La Spagna domina l’Argentina ed è Oro Mondiale!

La Spagna gioca una finale semplicemente perfetta dal primo all’ultimo minuto dominando l’Argentina ed il suo agonismo, per gli iberici si tratta del 2° titolo Mondiale.

FIBA WC 2019 - Logo

🏆FINALE🏆

Argentina 🇦🇷 – Spagna 🇪🇸 75-95
(14-23; 31-43; 47-66)

ARG: Brussino 8, Capazzo 11, Deck 24, Delia 2, Garino, Laprovittola 17, Scola 8, Vildoza 2, Redivo 3, Gallizzi, Fjellerup, Caffaro
All.Hernandez

ESP: Rubio 20, Gasol 14, Fernandez 11 (10 rimb), Claver 2, Llull 15, Ribas 5, J.Hernangomez 11, Beiran, Colom, W.Hernangomez 11, Oriola 6, Rabaseda
All.Scariolo

Quintetti
ARG: Campazzo, Garino, Brussino, Delia, Scola
ESP: Rubio, Oriola, Rudy, Hernangomez, Gasol

RECAP

Superba partenza della Spagna che in 2’ vola sul 7-0 dopo la bomba frontale di Gasol, Iberici più attivi e cattivi vedi il rimbalzo offensivo di Juancho su airball di Rudy convertito con 2+1 per il 2-12 dopo 3’, i ragazzi di coach Hernandez però si accendono e con loro la partita; break di 11-0 chiuso con gioco da 3 punti in contropiede di Beck per il -1 (13-14) a 2’20”, parziale figlio dell’ottima difesa che ha costretto gli spagnoli a forzature ma soprattutto palle perse innescando il contropiede.
La Spagna non subisce il colpo anzi risponde con un suo break di 9-1 andando al riposo lungo sul +9 co Luis Scola ancora non pervenuto.

Rudy apre col botto il 2° quarto con 2 triple nel parziale di 8-2 Spagna chiuso sempre dall’esterno del Real per il +15 (16-31) a 7’39”, la Spagna è padrona della partita, più solida, più corale, più letale nel lavorare la difesa avversaria, più aggressiva rispetto ad un’Argentina con la statistica dei rimbalzi che recita 26 a 15 con 10 offensivi per i ragazzi di coach Scariolo avanti 31-43 all’intervallo.
Alma che non sta avendo nulla da Scola (0 punti nel primo tempo) ed aggrappata alla giocate di Laprovittola (9 punti).

La partita prosegue sulla falsa riga del primo tempo, la Spagna detta il ritmo (basso), Marc Gasol spiega pallacanestro e l’Argentina non riesce ad innescarsi e a sfondare il muro difensivo iberico, a 7’ dalla sirena l’Alma sembra gettare la spugna: Gasol prima stoppa Delia e poi realizza un comodo layup assistito da Rubio per il 17, il +19 è dietro l’angolo e arriverà dopo una schiacciata in totale solitudine (colpa della Box-And-One eseguita male) di Juancho (33-52) sempre assist Rubio.
Gasol restituisce il favore al neo-Suns che segna col fallo sferrando un pesantissimo pungo al morale argentino per il +22 (33-55) a 5’30” dalla fine della frazione.
I Sud-americani provano a metterlla sull’agonismo ma non funziona, dopo 30’ la Spagna comanda saldamente le operazioni sul +19 (47-66).

L’Argentina getta il cuore oltre l’ostacolo e punisce i due pasticci di Rubio con tripla di Laprovittola, layup di Deck e 2 liberi di Campazzo tenendo in vita la speranza sul -12 (56-68) a 7’ dalla conclusione e Scola a 4’ ha nelle mani la tripla frontale per il possibile -9 ma la sbaglierà, Gasol subirà fallo ed il suo 2/2 spegnerà l’entusiasmo argentino per il 68-82!

Malgrado il cuor di Deck non c’è più niente da fare per l’Argentina che si arrenderà alla Spagna di un super Rudy Fernandez (11+10) ed un gigantesco Marc Gasol da 14+7+6 che completa la doppietta Titolo NBA e Titolo Mondiale, per Sergio Scariolo 5° titolo da capo allenatore degli Iberici!

Ricky Rubio fa doppietta con l’MVP sia della finale e del torneo oltre alla presenza nel 1° quintetto con Marc Gasol.

PAGELLE

ARGENTINA

Squadra5: Asfissiata e dominata dalla Spagna che ha tutti i meriti di aver eseguito un perfetto piano partita.

Agustin CaffaroSV

Luca Vildoza4: Non riesce a lasciare il segno.

Luis Scola3: Mondiale pazzesco, manca proprio nella partita più importante

Facundo Campazzo5: Non riesce ad entrare pienamente in partita, ha qualche fiammata delle sue ma nel complesso non è stata la sua partita.

Nicolas Laprovittola6: L’unico con la faccia giusta nel primo tempo e l’unico che le ha provate tutte anche andando oltre.

Nicolas Brussino4: In balia di Rudy Fernandez nel primo tempo, mai in partita.

Maximo FjellerupSV

Marcos Delia4: Portato a scuola da Marc Gasol

Gabriel Deck6,5: Solito infinito cuore, ultimo a mollare!

Lucio RedivoSV:

Patricio Garino4: Vedi Brussino.

Tayavek Gallizzi3: Solito copione, entra, rifila i soliti 2/3 colpi pesanti e poi esce.

SPAGNA

Squadra10: Capolavoro di Scariolo, piano partita perfetto, eseguito alla perfezione, bravo lui a gestire le sfuriate degli Argentini. Tutto perfetto!

Quino ColomSV

Rudy Fernandez8: Comincia subito a marce alte, segna canestri importanti, incubo della difesa argentina che non riesce a trovare soluzione…per tutti i 40’. MVP della partita ed oltre agli 11 punti ci aggiunge 10 rimbalzi.

Pau Ribas7: Entra dalla panchina e contribuisce alla prima fuga dei suoi con piccole ma importante giocate

Ricky Rubio7: Magie, assist, errori banali riscattati sempre con la solita giocata di personalità. Il live motiv dei suoi Mondiali. Chiude con MVP della finale, MVP del Mondiale e 1° quintetto.

Victor Claver7: Rudy, Rucbio, Gasol superbi ma Claver ha svolto un lavoro esemplare su ambedue i lati del campo.

Marc Gasol8: Dominato da ogni lato del campo. MVP dei Mondiali. Stop.

Juancho Hernangomez7: Vedi Rubio, dalla prima partita alla finale sempre timbrato l cartellino per dinamismo, presenza ed efficacia

Pierre Oriola6,5: Davanti poco ma in difesa si è fatto sentire e non poco.

Xavier RabasedaSV:

Sergio Llull7,5: Solito Sergio Llull, niente fuochi d’artificio, poi leggi il boxscore e leggi 15 punti in 22’ con 6/13 dal campo.

Javier BeiranSV

Wily Hernangomez7: Zitto zitto 11 punti, poche sbavature, contributo sensibile

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B