NFL Tuesday 19: Recap della Week #5 (2018)

Eccoci alla Week #5 NFL con Chiefs e Rams che proseguono imbattute, Minnesota risorge a Philadelphia, crolla Dallas mentre Mayfield trascina i Browns.

NFL WEEK #5 2018

NFL - Week #5 - 2019C’è posto per tutti
Mi dispiace, no, sul carro ancora non ci salgo. I Chiefs schiantano anche i Jaguars piantando 30 punti sulla difesa più solida della Lega e ribadendo che comandano loro. E allora perchè non cedere alla tentazione di incornare Mahomes & Co? Di inizi simili è piena la recente storia di Kansas City (arrivata, un anno, perfino ad un 9-0): inizi cui non ha mai fatto seguito progressi nei playoff. Ad aiutare il team di coach Andy Reid arrivano, comunque, anche le sconfitte delle rivali divisionali: i Broncos si fanno sorprendere a New York dai Jets di un positivo Sam Darnold e i deprimenti Raiders di questo inizio anno cedono ai Los Angeles Chargers, l’unica lontana inseguitrice di Kansas City.

Per lo stesso motivo mi tengo lontano anche dal carro dei Bengals. Ok la vittoria in rimona contro i Dolphins fa decollare il record verso un ottimo 4-1 e le facce sorridenti e determinate di Dalton&Co infondono fiducia nei tifosi. Ma anche per loro Gennaio arriverà e allora vedremo se non si sarà trattata dell’ennesima brutale illusione

Una domenica da kicker

Se il tuo kicker sbaglia quattro field goal e un extra point allora significa che non è giornata (citofonare Cleveland). E così va anche per i Green Bay Packers che riescono nell’ardua impresa di fare 0 punti nei primi due quarti pur non dovendo mai ricorrere ad un punt. A quel punto per Detroit, avanti 24-0, è più facile portare a casa il secondo scalpo d’eccezione della stagione (dopo i Patriots). A rialzarsi nella NFC North è anche Minnie: i Vikings passano a Philadelphia, vendicando da un lato la sconfitta nel NFC Championship 2018 e rialzando la testa in Division.

Altro kicker in copertina è Graham Gano che infila i pali da 63 yards a meno di un minuto dalla fine, consegnando ai Giants una tranquilla settimana sotto il fuoco di fila dei mai teneri Media newyorkesi. Per Carolina, che tiene il passo dei Saints (vittoriosi con Washington), una vittoria sudata che conferma però la solidità di una squadra da anni ad alti livelli.

L’ultimo kicker in questione è Greg Joseph. Prima sbaglia il field goal a fine tempi regolamentari per la vittoria dei suoi Browns poi, dopo un gran drive in overtime del rookie QB Baker Mayfield, riesce a centrare i pali per il calcio (della redenzione) che regala un’importante W a Cleveland su Baltimore

Rinascita giallo-nera
E’ ancora presto per dire se la W contro Atlanta (sempre più in crisi a causa di una difesa ridicola) segnerà il definitivo rilancio di Pittsburgh. Quello che è certo è che l’annunciato ritorno del RB Le’Veon Bell (che concludere il suo hold out fra un paio di settimane) darà un’ulteriore freccia all’arco dell’attacco degli Steelers.

NFC East per chi?
Dei rovesci di Giants ed Eagles, avrebbero potuto approfittare i Cowboys che cadono invece, all’overtime, nel derby texano contro i Texans. Un field goal a fine overtime consegna la vittoria a Watt&Co e mette in luce le mancanze di una squadra che non sembra avere quel ritmo e quell’intensità delle ultime due stagioni. La Division resta comunque apertissima a qualsiasi soluzione e già l’anticipo di Giovedì fra Eagles e Giants servirà a chiarire meglio la situazione

Tutto può succedere
A tenere il passo dei Chiefs sono solo i Los Angeles Rams che, e qui sta la sorpresa, devono faticare tantissimo contro Seattle. Perso il leader difensivo Earl Thomas (CLICCA QUI per leggere il Focus), il gruppo di Coach Pete Carroll tira fuori la garra dei tempi migliori e si presenta ad inizio quarto quarto avanti. Solo una rimonta nell’ultimo quarto consente a Goff e soci di mantenere un record perfetto.

Una settimana a cantare le lodi dei Titans, del ruolo del QB Marcus Mariota, di una difesa di livello e poi la stessa Tennessee perde a Buffalo contro i Bills 13-12 su un field goal allo scadere. Va bene alzo le mani anche io

Posticipo

Nel Monday Night, i Saints non hanno problemi a sbarazzarsi dei Redskins; la Storia della serata è però il record del QB di New Orleans Drew Brees che raggiunge e supera Peyton Manning per Yards lanciate.

PROTAGONISTI

Tom Brady (QB, New England Patriots): Ancora un paio di intercetti non da lui ma il “burrone” nel quale dovrebbero precipitare le sue performance (causa età) è ancora di là da venire. Touchdown n. 500 (unico nella storia NFL ad averli lanciati per un solo team) e buonanotte a tutti

Drew Brees (QB, New Orleans Saints) 26/29, 363 yards, 3 td. La percentuale di completi più alta della sua carriera in singola partita arriva nel giorno in cui lo stesso Brees acchiappa il record NFL per yards lanciate in carriera. La mostruosa cifra di 71,940 superata dall’ex Purdue racconta solo in parte la grandezza di uno dei QB più forti della storia. E ovviamente, il lancio del sorpasso, è una bomba da oltre 60yards per il touchdown di Smith

Isaiah Crowell (RB, New York Jets): Nella bella e sorprendente vittoria dei Jets contro i Broncos, brilla la stella di Crowell. L’ex Alabama State vive la giornata migliore in carriera collezionando ben 219 yards su appena 15 portate e firmando uno dei touchdown

LA PARTITA

Carolina Panthers – New York Giants 33-31

Questa è la classica partita che ti caratterizza una stagione e ciò vale in particolare per i Giants. Con le spalle al muro per un record perdente (1-3) e con la polemiche legate all’intervista rilasciata da Beckham a Espn in cui il ricevitore era molto critico con i suoi compagni in genere, Big Blue arriva in Carolina con la testa fra le nuvole. E sul 17-3 Panthers a metà secondo periodo la notte sembra calare inevitabile su New York. Serve una scintilla per rianimare una squadra imbambolata. E ci pensa proprio lui, il discusso Odell che, ricevuto un passaggio laterale dal suo QB Eli Manning, mostrando doti da Quarterback, lancia a sua volta una bomba da 56 yards per il RB Saquon Barkley che sprinta in endzone per il più assurdo dei touchdown. I Giants si rianimano e rientrano in partita e da lì diventa un batti e ribatti a suon di touchdown che sembra arridere agli ospiti quando Barkley entra in endzone per la segnatura del 31-30 New York con poco più di un minuto sul cronometro.
Cam Newton non ci sta e, nonostante una partita non perfetta, trova quei due passaggi che consentono ai Panthers di arrivare verso la metà campo. E siccome se una stagione si mette male (per New York), anche gli episodi ti vanno contro, ci pensa il kicker dei Panthers a spedire l’ovale del 33-31 da ben 63 yards (una yard in meno del record NFL giusto per contestualizzare..). E qualcuno a New York comincia a pensare a Colin Kaepernick…

Fabio G

Fabio G

Anconetano doc, seguo da anni gli Sport Americani e la NFL in particolare, con un occhio di riguardo per i Detroit Lions. Da poco collaboro con NBA-Evolution come redattore per la sezione NFL. Nickname: Fabio G