Final Eight Coppa Italia 2019: Analisi semifinali

Oggi pomeriggio e stasera si decidono le finaliste di questa edizione della Final Eight Coppa Italia, analizziamo le quattro semifinaliste.

Secondo atto delle Final Eight di Coppa Italia 2019 con le semifinali per decidere il nome delle due finaliste. Non essendo mancate le sorprese nei quarti di finale, ci aspettiamo due partite combattute ed equilibrate, dove chi saprà trovare risorse nervose supplementari, visto il dispendio fisico, riuscirà a portarsi a casa la possibilità di giocare ancora nella finale di domenica.

Vanoli Cremona-Segafredo Bologna

Qui Cremona: La Vanoli è uscita molto bene dal derby nel quarto di finale, riuscendo a giocare il suo basket, trovando tanti protagonisti nei diversi momenti della partita. Ed il leit motive dovrà essere lo stesso anche in questa semi finale. Aggressività in difesa, controllo delle plance e del ritmo, cercare di tiri aperti anche da tre punti, soprattutto in transizione. Avere più giocatori in grado di trovare punti facili con continuità è la forza di questa squadra, così come la capacità di andare forte a rimbalzo offensivo con tanti giocatori. Cremona ormai non è più una sorpresa ma una solida certezza.

Giocatore decisivo: Andrew Crawford, ha giocato un quarto di finale fenomenale, se si accende è difficile da fermare.

Qui Bologna: La assoluta sorpresa, fino adesso, di queste Final Eight. Certo il tentativo di dare il famoso calcio al secchio del latte appena munto c’è stato, ma la Virtus ha portato a casa una vittoria meritata, per come è stata costruita soprattutto in difesa. E dalla difesa dovrà partire l’assalto alla finale, oltre al sicuro entusiasmo che la vittoria contro Milano avrà trasmesso a tutto l’ambiente. Difesa, abbiamo detto, rimbalzi, ritmi bassi, queste le armi per vincere, e tutti devono riuscire a mettere il loro mattoncino nella costruzione della casa. Non sarà facile, perché qui, forse, ci sarà meno leggerezza mentale, ma i ragazzi di coach Sacripanti hanno tutto per riuscirci.

Giocatore chiave: Pietro Aradori, esperienza, capacità di trovare tanti punti in pochi minuti, leadership. Quello che serve in partite come questa.

Pronostico: Cremona 60%-Bologna 40%

Banco di Sardegna Sassari-Happy Casa Brindisi

Qui Sassari: La sorpresa #2, non tanto per il roster ed il talento, quanto per le capacità nervose e di orgoglio dimostrato da questo gruppo. Ha saputo riemergere da una situazione sportivamente tragica, vincendo in rimonta in maniera entusiasmante. Quanto merito di coach Pozzecco ci sia dietro non ci è dato modo di sapere, ma di sicuro la Dinamo giocherà questa semifinale in uno stato mentale molto sereno. E quando hai questo talento nel roster, se trovi anche tranquillità emotiva diventi davvero pericoloso. Sassari dovrà sfruttare la maggiore fisicità, attaccando continuamente il canestro, vista l’ampiezza del roster, limitando le pause.

Giocatore chiave: Jaime Smith, punti, assist, capacità di creare gioco accellerando o rallentando quando serve.

Qui Brindisi: Coach Vitucci allena dei ragazzi che in questo momento non sanno cosa voglia dire perdere. Ed il quarto di finale contro Avellino, per come è stato vinto, è la dimostrazione di questo. Quei 40 punti subiti nel terzo periodo avrebbero ucciso un dinosauro, ed invece Brindisi li ha incassati ed ha reagito come solo una grande squadra in un periodo magico sa fare. Ed anche in questa semifinale il discorso cestistico non sarà così diverso. Ritmo elevato, transizione continua, grande aggressività e capacità di dare, ed anche subire, parziali. In questo momento i nostri favoriti alla vittoria finale.

Giocatore chiave: John Brown, dovrà reggere la maggiore fisicità degli avversari, e proseguire quanto fatto ieri contro Avellino.

Pronostico: Sassari 35%-Brindisi 65%

Doc. Abbati

Doc. Abbati

Il diversamente giovane del gruppo, appassionato di motociclismo e, soprattutto, dello sport made in USA , fan dei Lakers, dei Raiders e dei Mets rigorosamente in quest’ordine, seguo il basket NBA fin dagli anni 70 Nickname: Doc.Abbati