NFL 2019/20 analisi NFC Conference

Dopo aver visto chi animerà i “gironi” della AFC (CLICCA QUI per leggere), diamo un’occhiata al panorama che propone la NFC che presenta, a mio parere, Division molto più competitive. Ma andiamo con ordine e partiamo dalla North

NFC NORTH

La divisione più equilibrata della Lega non vede un chiaro favorito. Nonostante la difesa, guidata dal LB fenomeno Khalil Mack, sia di quelle d’elité, i Chicago Bears non mi convincono in attacco ed in particolare non vedo in Mitch Trubisky quel Qb in grado di fare la differenza nei momenti chiave. Talento che invece ha in abbondanza Aaron Rodgers, chiamato ad una stagione particolare: i suoi Packers hanno interrotto il rapporto con lo storico coach McCarthy affidandosi al giovane LeFleur. La totale assenza di Rodgers dalla preseason e qualche voce incontrollata proveniente dal Wisconsin parlano di un rapporto “freddino” fra i due e questo non può che nuocere alle speranze delle Teste di Formaggio. Se Minnesota presenta la solita squadra solida difensivamente e con buone individualità in attacco (penso ai WR Thielen e Diggs e al RB Cook), un vero punto di domanda sono i Detroit Lions.
Coach Matt Patricia (ex guru della difesa dei Patriots) ha parzialmente deluso nella prima stagione in riva al lago Michigan ma in offseason i Lions gli hanno messo a disposizione alcuni importanti acquisti in difesa che potrebbero rivelarsi decisivi per una rinascita in tinte blu-honolulu

Il mio pronostico:
1) Bears 11-5
2) Packers 10-6
3) Vikings 9-7
4) Lions 9-7

NFC SOUTH

Altra Division ultra competitiva è la South dove, tolti i poco promettenti Buccaneers (continuo a ritenere Jameis Winston come la NON risposta ai problemi in cabina di regia di Tampa), New Orleans, Atlanta e Carolina possono giocarsi il titolo. I Falcons si augurano di aver smaltito la tremenda delusione del Superbowl di due anni fa e, considerato il micidiale arsenale offensivo in mano al QB Matt Ryan, devono solo sperare che la difesa non li tradisca lungo la via che porta ai playoff. Un’altra squadra che deve superare una recente delusione è New Orleans: scippati del Superbowl da un’assurda chiamata arbitrale contro i Rams, Brees&Co sanno di non poter più sbagliare.
Il rinnovo del WR Michael Thomas ha disinnescato un potenziale “caso” contrattuale e Drew Brees sa di non avere più troppe chance per poter aggiungere un secondo anelli a quello vinto quasi dieci anni fa. Carolina è invece la solita squadra da cui ci si può aspettare di tutto. Il valore di Cam Newton è indubbio mentre qualche perplessità è legata all’insieme di squadra dei Panthers che non possono contare su un corpo ricevitori degno del proprio quarterback (perso anche Funchess finito ai Colts) e punteranno, come negli anni scorsi, sulla solidità difensiva e sulle corse di McCaffrey e dello stesso Newton.

Il mio pronostico:
1) Saints 12-4
2) Falcons 10-6
3) Panthers 10-6
4) Buccaneers 4-12

NFC EAST

Il rinnovo di Zeke Elliott toglie le castagne dal fuoco ai Dallas Cowboys che possono avere di nuovo disponibile il loro asso nel backfield texano. Il prodotto di Ohio State dà una dimensionalità diversa all’attacco guidato dal QB Dak Prescott ed è una pedina fondamentale in una Division in cui Dallas punta decisamente a far propria la leadership. A contendere lo scettro della NFC East saranno probabilmente i Philadelphia Eagles che sperano di aver già pagato il salato conto degli infortuni toccati al proprio leader e QB Carson Wentz: partito Foles in direzione Jacksonville, gli Eagles sono All In con l’ex North Dakota State che, prima del suo infortunio, due anni fa stava giocando una stagione stellare. Proprio su quella base è arrivato un ricco rinnovo per Wentz.  Se la difesa dei biancoverdi è di alto livello così non lo è il backfield dove, svanito il colpo Le’Veon Bell (finito ai Jets), la sola presenza di Jordan Howard non sembra poter garantire quelle yards su terra fondamentali per rendere credibile un running game di livello.
Un passo indietro vedo i Redskins e i Giants: i primi han deciso di far aspettare Dwayne Haskins lasciando in panchina l’ex Ohio State per questo inizio di stagione puntando su un approccio più soft alla NFL (il titolare sarà l’esperto Case Keenum). Lo stesso discorso sarebbe dovuto valere anche per i Giants con il duo Manning/Jones a rappresentare l’ideale staffetta fra due generazioni: il fatto che lo stesso Jones, uscito da Duke e sorprendentemente preso al draft al primo giro, abbia collezionato buone prestazioni in pre-season potrebbe portare ad un avvicendamento più veloce di quanto previsto

Il mio pronostico:
1) Cowboys 11-5
2) Eagles 11-5
3) Giants 5-11
4) Redskins 6-10

NFC WEST

Arrivati in pompa magna (e con un enorme favore arbitrale) allo scorso Superbowl, la perfetta macchina da guerra di coach McVay si è sciolta come neve al sole di fronte ai soliti Patriots. Il rinnovo di contratto del Qb Jared Goff (che lo ha reso il regista più pagato della Lega, 4 anni per $134 milioni di cui $100 garaniti) dice molto della volontà della dirigenza di puntare su questo gruppo. Con la superstar Aaron Donald a suonare la carica in difesa tutto è possibile e i Rams dovrebbero far loro la Division senza troppi patemi.
Arizona vedrà il debutto del rookie Kyler Murray, pick #1 dell’ultimo draft, che avrà il tempo di sviluppare le proprie abilità in un contesto, quello dei Cardinals, da cui non ci si aspetta molto per questo 2019. Stessa fase di crescita che interviene per i 49ers che si aspettano di avere finalmente una stagione completa dal QB Jimmy Garoppolo. Chiusura per i Seahawks. Il colpo Clowney (il DE è arrivato via trade dai Texans) rinforza una difesa già di livello e se l’attacco guidato dal Qb Russell Wilson dovesse ingranare subito, Seattle potrebbe essere la vera sorpresa dell’anno.

Il mio pronostico:
1) Rams 13-3
2) Seahawks 11-5
3) Cardinals 4-12
4) 49ers 3-13

Fabio G

Fabio G

Anconetano doc, seguo da anni gli Sport Americani e la NFL in particolare, con un occhio di riguardo per i Detroit Lions. Da poco collaboro con NBA-Evolution come redattore per la sezione NFL. Nickname: Fabio G