pallacanestro Trieste (88-92). Dopo due quarti la Virtus sembra padrona assoluta della partita, ma Trieste non ci sta a perdere così malamente davanti al suo pubblico al rientro nella massima serie dopo così tanti anni di assenza. Terzo quarto strepitoso balisticamente e tre triple consecutive, due dell’insospettabile Justin Knox, riportano Trieste a contatto. Nel quarto periodo regna l’equilibrio totale, rotto nel finale dalla tripla del +4 segnata da Kevin Punter, che gela gli entusiasmi del pubblico triestino. Per Bologna grande prova di Punter (29 pt.) e di Pietro Aradori (17 pt.), per Trieste brillano Knox (16 pt.) e Walter Devondrick (15 pt.)

TOP 5

Doc. Abbati

Doc. Abbati

Il diversamente giovane del gruppo, appassionato di motociclismo e, soprattutto, dello sport made in USA , fan dei Lakers, dei Raiders e dei Mets rigorosamente in quest’ordine, seguo il basket NBA fin dagli anni 70 Nickname: Doc.Abbati