Playoffs SUKA Award 2019 (2° turno)

Ok ho capito cosa faccio? Lo rinomino CP3 Award? Onestamente stavolta infierire sui Rockets e Chris Paul mi sembrava troppo tipo rubare in chiesa, Boston dite? No perché l’ho già spiegato nel FOCUS (CLICCA QUI per leggere) quindi per me a SUKARE male sono stati Denver Nuggets.

DENVER NUGGETS

Hanno giocato una Regular-Season oltre le aspettative chiudendo al 2° posto “permettendosi” pure di istigare il 1° posto dei Warriors, hanno domato i tentativi di conquista di Oklahoma City, Portland e Houston e ai Playoffs hanno battuto in 7 gare i mai domi San Antonio Spurs.
La serie contro Portland era una ruolette russa, squadre di pari livello e il profumo di Gara7 si sentiva sin prima della prima palla a due, Denver aveva il vantaggio del fattore campo ma dopo Gara2 la situazione era di 1-1 con Portland pronta ad azzannare la serie tra le mura amiche dove contro i Thunder non aveva mai perso…e poi quella Gara3!
La gara dei 4 overtime, la gara dove Denver più di una volta ha visto lo striscione del traguardo ma non è riuscita a dare il colpo di reni per tagliarlo, cosa che CJ McCollum e Rodney Hood hanno fatto, Portland vince Gara3 e si porta sul 2-1. Da una sconfitta così massacrante sia a livello fisico (Jokic 65 minuti!) e mentale è difficile riprendersi soprattutto se scendi in campo 48 ore dopo, ma questi Nuggets non ne hanno voluto sapere.
Jokic e Murray giocano una superba Gara4, pareggiano la serie di puro agonismo e carattere, vincono Gara5, cadono a Gara6 nell’unica gara di Damian Lillard alla Damian Lillard e si va alla bella tra le mura del Pesi Center.

Denver è più inesperta rispetto a Portland, non può permettersi di giocarsela punto-a-punto e infatti gioca i primi 17′ in maniera sublime, cancella Lillard dal campo e cola sul +17 (39-22) e forse quello è stat il momento in cui le cose sono iniziate and andare storte. Denver si siede, Portland mattoncino dopo mattoncino rimonta e porta la partita dalla sua parte entrando nell’ultimo quarto sul -1 (72-71).
Tutte le lacune di Denver emergono brutalmente, l’assenza di una vera stella nei ruoli che contano pesa perché Jamal Murray ha tirato 4/18 dal campo, Nuggets sempre e solo disperatamente da Nikola Jokic che per quanto sublime era in primi in apnea e poi tutta la difesa addosso costringendolo a forzature, il simbolo di questo sbando è stato il tiro da 3 (sul -4 a 3’20” dalla fine) senza senso di Craig dall’angolo dopo che Murray era appena stato stoppato da McCollum.

McCollum è quel giocatore che manca a Denver e glielo ha fatto capire, vince Portland e Denver SUKA amaramente.

Denver SUKA per diverse ragioni; era avanti di 17 in casa a Gara7 e si è sciolta nel momento in cui ha realizzato quello che stava facendo sentendosi incapace di affrontarlo, ma soprattutto perché un’altra annata così non so se ricapiterà.
In telecronaca Davide Pessina ha detto che c’è un futuro roseo per questo gruppo di giovani…La squadra è forte e se Jokic decidesse di fare il PRO e non il Minors sarebbe anche più forte ma il punto è che l’anno prossimo la concorrenza sarà molto più tosta e ci saranno molte più squadre alla carica e rinforzate, Denver anche malgrado questa annata magica non è un Big-market dove i top-player sognano di giocare e Denver ha disperatamente bisogno di un esterno di qualità se vuole restare nelle vette dell’Ovest.

La sensazione è che questa sconfitta in Gara7 sia stato il proverbiale treno che passa una sola volta, sarà così?

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B