Serie A 2018/19 vi presento: Erik McCree

Ci occupiamo oggi del protagonista della roboante vittoria di Pesaro lunedì sera, che ha risollevato le sorti della VuElle, vi presento Erik McCree.

Erik McCree

Pesaro lunedì sera ha battuto un importante colpo nella lotta per la salvezza vincendo una partita importante contro una diretta concorrente come Trieste. Protagonista indiscusso della serata è stato Erik McCree, che ha giocato un’altra partita da assoluto protagonista. Il suo tabellino alla fine della partita recitava 30 pt., 10/16 dal campo, con un ottimo 3/6 da oltre l’arco, 7/8 ai tiri liberi, 6 rim., 4 rec., 1 ass., con un bel 33 di valutazione. E non è la prima volta in questa stagione che il ragazzo esibisce prestazioni simili, anche se in loosing effort.

Il nativo di Orlando è alla sua prima esperienza in Europa, è un ala classica, di 203 cm, che ha buona mano mancina da fuori, ma che non disdegna, vista la stazza, più di 100kg, di attaccare il canestro o di giocare vicino al ferro.

La storia cestistica del ragazzo nato nel 1993 inizia a West Orange High School, in Florida, dove McCree si mette in mostra per le doti offensive, e per la capacità di andare a rimbalzo. Decide di andare al college a Murray State, ma dopo il primo anno in Kentucky avarissimo di soddisfazioni cestistiche cambia college e nel 2014 approda a Louisiana Tech, dove gioca tre stagioni una più entusiasmante dell’altra, con l’anno da senior in cui è il miglior realizzatore ed il miglior rimbalzista dei suoi Bulldogs. In tre stagioni a Louisiana Tech segna più di 1400 punti e cattura oltre 700 rimbalzi, solo in sei nella storia dell’ateneo come lui, e da li sono usciti giocatorini come Karl Malone e Paul Millsap.

Non viene scelto al draft 2017, e dopo aver cercato gloria nelle summer league con gli Houston Rockets ed i Miami Heat, approda in G League ai Sioux Falls Skyforce. Il 21 Dicembre 2017 firma un two way contract con gli Utah Jazz, e viene assegnato alla franchigia di G League affiliata, i Salt Lake City Stars, dove si mette in luce per le sue caratteristiche già elencate, viaggiando ad oltre 18 punti di media, tirando sopra il 50% dal campo, con un ottimo 38% da tre punti. Ed il 5 Febbraio 2018 fa il suo esordio su un parquet NBA con la maglia dei Jazz, giocando due minuti in una facile vittoria contro i Pelicans.

Ma il ragazzo ha voglia di nuove sfide e dopo l’ennesima ottima summer league, decide di accettare le offerte della VuElle Pesaro, ed arriva nel nostro campionato. Giocatore di talento, che ha la necessità di ritagliarsi un ruolo preciso in squadra. Comunque un attaccante con punti nelle mani. Le fortune pesaresi e la possibilità di restare in serie A passano anche attraverso lui.

Doc. Abbati

Doc. Abbati

Il diversamente giovane del gruppo, appassionato di motociclismo e, soprattutto, dello sport made in USA , fan dei Lakers, dei Raiders e dei Mets rigorosamente in quest’ordine, seguo il basket NBA fin dagli anni 70 Nickname: Doc.Abbati