NFL Playoffs 2019: analisi dei Championship!

I Playoffs hanno confermato i seeding usciti dalle due Conference per la prima volta dopo 3 anni, ai Championship #1 vs #2 sia in AFC che in NFC. Andiamo a vedere cosa può accadere domenica

AFC Championship Logo

Kansas City Chiefs (#1) – New England Patriots (#2)
(Arrowhead, domenica 0:40)

Dicasi 8 Championship di fila contro una squadra che non ne gioca uno dai tempi di Joe Montana nel 1994. Un quarterback che ha vinto tutto più volte e che non sembra essere minimamente sazio dei tanti successi accumulati contro un rookie de facto. Un coach rinomato per la sua freddezza nei momenti topici dei playoff contro uno che ha giocato un solo Superbowl e lo ha perso, ça vans sa dire, contro il suo avversario di domenica. Messa così ci sarebbe da consigliarvi di risparmiare le ore di sonno (il kickoff è fissato per 00.40 della notte fra domenica e lunedì italiane) per un lunedì di studio o lavoro che sia, dando per scontata la vittoria dei Patriots. E la performance di domenica scorso contro i Chargers (perfetta in ogni aspetto del gioco) ha fatto rialzare al massimo le quotazioni di New England.
La chiave per fermare i Patriots sarà, per i Chiefs, quella di chiudere qualsiasi via di corsa per il rookie Sony Michel obbligando Tom Brady a batterli via aerea: messa così potremmo essere anche incriminati di lesa maestà ma non è un segreto che questa non sia stata proprio la migliore stagione per il Fenomeno (fra gli ultimi per % di completi contro situazioni di “blitz”) e la bravura del coaching staff dei Patriots (di gran lunga il più preparato a livello NFL) è stato quello di aggiustare l’attacco a seconda delle nuove esigenze, draftando al primo round un running back che sta ora tenendo su l’attacco concedendo a Brady il lusso di non dover vincere da solo (cosa che non è forse più in grado di fare checchè se ne dica). Fra i Patriots e l’ennesimo Superbowl ci saranno i Chiefs. Rotto l’incantesimo legato alla vittoria casalinga nei playoff che mancava dai citati tempi di Montana, la squadra di coach Andy Reid cercherà di sfruttare quello che è il suo punto di forza, cioè l’attacco.
Il QB Patrick Mahomes, prossimo alla vittoria del premio di MVP, ha dimostrato, nel Divisional contro i Colts, la freddezza di un veterano guidando l’attacco a 360° e ricevendo un grande aiuto da due fattori che saranno di nuovo necessari per cercare di ribaltare il pronostico contro i Patriots. Fattore 1 una prova difensiva simile a quella che ha cancellato dal campo l’attacco dei Colts e, fattore 2, l’impatto del RB Damien Williams. Non è un mistero che l’addio del RB Kareem Hunt abbia in qualche modo inciso in quella che era una macchina da guerra perfetta. Se Williams, un onesto mesteriante fino a domenica scorsa, dovesse ripetere le gesta compiute contro i Colts allora i Chiefs avrebbero realmente una chance. Pronostico a favore degli ospiti e Patriots all’ennesimo Superbowl al termine di una partita vinta in rimonta

NFC Championship Logo

New Orleans Saints (#1) – Los Angeles Rams (#2)
(Superdome, domenica 21:05)

Come per l’AFC Championship, anche in NFC avremo una finale come “rematch” di quello giocato in Regular Season. A Novembre i Saints prevalsero 45-35 in una partita scintillante in cui i Rams, sotto pesantemente nel punteggio ad inizio contesa, erano riusciti a rimontare prima di mollare nel quarto quarto. A posteriori possiamo dire che, se da un lato quella sconfitta aveva regalato ai Saints il seed #1 e fattore campo in NFC, dall’altro aveva destato impressione la capacità degli stessi Rams di tenere il ritmo di New Orleans in una fase in cui questi ultimi erano letteralmente ingiocabili per l’intera Lega.
A questo aspetto va aggiunta la prova solida messa in mostra nel Divisional contro i Cowboys: la linea difensiva ha letteralmente cancellato dal campo il RB Ezekiel Elliott con il duo di DT Suh e Donald a rappresentare un muro invalicabile per il fenomeno ex Ohio State. I Saints sono decisamente più multidimensionali rispetto ai texani e bloccare le corse dei due RB Mark Ingram e Alvin Kamara non sarà abbastanza per limitare un attacco in cui Drew Brees può contare anche su un’altra arma micidiale come il WR Michael Thomas. Proprio Thomas, in Novembre, aveva preso in giro il CB dei Rams Marcus Peters per tutta la partita e, ciò considerato, l’annunciato ritorno, la prossima domenica, dell’altro CB/SS Aqib Talib potrebbe essere decisivo per cercare di limitare lo stesso Thomas.
L’altro fattore X della partita è legato alla performance della difesa dei Saints contro le corse dei Rams: contro Dallas, Los Angeles ha passeggiato per oltre 200 yards sulla linea difensiva texana con Anderson e Todd Gurley a dettare tempi e manovra dell’attacco dei Californiani e a sopperire alla pesante assenza del WR Cooper Kupp che, infortunatosi a fine stagione, ha tolto una freccia all’arco del QB Goff. Lo stesso Goff sta avendo una buona stagione ma è impensabile che possa vincere “da solo” la partita senza almeno 150/170 yards su “ground” dei suoi due running back (anche vista la qualità delle secondarie dei Saints). La mia previsione è quella di una partita con punteggio alto con i Saints leggermente favoriti.

Tutte e due le partite saranno trasmesse LIVE con commento italiano su DAZN

Fabio G

Fabio G

Anconetano doc, seguo da anni gli Sport Americani e la NFL in particolare, con un occhio di riguardo per i Detroit Lions. Da poco collaboro con NBA-Evolution come redattore per la sezione NFL. Nickname: Fabio G