Kyrie Irving telefona a LeBron…per scusarsi!

Non sono state settimane felici in casa Boston Celtics, stanotte i verdi sono tornati a vincere e niente meno contro i Toronto Raptors, una vittoria arrivata dopo 4 brutti KO consecutivi con Kyrie Irving (26 anni) al centro dell’attenzione.

Irving stanotte è stato formidabile, 27 punti con tanto di canestro decisivo e career-high di assist con 18, Irving che ha riscattato con i fatti le parole dei giorni scorsi che tanto avevano destato clamore; come scritto nell’introduzione non sono giorni facili in casa Celtics soprattutto a livello ambientale, Marcus Morris (29 anni) e Jaylen Brown (22 anni) che discutono vivacemente nel Time-Out nella sconfitta a Miami, Irving che se la prende con Gordon Hayward (28 anni) nel finale perso ad Orlando e poi ancora lo stesso ex Cavs con delle dichiarazioni piccati verso i propri compagni come:

I giovani non conoscono cosa serva per essere una squadra da titolo

Poi ha corretto subito il tiro dicendo che ama i suoi compagni ma che vuole dannatamente vincere, infine la notizia di oggi riportata da Jeff Goodman della ESPN e poi confermata dallo stesso giocare a Mark Murphy del Boston Herald ossia di aver telefonato a LeBron James (34 anni) per scusarsi di non aver imparato/compreso il ruolo di leader veterano nello spogliatoio soprattutto con i giovani quando giocavano insieme, queste le sue parole:

Gli ho chiesto scusa perché volevo essere un giovane giocatore che aveva tutto sulla punta delle dita e pensavo che tutto mi fosse dovuto. Volevo essere il giocatore che avrebbe portato la squadra al titolo, volevo essere il leader, volevo essere questo. Lui è venuto a Cleveland ed ha provato a spiegarci come si fa, è stata dura per lui e non è facile tirare fuori il meglio dalla tua squadra.

Kyrie ha anche aggiunto che è sempre un bene poter ricevere aiuto e che i suoi polemici commenti ai suoi compagni di squadra era meglio tenerseli per se e non renderli pubblici.

Oggi Boston ha un record di 26-18 e naviga al 5° posto ad East a 6.0 gare dal duo Milwaukee-Toronto in cima all’Eastern Conference, non era quello che ci si aspettava dalla banda di coach Brad Stevens data per tutti come stra-favorita ad East, i Celtics finora non hanno mai avuto continuità di risultati ma soprattutto di prestazioni dei singoli, i problemi interni non hanno aiutato, che inizi adesso la loro stagione?

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B